Pubblicità
Caf Italia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Pubblicità
articoliSocieta'

Laghi nel cantiere dell'ex Corni, l'ironia dei residenti: al posto dello studentato, meglio una spiaggia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli scavi avviati nel settembre scorso per la bonifica dell'area ex industriale, dove dovrebbero sorgere nuovi alloggi, hanno fatto 'emergere' possibile un'altra realtà


Laghi nel cantiere dell'ex Corni, l'ironia dei residenti: al posto dello studentato, meglio una spiaggia
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.




Laghetti con acqua di falda sotterranea e paperelle felici di sguazzare. In una oasi naturale che si è creata in poche settimane nel cantiere aperto nell'area dell'ex Corni dove i primi di lavori di sbancamento hanno evidentemente raggiunto, come successo nel vicino cantiere della casa della salute e dell'ex consorzio (anch'essi in aree ex industriali), acque sotterranee e portate in superficie dagli scavi per la bonifica iniziati lo scorso mese di settembre. L'area da oltre 20mila metri quadrati compresa tra le vie Benassi, Fanti e delle Suore a Modena, (compresa nell'elenco dei comparti che avrebbero dovuto essere rigenerati già sulla base dei progetti degli inizi degli anni 2000), era inutilizzata da almeno 15 anni. Ospitava, da inizio ‘900, la fonderia fondata da Fermo Corni.

Il rendering del progetto del nuovo edificio dell'area


Il piano di riqualificazione prevede un parco di circa 14mila e 500 metri quadrati, residenze collettive temporanee per studenti e lavoratori con 365 posti letto, oltre 200 posti auto pubblici e pertinenziali e una quota di funzioni commerciali. Un progetto contestato dai residenti che da subito, preliminarmente all'avvio del cantiere, hanno visto radere al suolo il piccolo boschetto creato attraverso la piantumazione volontaria di alberi. E che vedrebbero in una ottica più verde anche la riqualificazione dell'area. Una prospettiva che oggi sembre in parte essersi generata in modo naturale nell'immagine dei grandi specchi d'acqua alimentati dal sottosuolo e che stanno riempiono le aree di scavo. Tanto da fare avanzare dai residenti anche alcune proposte, a tratti ironiche. Come quella di ricavare spiaggette a bordo lago e di creare un'area verde di svago ed intrattenimento per la popolazione.

A rappresentare un comune sentire espresso in queste settimane da dicersi residenti, una lettera giunta in redazione da parte di un residente e che qui pubblichiamo.

Egregio direttore,
Il buco nell’acqua dell’Amministrazione di Modena oggi fa divertire i cittadini. Malgrado il parere contrario dei residenti che desideravano un bene carente necessario quali verde e bosco urbano, l’Amministrazione è andata avanti come un bulldozer e con quello, nell’area ex Corni ha tolto inutilmente tanti alberi piantati da anni dai residenti.
I lavori per lo studentato che poi si è trasformato in lavoralato sono iniziati lo scorso Ottobre in pompa magna con tanto di assessora presente insieme a tanti altri tutti con il casco in testa e, dopo avere scavato una larga buca e aver portato la terra ai margini di via delle Suore e del suo incrocio con via Fanti così da infangare i passanti pedoni e motorizzati quando piove e tira vento, i lavoranti se ne sono andati e non si sono più fatti vedere.
La buca intanto si è riempita d’acqua e ha formato un piccolo lago con acqua di falda. È perciò diventata e ha fatto diventare i dintorni una oasi naturale con fauna selvatica oltre a preoccupare i residenti non nuovi a cantieri nel rione che partono con osanna ed alleluia e si fermano in mesto silenzio lasciando solo degrado. Ora si scherza e si ironizza e l’area è chiamata Sacca Corni Beach. Il buco nell’acqua dell’Amministrazione dopo aver fatto arrabbiare i residenti di riviera oggi li fa divertire.
Un cordiale saluto,
Valter Billi

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Caf Italia

Societa' - Articoli Recenti
Nel 2022 Emilia Romagna regione ..
Dal rapporto regionale E-R il confronto fra il 2012 e il 2022 mostra una riduzione di 40.685..
21 Marzo 2023 - 03:21
Accogliere bene i turisti anche in ..
E' l'iniziativa proposta da My English School, presentata in piazza Roma. Ecco dove è come
21 Marzo 2023 - 00:41
I 150 anni dei Giuseppini del ..
Al Teatro Cittadella di Modena mercoledì sera alle 20.45 si terrà la proiezione del film ..
20 Marzo 2023 - 20:52
Tangenziale 'bucata', da lunedì 27 ..
La conferma di Anas al termine della riunione con gli enti locali
20 Marzo 2023 - 19:56
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39