Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Modenamoremio
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliSocieta'

Sport di base: 'Siamo gli ultimi tra gli ultimi, situazione grave, servono altre misure'

Data: / Categoria: Societa'
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Appello degli enti di promozione sportiva Uisp, Csi, Aics, Acli, Csen e Asi: 'Danni economico-sociali gravi'. Parlano Vera Tavoni (Uisp) e Emanuela Carta (CSI)


Sport di base: 'Siamo gli ultimi tra gli ultimi, situazione grave, servono altre misure'

Un altro duro colpo per lo sport di base e gli Enti di Promozione, la chiusura dettata dalla nuova “zona rossa” in provincia di Modena e non solo. Un ulteriore sforzo richiesto a un mondo ormai davvero dimenticato dal Governo centrale e che, ancora una volta, viene messo in secondo piano. Uno sforzo che tutti gli EPS a Modena come a livello nazionale, hanno accettato col solito senso di responsabilità ma che questa volta non può essere esente da forti proteste: ancora una volta infatti, non è la prima, si sono create disparità tra gli Enti di Promozione e il resto del mondo sportivo che afferisce alle federazioni. Alcune di queste, sia chiaro, si sono da sempre dimostrate molto collaborative e sensibili alle problematiche degli enti, in un confronto molto produttivo sul territorio provinciale.


Ciò non toglie che i provvedimenti che arrivano da Roma, ancora una volta, trattino lo sport di promozione sociale come ultimo tra gli ultimi.

Non è la prima volta: da quando è iniziata la pandemia gli Enti di Promozione Sportiva hanno più volte denunciato le misure a due marce. Non è una battaglia contro il professionismo o l’attività delle federazioni, assolutamente, ma soltanto una richiesta, a gran voce, di parità di trattamento. Il discrimine deve essere la sicurezza e il rispetto dei protocolli, che gli EPS hanno concordato con il Governo e imposto con grandi sacrifici alle loro società. Con questo provvedimento il messaggio che passa continua ad essere quello di due pesi, due misure, che in alcuni casi, ove non vi sia collaborazione o comprensione degli organi federali, crea una concorrenza sleale: alcune ASD e SSD affiliate agli EPS, infatti, in un anno di pandemia non hanno perso soltanto soldi e lavoro, ma anche migliaia di tesserati che hanno preferito tesserarsi con altri organismi ai quali invece era consentita ancora la pratica sportiva.

Insomma, è l’ennesima ferita, che segue lo stop forzato alle piscine e palestre dello scorso ottobre, dopo gli sforzi enormi fatti per adeguarle ai protocolli: impianti spesso gestiti proprio dagli Enti di Promozione ma che in zona rossa rimangono aperti, con enormi perdite, solo per garantire attività che non afferiscono agli Enti stessi. Un anno di pandemia ha portato già migliaia di realtà associative allo stremo e la maggior parte di quelle che resistono, lo fanno a fronte di aiuti dello Stato non sufficienti alla reale tenuta del sistema.

A parlare sono i presidenti Uisp e Csi, e insieme a loro si uniscono alla protesta anche gli altri enti provinciali, l’Aics col presidente Sandro Zoboli («si ponga fine a questa incomprensibile disparità che discrimina atleti di serie A e serie B»), l’Acli col presidente Guido Capiluppi, l’Asi col presidente Giulio Dotti, lo Csen col presidente Andrea Mariotti.

Vera Tavoni, presidente Uisp Modena, fa proprie le parole dell’Uisp nazionale: «I nostri protocolli li abbiamo sempre rispettati alla lettera, ma c’è un altro protocollo che ancora una volta qualcuno non onora: il protocollo dell’uguaglianza, del diritto di tutti e per tutti, e soprattutto quello della serietà e della parola data. Ci ritroviamo in ginocchio noi, con ristori ampiamente inadeguati poiché calcolati solo sul fatturato, che per enti come i nostri rappresenta solo una piccola parte di bilanci che sono per lo più istituzionali; si ritrovano in ginocchio i nostri operatori, con bonus elargiti solo per pochi mesi e con grande ritardo. Il nostro è un appello accorato».

Con lei, la presidente CSI Modena Emanuela Carta: «Con le scuole chiuse in zona rossa la sospensione anche degli allenamenti è una decisione comprensibile: vogliamo però ricordare ancora una volta, e non smetteremo mai di farlo, quanto lo sport sia importante per le nostre comunità, per il benessere psicofisico delle persone e per la capacità di favorire inclusione sociale, crescita ed educazione, soprattutto per le persone più giovani e più fragili. In questa situazione di poca chiarezza al movimento sportivo modenese va riconosciuto il grande senso di responsabilità nell’attenersi alle disposizioni limitando, e in alcuni casi sospendendo, le proprie attività. Questa attenzione va sostenuta e valorizzata, in particolare vanno supportate da un punto di vista progettuale ed economico quelle realtà che da tempo investono nella promozione sportiva, spesso anche attraverso la complessa e impegnativa gestione degli impianti sportivi»


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Modenamoremio
Articoli Correlati
Green Pass nei trasporti, svolta dal ministero: ecco le prime deroghe
Ruote Libere
14 Ottobre 2021 - 17:27- Visite:38558
'Green pass e autotrasporto: è fallito come previsto blocco ..
Societa'
27 Settembre 2021 - 14:29- Visite:33501
'No Green Pass, gli autotrasportatori non si fanno strumentalizzare'
Societa'
25 Settembre 2021 - 12:14- Visite:31443
Da asili nido gratis a punti nascita riaperti: le 16 clamorose ..
Politica
28 Gennaio 2020 - 16:35- Visite:20328
Hera, compenso dell'ad Venier quasi raddoppia in un anno: ora guadagna..
Economia
30 Aprile 2020 - 11:21- Visite:18459
Anita si sta sfaldando, dopo Pigliacelli dice addio anche Spinelli
Ruote Libere
29 Ottobre 2017 - 23:30- Visite:15923

Societa' - Articoli Recenti
Variante Omicron: Ursula von der ..
Commissione Ue: 'Priorità è vaccinarsi e fare terza dose'
28 Novembre 2021 - 17:59- Visite:369
Covid, 205 contagi a Modena e nove ..
I sintomatici sono 83, gli asintomatici 122
28 Novembre 2021 - 17:56- Visite:1539
Covid, 1344 contagi in Emilia Romagna..
I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 62 (+4 rispetto a ieri), 632 quelli negli ..
28 Novembre 2021 - 14:32- Visite:1311
'Sacca, l'impatto del nuovo polo ..
Il Comitato dei residenti diffonde le immagini del progetto: 'Quattrocento camion in più in..
28 Novembre 2021 - 12:10- Visite:778
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:366110
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:292544
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:183347
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:180821