Lupi in territori urbanizzati: conoscerli per agire al meglio
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
articoliSocieta'

Lupi in territori urbanizzati: conoscerli per agire al meglio

La Pressa
Logo LaPressa.it

E' quanto discusso nell'incontro promosso oggi a Modena dalla Polizia Provinciale rivolto agli operatori del settore


Lupi in territori urbanizzati: conoscerli per agire al meglio
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

I lupi, come gli altri animali selvatici, possono avvicinarsi agli insediamenti umani, a volte anche alla luce del giorno, specialmente durante il periodo invernale. In condizioni particolari (ad esempio se il lupo è a sfavore di vento) possono verificarsi incontri ravvicinati. Tra le precauzioni da evitare perchè i lupi sviluppino comportamenti confidenti c’è, per esempio, l’offerta volontaria o involontaria, di cibo all’animale. Per questo è fondamentale adottare una serie di comportamenti corretti, tra cui non lasciare fonti di cibo nei pressi delle abitazioni, tenere il cane in un ricovero notturno, in particolare se in calore, non tentare mai e per nessun motivo di avvicinare il lupo né di interferire con il suo comportamento e non dargli mai da mangiare.

Sono alcuni aspetti emersi questa mattina nell’incontro promosso a Modena martedì 13 febbraio dalla Polizia provinciale di Modena dal titolo “lupo in pianura, l’ultima frontiera”, rivolto agli operatori del settore con la presenza di Carabinieri Forestali, dell’Ufficio caccia e pesca della Regione Emilia-Romagna, del centro faunistico Pettirosso, dei veterinari Azienda Usl di Modena, dell’istituto zooprofilattico di Modena, dell’Ente Parchi dell’Emilia centrale e della polizia metropolitana di Bologna.

Durante la tavola rotonda, condotta da Luigi Molinari, collaboratore del Parco nazionale dell’Appennino tosco–emiliano e da Sonia Braghiroli, funzionaria dell’Ufficio caccia e pesca della Regione, è emerso che il lupo nelle province emiliane, ormai da tempo, ha ricolonizzato aree abbondantemente modificate dalla presenza umana come la pianura padana, una delle aree meno boscose d’Europa e con densità abitativa più alta. Il Lupo è un animale estremamente adattabile e, in questi contesti, ha imparato a sfruttare diversi tipi di risorse alimentari e a selezionare le poche aree di rifugio disponibili.

Fondamentali per la comprensione del fenomeno sono i dati acquisiti dai collari satellitari applicati ai Lupi dal Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano.

La comandante della Polizia provinciale di Modena Patrizia Gambarini ha sottolineato che «una giornata di formazione sul lupo è un necessario approfondimento culturale per chi quotidianamente lavora a contatto con la fauna selvatica e viene riconosciuto dalla collettività come un professionista da interpellare in ogni circostanza in cui si presenta l'animale o si teme possa presentarsi. Vogliamo essere sempre al passo con quello che la città e il territorio ci chiedono e seguire le riflessioni di un gruppo di esperti può creare le migliori condizioni per rendere un servizio sempre più puntuale che passa dalla consapevolezza che pur trattandosi di un animale 'protetto' il lupo non deve diventare 'confidente' con l'uomo, quindi si deve conoscere e diffondere ogni strategia di allontanamento che possa rendere ciò una realtà concreta».

Inoltre, nel caso in cui si osservino uno o più lupi da lontano, il consiglio è restare in silenzio e osservare senza interferire e non tentare di avvicinarsi.

In caso di avvistamento è comunque necessario contattare i carabinieri forestali al numero 112, la polizia provinciale ai numeri 059/209.523 e 059/209.525 o la Regione Emilia-Romagna al numero 051/637.5090.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

CISL Emilia Centrale
Societa' - Articoli Recenti
Formigine: lite tra camionisti, i Carabinieri sequestrano scacciacani
23 Maggio 2024 - 23:30
Modena, 70 anni fa l'entrata in servizio dei primi elicotteri
Oggi si è tenuta la prima cerimonia a Modena, presso la sede storica del primo Reparto Volo
23 Maggio 2024 - 21:47
Graduatoria CresciaMO: cerca otto insegnanti di scuola d'infanzia
Sul sito della Fondazione l’avviso per la selezione. Assunzioni a tempo indeterminato e ..
23 Maggio 2024 - 09:38
Ferrari, il film: Modena rivive il 'set'
Primo appuntamento con focus espositivo e diversi eventi per valorizzare un’esperienza ..
23 Maggio 2024 - 09:10
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24