In fuga dalla sanità pubblica: in Emilia-Romagna boom di richieste per l'estero
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

In fuga dalla sanità pubblica: in Emilia-Romagna boom di richieste per l'estero

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo scorso anno sono stati 450 i professionisti che hanno fatto richiesta all'Associazione dei medici stranieri. un trend che riguarda soprattutto le regioni del nord


In fuga dalla sanità pubblica: in Emilia-Romagna boom di richieste per l'estero
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Un vero e proprio esodo di professionisti della sanità verso l’estero. E’ il rischio concreto che emerge, senza mezzi termini, dal report dell’Amsi, Associazione Medici di Origine Straniera in Italia, costruito sui numeri di un vero e proprio data base che nell’ultimo anno è stato aggiornato giorno dopo giorno sulla base delle richieste pervenute per abbandonare il sistema sanitario italiano. Richiesta che al settembre scorso avevano registrato un aumento del 60%.

Regione per Regione, territorio, il quadro non può che essere preoccupante. Con medici e infermieri lombardi al primo posto in assoluto per numero di richieste pervenute all’Amsi per lavorare all’estero. Al primo posto nelle richieste di esodo verso l'estero la regione Lombardia, con 630, divise tra 430 medici, 200 infermieri e professionisti della sanità. A seguire Veneto, Piemonte, Lazio, Campania, Emilia Romagna dove ci sono 300 medici, 150 infermieri e professionisti della sanità, per un totale di 450 operatori sanitari che hanno fatto richiesta per un trasferimento all'estero.

Dati impressionanti soprattutto nella tendenza e nel fatto che si tratta comunque dei soli professionisti che hanno fatto richiesta e solo alle associazioni di riferimento. Sappiamo ormai da anni quanto sia altrettanto alta ed in aumento (ne abbiamo dato conto in prcecendenti articoli per la realtà modenese), il numero di recessi volontari dal contratto di lavoro dalla sanità pubblica. Che vanno ad incidere soprattutto sulle regioni com maggiore carenza di personale e con standard migliori nella qualità del servizio. 

Ricordiamo che il bilancio a livello nazionale durante il 2023 consiste in più di 6000 richieste tramite email alla segreteria dell'AMSI (Associazione Medici di Origine Straniera in Italia) e all'UMEM (Unione Medica Euro - Mediterranea) da Medici e Professionisti della Sanità con la richiesta di voler lavorare all'estero.


6000 Professionisti della Sanità di cui 4000 Medici Specialisti e Medici di Famiglia e 2000 Professionisti della Sanità (il 70% Infermieri, 15% Fisioterapisti e Osteopati, 5% Farmacisti, 10% Podologi/Logopedisti/Psicologi/Tecnici di laboratorio/Tecnici di Radiologia). Più dell'85% delle richieste provengono dalle Strutture Sanitarie Pubbliche.

I Medici Specialisti che chiedono di lavorare all'estero sono soprattutto anestesisti, radiologi, ortopedici, medici di famiglia, medici di urgenza, chirurghi plastici, chirurghi generali, neurochirurghi, neurologi, ginecologi, pediatri.

'Se solo una metà di queste richieste venisse accolta, il sistema rischierebbe il tracollo' - afferma l'Associazione che sottolinea: 'Attraverso la voce del Prof. Foad Aodi, Leader dell’Amsi e dell'UMEM in 120 paesi e Docente a Contratto all'Università Tor Vergata e membro registro esperti della Fnomceo, è in atto da tempo una proficua di campagna di comunicazione, non solo nel nostro Paese, ma anche con numerosi media di paesi stranieri, finalizzata alla promozione di attività che tutelano i professionisti della salute nel mondo'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24