Udicon
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Italia Nostra: 'La riqualificazione dello scalo merci non tolga area pubblica'

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'intervento della sezione di Modena sul progetto, fermo da 20 anni, per la realizzazione dell'hub intermodale della stazione ferroviaria: 'Intorno all'hub sia garantita anche l'area verde'


Italia Nostra: 'La riqualificazione dello scalo merci non tolga area pubblica'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Bene l’hub intermodale lì dove era lo scalo merci, ma la grande area pubblica rimanga integralmente tale'. E' l'appello lanciato da Italia Nostra sezione di Modena in una lettera aperta (che riportiamo integralmente di seguito), a commento della presentazione dello studio di fattibilità dell'Hub intermodale per una diversa mobilità illustrato dall'assessore Filippi in Consiglio Comunale. Passo indietro. Lo studio di oggi tratta di una ipotesi di trasformazione dell'area dello scalo merci, lungo l'asse della ferrovia che viaggia in parallelo su viale Monte Kosica, che affonda le sue radici nel lontano 1999. Ipotesi che non si è mai concretizzata. Questa vedeva, una volta entrata in funzione l'area logistica dello scalo merci di Marzaglia e la dismissione dell'area merci adiacente alla stazione, il trasferimento in questa ultima dell'attuale stazione delle autocorriere, al fine di realizzare nel comparto della stazione ferroviaria dei treni, un hub che unisse ed integrasse il trasporto pubblico su ferro e su gomme, collegando la rete nazionale e regionale del trasporto pubblico, con quella locale.

Nella grafica sull'ipotesi di progetto stampata nel 1999 e riportatata nella foto è ben visibile il piazzale di arrivo e partenza delle autocorriere e, a fianco, un ampia zona a verde pubblico. Che nel nuovo progetto non esisterebbe più e sarebbe di fatto sostituita da un'area commerciale.




Ed è anche su questo punto, relativo alla presenza di verde pubblico, oltre alla garanzia della tutela della funzione pubblica dell'area che si concentra l'attenzione di Italia Nostra sezione di Modena che ribadisce come intorno all'hub sia previsto il suo proprio ambiente verde, il parco della mobilità sostenibile. 

'Lì - scrive Italia Nostra - deve trovare posto l'hub intermodale per una mobilità sostenibile, illustrato nei giorni scorsi in Consiglio comunale anche con la tavola che descrive e colora i distinti lotti funzionali dell'area ferroviaria.

La tecnica si direbbe del piano di lottizzazione che al vero e proprio hub riserva solo una parte e neppure la maggiore del vasto spazio del cessato scalo merci. Un'area pubblica di grande valore strategico, un luogo cruciale per estensione e centralità urbana, ai margini dello stesso centro storico, una riserva di spazio prezioso per i bisogni della città pubblica di oggi e di domani che deve essere perciò integralmente mantenuto nella disponibilità civica.

Estemporanee, non meditate, prive di relazioni apprezzabili con l'hub, le destinazioni indicate per la porzione su viale Montecuccoli (lotto commerciale) e per quella più estesa su viale Monte Kosica (lotto centro congressi), un'attrezzatura funzionalmente desueta, di cui francamente la città non avverte il bisogno, impensabile che una istituzione pubblica manifesti interesse a realizzarla in proprio e disponga delle necessarie risorse finanziarie. Destinazioni allora pensate per l'intervento privato, messa sul mercato in pratica una buona metà della vasta area ferroviaria che fu il demaniale scalo merci: la valorizzazione immobiliare che finanzia l'hub intermodale della mobilità sostenibile. Sulla stessa linea, dunque, del cattivo accordo tra Comune e società regionale che gestisce e liquida il demanio ferroviario minore, per la lottizzazione a fine di edilizia residenziale di gran parte degli spazi della stazione piccola, ex Sefta (in quell'accordo Italia Nostra vide l'impronta della speculazione edilizia, dal Comune promossa con una sollecita variante urbanistica che da lì rimuova i previsti servizi generali). L'hub intermodale non può legittimare la privatizzazione di quanto degli spazi dello storico insediamento ferroviario a nord della città non serve immediatamente a quella nuova funzione e ben può essere subito presidiato come ambiente verde: il parco dello snodo essenziale della mobilità sostenibile' - chiude Italia Nostra, sezione di Modena.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Horacio Pagani museo, a San Cesario ..
In mostra documenti unici insieme ai disegni originali fatti dal fondatore quando immaginava..
16 Febbraio 2024 - 16:09
In 5 anni la sanità pubblica ha ..
Antonio De Palma (Sindacato Nursing up) su dati Anac: 'Il ricorso a professionisti esterni ..
16 Febbraio 2024 - 12:50
Vincenzo Paldino, nuovo segretario ..
La confederazione sindacale autonoma conta in provincia 10.000 lavoratori iscritti nel ..
14 Febbraio 2024 - 18:55
Ok a rinvio di 6 mesi per il ..
Burioni: 'L'ennesima strizzata d'occhio nei confronti di chi non rispetta le leggi'
14 Febbraio 2024 - 15:14
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24