https://www.lapressa.it/articoli/societa/giornata-mondiale-contro-il-cancro-infantile-30-i-casi-trattati-al-pohttps://www.lapressa.it/articoli/societa/giornata-mondiale-contro-il-cancro-infantile-30-i-casi-trattati-al-poprc Giornata mondiale contro il cancro infantile: 30 i casi trattati ogni anno al Policlinico
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
articoliSocieta'

Giornata mondiale contro il cancro infantile: 30 i casi trattati ogni anno al Policlinico

La Pressa
Logo LaPressa.it

Attualmente la probabilità di guarigione a cinque anni dalla fine delle terapie in Italia è oltre l’80%. L’importanza del supporto psicologico e delle attività in reparto


Giornata mondiale contro il cancro infantile: 30 i casi trattati ogni anno al Policlinico
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

A Modena sono circa trenta i casi di pazienti affetti da neoplasie infantili che dal territorio provinciale, ma in alcuni casi anche italiano e fuori nazione, si rivolgono alla Pediatria del Policlinico. Il dato fa da cornice alla Giornata Mondiale contro il cancro infantile che ricorre questo giovedì, 15 febbraio.

A Modena la Pediatria del Policlinico si prende cura da sempre dei tumori infantili, fin dal 1960, anno a cui si fanno risalire i primi registri, pur in assenza, allora, di cure efficaci. Dal 1980 l’Unità Operativa di oncoematologia pediatrica tratta neoplasie infantili e si è associata fin dalla sua fondazione con AIEOP (Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica) in una rete di centri di cura italiani coordinati insieme.

'In Italia si ammalano circa 1500 bambini all’anno tra gli zero e i 14 anni oltre a 900 adolescenti tra i 14 e i 18 anni – spiega il Professor Lorenzo Iughetti, Direttore del Dipartimento Materno-Infantile dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena - attualmente la probabilità di guarigione a 5 anni dalla fine delle terapie è oltre l’80%. Questi successi terapeutici sono stati ottenuti con percentuali differenti a seconda del tipo di tumore, per esempio con un’incidenza molto migliore per leucemia linfoblastica acuta e linfoma di Hodgkin'.

'Le cure dei tumori infantili – prosegue il Dottor Giovanni Palazzi, medico dell’Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Modena – si avvalgono degli strumenti tradizionali di cura quali chirurgia, radioterapia e chemioterapia, e vengono adattate alle esigenze della popolazione pediatrica. Si tratta in realtà di un grande sforzo collettivo che richiede professionalità adeguate, uso dei farmaci con attenzione alle peculiarità dell’organismo infantile, adattamento dei contesti quali sale operatorie, reparti, strumentazioni.

Oggi l’avvento di una medicina sempre più personalizzata (trattamento cellulo mediato, farmaci biologici) è una realtà a cui possono accedere anche i pazienti pediatrici e che viene utilizzata in tutti i centri di cura, compresa la nostra Unità Operativa'.

Il sostegno psicologico ai pazienti oncologici pediatrici è fondamentale in quanto la complessità della diagnosi e del processo di cura coinvolge il bambino come l’intera famiglia. La oncologia pediatrica fin dal primo momento si è posta il problema del sostegno del bambino che va dalla comprensione della malattia alla accettazione della cura, secondo la varietà delle acquisizioni neuropsicologiche delle varie età infantili. Anche al Policlinico da sempre il servizio di psicologia della azienda sanitaria modenese affianca l’attività di reparto con uno psicologo che lavora a fianco di medici e infermieri, nel sostegno dei bambini e degli adolescenti, dei genitori e delle famiglie (in modo particolare i fratelli) che partecipano a distanza alla cura. Sempre al fianco dei pazienti esiste una rete di volontariato attiva fin dagli anni Ottanta che tenendo a cuore il “tempo ospedaliero” dei bambini lavora per riempirlo di vita normale, giochi, letture e svago. Negli anni si è poi via via strutturato un percorso consolidato che guarda alle diverse esigenze dei bambini: lo Spazio Incontro, emanazione dei Servizi all’Infanzia del Comune di Modena, e la Scuola Ospedaliera, un vero e proprio Polo Scolastico per le attività didattiche della Primaria, che permette ai bambini di proseguire le lezioni scolastiche, il raccordo con la loro scuola di origine e la attivazione della istruzione domiciliare.

Fortunatamente in Italia oggi vivono quasi 50.000 persone guarite da tumore in età pediatrica, numero in progressivo aumento in quanto ogni anno si aggiungono circa 1200 persone in più. Hanno un’età variabile tra 6 anni e oltre 60 anni, e anche l’età cronologica continua ad aumentare. «“Guarire non è abbastanza” – conclude il Dottor Giovanni Palazzi - un bambino guarito da tumore ha davanti a sé molti anni di aspettativa ed è nostra responsabilità garantirgli una qualità di vita il più normale possibile, oltre che il più lunga possibile. Pertanto, oltre che i controlli oncologici per il controllo della malattia di base, devono essere eseguiti controlli per valutare l’insorgenza di questi effetti a distanza. Il loro monitoraggio deve essere paziente-specifico e cioè basato sulle caratteristiche del paziente, della sua malattia e sulle terapie effettivamente somministrate. Per programmare i controlli cui viene in aiuto da alcuni anni il “Passaporto del guarito”, documento che viene consegnato ai paziente con tutto i dati della malattia e delle terapie, e con i follow-up consigliati in base ad esse, da proseguire anche oltre l’età pediatrica. Questo tipo di monitoraggio evita una eccessiva medicalizzazione e permette ai pazienti una vita quotidiana normale'.

Nella foto, da sinistra, Giovanni Palazzi e Lorenzo Iughetti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

CISL Emilia Centrale
Societa' - Articoli Recenti
Documenti falsi e ricettazione: un arresto e una denuncia a Modena
In due attività di controllo dei Carabinieri. Un 39enne italiano e un 27enne straniero con ..
22 Maggio 2024 - 16:54
La componente aerea dei Vigli del Fuoco nasce a Modena e domani compie 70 anni
Cerimonia aperta al pubblico domani mattina all'hangar al parco Ferrari dove sarà esposto ..
22 Maggio 2024 - 15:45
Zona Musicisti, la giunta annuncia un parcheggio per 19 auto
Il progetto esecutivo dell’intervento di riqualificazione è stato approvato nei giorni ..
22 Maggio 2024 - 12:56
Palazzina ex fonderie: ulteriore perizia, si allungano i tempi, l'aumento di spesa raggiunge i 450.000 euro
E dopo la doppia proroga nel 2022 e 2023, sforata anche la data del 30 aprile per ..
22 Maggio 2024 - 10:43
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24