Il porta a porta a Modena non soddisfa: per l'85% dei modenesi città più sporca
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
articoliSocieta'

Il porta a porta a Modena non soddisfa: per l'85% dei modenesi città più sporca

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il parere di 3000 modenesi espresso e analizzato nel sondaggio U.Di.Con. La maggioranza non è contraria al porta a porta, ma a come è stato applicato a Modena e chiede correttivi: dal ritorno ai cassonetti tutti con tessera a isole ecologiche accessibili sempre a più puntualità nella raccolta. Paldino (Presidente): 'Serve un patto di responsabilità tra gestore e cittadini'


Il porta a porta a Modena non soddisfa: per l'85% dei modenesi città più sporca
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Mancata o scarsa condivisione comunicazione iniziale, mancata condivisione degli obiettivi da raggiungere e un inizio (che però dura da ottobre) caotico con tanti errori anche da parte di Hera. Sono questi gli elementi critici riscontrati da tanti cittadini modenesi nel modello di raccolta differenziata misto porta a porta avviato a Modena. Punti che avrebbero portato ai risultati deludenti anche nell'opinione degli utenti modenesi registrati dal sondaggio U.Di.Con Emilia Romagna. Un servizio di raccolta rifiuti che dopo quasi un anno dall'avvio graduale, nell'ottobre 2022, ancora non soddisfa gli utenti modenesi. In grande percentuale. Basta considerare che l'85% dei circa 3000 cittadini (di cui la maggior parte donne), che hanno partecipato al sondaggio U.di.Con, ha dichiarato che la città oggi è più sporca di quando il porta a porta non c'era.

La sensazione, considerando le osservazioni a campo libero lasciate dai cittadini che hanno compilato il questionario, è che la percentuale sia stata influenzata dalla prolungata presenza sul suolo pubblico dei sacchi di carta e plastica, ben oltre gli orari previsti per il ritiro. 

Un dato che fa il paio con quello che indica come il 72% (71,8) del campione intervistato ritiene che gli strumenti messi in campo finora per correggere le problematiche iniziali non siano stati soddisfacenti. E neppure l’introduzione del tutor in alcune zone pare avere cambiato le cose, al punto che l’86,6% dichiara di non averlo mai visto nel proprio quartiere.

In sostanza Hera non avrebbe fatto, e in molti casi continuerebbe a non fare (come tra l'altro abbiamo avuto modo di verificare questa mattina in città dove in molte vie sacchi e contenitori di rifiuti erano ancora in bella vista, su strade e marciapiedi ben oltre il mezzogiorno), ciò che ogni giorno invece dovrebbe fare.

A questo si aggiunge in doiversi casi il mancato senso civico dei modenesi che abbandonano rifiuti in quantità e modalità non corrette, per non dire illegali. 



E su questo punto emerge un altro interessante dato dal sondaggio: nonostante le criticità del modello rilevate a più riprese dai cittadini coinvolti nel sondaggio, un’altissima percentuale (79,2%) imputa anche allo scarso senso civico dei cittadini stessi le difficoltà del funzionamento del sistema di raccolta.

Alla domanda sulla pulizia delle strade (sacchetti abbandonati, sporcizia diffusa, ecc), la media tra i quattro quartieri è di un 61,5% di partecipanti che boccia l’attuale situazione (sommando sia i giudizi gravemente insufficienti che quelli appena sotto il 6), con un picco del 64,5% in centro storico.

Significativi anche i risultati sulla parte informativa propedeutica all’avvio del nuovo porta a porta con un 38,5% del campione che dichiara di non avere partecipato a nessuna iniziativa, probabilmente perché non è stato raggiunto da nessuna della modalità messe in campo da Hera o dal Comune. Andando nello specifico, le due fasce d’età meno coinvolte sono state quelle 18-30 (46,51%) e gli over 70 (52,94%). Al fronte di ciò, emerge comunque che i 2/3 del campione (65,6%) ritiene che siano state fornite tutte le informazioni necessarie e anche con adeguato preavviso.

Andando sui ‘problemi tecnici’ del servizio, solo poco meno del 20% ha dichiarato di non aver riscontrato problemi, mentre la netta maggioranza ha evidenziato una molteplicità di problematiche, prima tra tutte quella relativa all’utilizzo della tessera Smeraldo per la raccolta indifferenziata.

Alta anche la percentuale dei modenesi che ha ampliato il ventaglio delle problematiche: il 22,3% ha indicato, in particolare, mancato rispetto del calendario di raccolta, poca chiarezza su dove lasciare i sacchi, mancata consegna dei kit di raccolta.

Altro motivo di malcontento emerso dal sondaggio, sono le tempistiche con cui le segnalazioni vengono prese in carico da Comune o Hera. Le problematiche iniziali derivanti da un qualunque processo di cambiamento sono tollerate se di rapida risoluzione, altrimenti rischiano di influenzare negativamente e a lungo il giudizio sull’intero processo. Il 54% dei cittadini che non ha trovato riscontro alle segnalazioni di problematiche, sommato al 27,3% che ha dovuto attendere troppo per una risoluzione positiva alla segnalazione, significa che più dell’80% dei modenesi associa ancora oggi il modello ad un’esperienza negativa, con picchi di malumori soprattutto nel Quartiere 4.

I suggerimenti per migliorare il nuovo sistema di raccolta
Il 38,2% propone cassonetti con tessera per ogni tipo di rifiuto, il 29,5% una maggiore frequenza di raccolta, il 18,1% l’uso delle telecamere per individuare i trasgressori. Dal sondaggio la fascia d’età che più insiste per un ritorno al cassonetto (seppur con tessera) è quella più giovane, mentre gli over 70 accettano il cambiamento, ma vogliono che i trasgressori siano individuati e sanzionati.
In generale, da quanto emerge dall’indagine, il 38,3 % del campione intervistato vorrebbe tornare alla modalità di raccolta dei rifiuti con cassonetti (seppur con tessera) e un 80,3% ha lamentato una o più problematiche a seguito dell’applicazione del nuovo modello di raccolta. La fetta dei cittadini che non gradisce la modalità di raccolta dei rifiuti porta a porta a Modena - intesa nell’accezione di giorni ed orari determinati a priori - è di poco inferiore al 40%.

Le cause del malcontento e delle critiche
Dalle osservazioni e dalle critiche pervenute a U.Di.Con. Modena il ‘peccato originale’ è la deficitaria e inefficace campagna di comunicazione iniziale introdotta da Hera e dall’altrettanto insufficiente, e spesso ritardata, raccolta dei rifiuti, in particolare nelle prime settimane di applicazione del nuovo sistema di raccolta.

“E’ necessario fare un patto con i cittadini – dichiara il presidente regionale di U.Di.Con Emilia-Romagna, Vincenzo Paldino -. Così come viene chiesto giustamente agli utenti del servizio di riporre i rifiuti all’esterno solo nelle ore previste dall’ordinanza, deve essere imposto al gestore di ritirare i rifiuti in un orario consono a non far più vedere i rifiuti abbandonati per la città la mattina. Altra soluzione possibile, visto il perdurare del malcontento, affiancare all’attuale modello delle aree videosorvegliate (magari all’interno delle isole ecologiche già esistenti) dove i cittadini possano riporre i rifiuti in qualsiasi momento senza vincoli di orario con l’utilizzo della tessera. Queste aree andrebbero incontro alle esigenze dei numerosi modenesi che svolgono lavori non oggettivamente compatibili con il calendario proposto e potrebbero stemperare le critiche di quella fetta di popolazione che sta rifiutando in toto il modello proposto. Le aree dovrebbero essere video sorvegliate per evitare il mancato rispetto della corretta differenziazione dei rifiuti. Una volta migliorato il servizio e aperte le aree complementari, si dovrà essere rigorosi nel richiedere e nel far applicare il rispetto della normativa, applicando quando necessario anche le opportune sanzioni”.

Le domande, gli obiettivi del sondaggio e chi ha risposto
Sono oltre 3mila i modenesi che hanno risposto al questionario ideato da U.Di.Con. Modena con lo scopo di avere un riscontro - da parte degli utenti domestici, residenti (o domiciliati) in città - sulla qualità del servizio dopo l’introduzione del nuovo modello di raccolta stradale. Fondamentale, per coinvolgere in maniera propositiva il campione scelto, è stato permettere agli intervistati di proporre liberamente le soluzioni per girare pagina e dare alla città un vero porta a porta funzionante.
Le domande del questionario hanno riguardato le seguenti macroaree di interesse:
- Informazioni anagrafiche e composizione del nucleo familiare;
- Quartiere di residenza - la residenza nei 4 quartieri ha consentito di disaggregare i dati generali per un focus più approfondito sulle differenze di soddisfazione del servizio di raccolta -;
- Pulizia delle strade;
- Campagna informativa precedente l’applicazione del nuovo modello di raccolta;
- Problemi emersi a seguito dell’applicazione del nuovo modello di raccolta;
- Conoscenza delle competenze dei singoli soggetti coinvolti nella raccolta;
- Suggerimenti per migliorare il servizio (compilazione a campo libero).

Primo dato emerso nel sondaggio è il coinvolgimento maggiore delle donne sul tema rispetto ai residenti uomini: alle domande ha infatti risposto in prevalenza il sesso femminile (68,7%), con una percentuale che si attesta a più del doppio rispetto al sesso maschile (31,3%).
Come era facile da preventivare, il maggior numero di riscontri è pervenuto da utenti con età compresa tra i 30 e i 70 anni, mentre le percentuali degli under 30 (3,77%) e degli over 70 (5,03%) sono sensibilmente inferiori. Questo è spiegabile da un lato con la tendenza dei giovani a vivere con i genitori fino alla completa indipendenza economica (30,4 anni la media italiana) e, dall’altro, per gli over 70, una difficoltà oggettiva nell’utilizzo della modalità di compilazione online.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

CISL Emilia Centrale
Societa' - Articoli Recenti
Ancora problemi di salute per Fedez: salta la partecipazione in tv
Per problemi di salute il rapper non sarà questa sera alla trasmissione di Cattelan ‘Da ..
20 Maggio 2024 - 17:23
Vertenza Hera, la mobilitazione continua: il 24 giugno nuovo sciopero
Filctem Cgil – FP Cgil ribadiscono criticità irrisolte e non affrontati sul tema di ..
20 Maggio 2024 - 16:54
Temporali in Emilia Romagna, domani è allerta meteo
Temporali, anche di forte intensità, con possibili effetti e danni associati
20 Maggio 2024 - 13:50
Occhio alle truffe: appuntamento Consob e Codacons a Modena
Oggi alle 18 l'Auditorium Confcommercio di via Piave ospita l'evento 'Occhio alle truffe' ..
20 Maggio 2024 - 12:16
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24