Udicon
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Maranello, 'gavettino' della Grande Guerra restituito ai familiari

La Pressa
Logo LaPressa.it

Trovato in un bosco da uno storico, ieri l’incontro con i parenti del militare morto nel 1918


Maranello, 'gavettino' della Grande Guerra restituito ai familiari
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Sono passati 105 anni: Mario Messori, maranellese, aveva appena 18 anni quando perse la vita in un ospedale militare del Piemonte nel giugno del 1918, durante la Grande Guerra. Ed ora il suo ‘gavettino’ è tornato alla sua famiglia. Ritrovato in un bosco per caso da un appassionato di storia e riconsegnato, oltre un secolo dopo, tra le mani emozionate di due nipoti del soldato, Elvira Zanasi e Milvia Messori, che oggi hanno rispettivamente 84 e 77 anni.

È stato lo storiografo veneto Manuel Grotto a recuperare il cimelio nell’Altopiano di Asiago, nel Vicentino, durante una passeggiata. “Mi sono imbattuto in questo gavettino, era semisotterrato in un bosco - ha raccontato ieri in Municipio a Maranello, dove ha incontrato i familiari del soldato -: l’ho raccolto, essendo anche un appassionato della Prima Guerra Mondiale, e dopo averlo ripulito è comparsa la scritta incisa a mano ‘Mario Messori’.

Da ricerche successive su alcune banche dati ho verificato come Mario Messori - classe 1900 e figlio di Giuseppe - fosse di Maranello e fosse deceduto a Cuneo per malattia durante la guerra, nel giugno 1918. A quel punto ho pensato che quell’oggetto dovesse tornare alla sua famiglia, così ho contattato il sindaco di Maranello per un supporto nella ricerca dei parenti di Mario”.

Dagli schedari cartacei dell’Anagrafe maranellese di inizio Novecento è poi emerso che la famiglia Messori, allora residente nell’area oggi conosciuta come Bell’Italia, nel 1915 si era trasferita a Fiorano e che Mario Messori aveva due fratelli e una sorella. Così è iniziata la collaborazione con gli uffici omologhi dei Comuni di Fiorano e Sassuolo, dove si è scoperto che abitano tuttora la signora Elvira Zanasi e la signora Milvia Messori, figlie rispettivamente della sorella e di un fratello del soldato.

“Quando ci hanno raccontato tutta la vicenda - hanno spiegato Elvira e Milvia - ci siamo commosse. Ripensare ai racconti dei nostri genitori sullo zio Mario, che non abbiamo mai conosciuto, ha riportato a galla tanti ricordi e ricevere il suo gavettino dopo tanto tempo è stata un’emozione indescrivibile. Il gesto del signor Grotto è stato magnifico: ha regalato alla nostra famiglia un giorno speciale”.

Per la consegna del cimelio i familiari del soldato sono stati ospitati ieri dal Comune di Maranello per una piccola cerimonia, alla quale hanno partecipato anche il sindaco di Fiorano Francesco Tosi, l’assessore di Sassuolo Massimo Malagoli e una delegazione della Sezione Alpini di Maranello, che hanno accolto lo storiografo Grotto, esponente degli Alpini di Arsiero. 

“Abbiamo collaborato volentieri alla ricostruzione di una vicenda davvero toccante - ha aggiunto ieri il sindaco Luigi Zironi -, nella quale il signor Grotto ha dimostrato fin da subito una grande sensibilità e delicatezza. Questa è una storia che parla anche di tutti noi, delle nostre radici e della nostra terra. Ed è una vicenda che in questo momento storico, caratterizzato purtroppo da conflitti devastanti, ci porta anche a riflettere sulle conseguenze di queste guerre su migliaia di famiglie, distrutte una per una dalla morte di tanti giovani che non potranno mai riabbracciare”.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Horacio Pagani museo, a San Cesario ..
In mostra documenti unici insieme ai disegni originali fatti dal fondatore quando immaginava..
16 Febbraio 2024 - 16:09
In 5 anni la sanità pubblica ha ..
Antonio De Palma (Sindacato Nursing up) su dati Anac: 'Il ricorso a professionisti esterni ..
16 Febbraio 2024 - 12:50
Vincenzo Paldino, nuovo segretario ..
La confederazione sindacale autonoma conta in provincia 10.000 lavoratori iscritti nel ..
14 Febbraio 2024 - 18:55
Ok a rinvio di 6 mesi per il ..
Burioni: 'L'ennesima strizzata d'occhio nei confronti di chi non rispetta le leggi'
14 Febbraio 2024 - 15:14
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24