Emergenza urgenza e ostetricia ancora in appalto a privati: per Carpi e Mirandola nuovo bando da 1 milione
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Emergenza urgenza e ostetricia ancora in appalto a privati: per Carpi e Mirandola nuovo bando da 1 milione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Via libera dell'Ausl anche alla proroga fino ad ottobre, per altri 800.000 euro, alle due cooperative private che attualmente gestiscono la copertura dei turni nelle strutture ospedaliere dell'area nord. Continuano le esternalizzazioni che l'Assessore Donini si era impegnato a fare cessare da fine 2023 e nonostante i rilievi della Corte dei Conti


Emergenza urgenza e ostetricia ancora in appalto a privati: per Carpi e Mirandola nuovo bando da 1 milione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'L’Emilia Romagna metterà fine all’impiego dei medici a gettone per le emergenze entro quest’anno'. Ad annunciarlo, un anno fa, l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, rispondendo a un’interrogazione in assemblea legislativa. Impegno ribadito dallo stesso Assessore nella seduta modenese della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria in occasione della presentazione della riforma regionale dell'emergenza urgenza nell'autunno dello scorso anno.

Insieme all'Assessore Donini, a criticare e a mettere in dubbio l'efficacia del ricorso alle cooperative esterne private per la copertura di turni al Pronto Soccorso a causa della carenza di personale interno (in provincia di Modena particolarmente utilizzate nell'area nord per l'emergenza urgenza e l'ostetricia degli ospedali di Carpi e Mirandola), erano gli stessi dirigenti delle aziende sanitarie.

Criticità legate da un lato ad i costi ben più alti (circa 1300 euro a turno), rispetto al costo a turno di un medico interno, dipendente e, dall'altro, al fatto che l'organizzazione ed il mix di personale esterno ed interno non porterebbe agli stessi risultati in termini di lavoro di squadra e, appunto, di organizzazione dei reparti e dei servizi.

Elementi inseriti anche nella richiesta, avanzata dalla commissione sanitaria tecnica regionale nell'ottobre 2022, di non prorogare oltre al 31 dicembre 2022, l'apertura, in deroga, del punto nascita di Mirandola.

Raccomandazioni, impegni, promesse quelle di cessare in tempi brevi il ricorso a soggetti privati per la copertura dei costi, che sono rimaste, in provincia di Modena, ed in particolare nel distretto nord dell'Ausl di Modena, nel cassetto.

I servizi di emergenza urgenza e di ostetricia per la copertura dei turni negli ospedali di Carpi e Mirandola, già avviati nel 2022, sono proseguiti per il 2023 in previsione della loro scadenza a gennaio 2024. La carenza di personale a cui non si è trovata soluzione ha spinto l'Ausl a prorogare gli stessi al maggio 2024.
Scadenza tra pochi giorni, il giorno 29, utilizzando quel 50% concesso dalla legge e sancito nei contratti. Ma non non sufficiente per dire basta. Il personale medico manca ancora, anche perché l'esodo (a tratti vera e propria fuga), continua e c'è ancora bisogno, anche se in minura minore ma sempre importanti, di professionisti privati, esterni. A gettone. In questo caso forniti da società e cooperative.
 
Nella determina Ausl del 3 maggio scorso viene sancito che le attività di reclutamento di specialisti non hanno permesso di reperire tutte le risorse mediche attese, nonostante le azioni esperite nel tempo. Ed è così che si pensa ad un nuovo bando per l'esternalizzazione dei turni per atri 12 mesi. Nelle strutture ospedaliere dell'area nord. Un bando che per le sue caratteristiche deve essere europeo e che difficilmente potrà essere elaborato, ma soprattutto andare a termine con l'affidamento, entro la fine di maggio.

Ed è così che contestualmente al via libera al progetto con le caratteristiche del nuovo bando per 12 mesi di servizio diviso in 807.000 euro (iva esclusa) per il dipartimento dell’emergenza urgenza dell’area nord, e quindi per gli ospedali di Carpi e Mirandola, e per 188.000 euro per l’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia (totale di 995.000 euro), l'Ausl di Modena inserisce la proroga per estendere la durata del contratto di servizio alle due cooperative esterne che ora li gestiscono fino all'ottobre di quest'anno. Stanziando 554.000 euro iva esclusa per l’emergenza urgenza nell'area nord (Carpi e Mirandola), e 334.000 per la ginecologia e l’ostetricia dell’ospedale di Carpi per la copertura del servizio fino all’ottobre 2024, considerando che per l'ostetricia di Mirandola, viene scritto nella determina, non c'è più bisogno di ricorrere alla copertura di altri turni. 

In totale, se si tiene conto dei soldi stanziati per l'ulteriore proroga ad ottobre e la copertura dei 12 mesi previsti dal nuovo bando, quasi due milioni di euro, per i soli ospedali dell'area nord. Per continuare ad esternalizzare  servizi che da indicazioni della regione e dai recenti rilievi della corte dei conti sul bilancio Ausl non avrebbero più dovuto essere esternalizzati.

Un indirizzo politico e contabile sottolineato sempre un anno fa anche nel cosiddetto Decreto Bollette del ministro della Salute Orazio Schillaci che tra le disposizioni aveva proprio quella disincentivare il ricorso ai gettonisti, inserendo limiti alle esternalizzazioni nel corso dell’anno e al reclutamento di professionisti usciti dal servizio sanitario.

Un decreto che, per espressa sottolinatura dell'Ausl di Modena, non comprende, solo per una questione temporale e non di merito, le nuove esternalizzazioni previste dall'Ausl. Che avverrebbero entro i 12 mesi dall'entrata in vigore dal decreto. In sostanza per il solo fatto che i nuovi atti per esternalizzare i servizi vengono istruiti dall'Ausl entro il 29 maggio esenta dall'essere tecnicamente incompatibili con i limiti e le disposizioni indicate dal decreto bollette. Rimane una questione di merito e di opportunità, sia alla luce dei rilievi della Corte dei Conti sulle esternalizzazioni, e sia alla luce degli indirizzi della Regione richiamate e ribadite a più riprese dall'Assessore regionale alla sanità Donini-
“L’esternalizzazione è una stortura del sistema, è nostra intenzione smettere con tale pratica entro il 2023”.

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24