Minori Sinti e Rom: uno su cinque non frequenta regolarmente la scuola
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Minori Sinti e Rom: uno su cinque non frequenta regolarmente la scuola

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ancora alta la percentuale nonostante la presenza di operatori che presidiano i campi dopo l'appalto da 260mila euro affidato per due anni alla cooperativa Open Group. Il tema, da noi affrontato nell'aprile scorso, torna di attualità con la risposta dell'assessore Pinelli ad una interrogazione del Pd


Minori Sinti e Rom: uno su cinque non frequenta regolarmente la scuola
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Non basta pagare il carburante alle famiglie rom e sinti per incentivare il trasporto dei minori a scuola e non è ancora sufficiente avere la presenza di operatori all'interno delle microaree che si occupano anche di accompagnare i minori a scuola con il trasporto pubblico, per avere una percentuale non preoccupante di minori, o meglio di famiglie Rom e Sinti, che non ottemperano l'obbligo scolastico. Perché i dati diffusi ieri dall'assessore Roberta Pinelli in Consiglio Comunale, in risposta all’interrogazione presentata dai consiglieri Vittorio Reggiani e Federica Di Padova del Partito democratico sull'affidamento del servizio di accompagnamento all'inclusione affidato nell'aprile scorso, per altri due anni, alla società Open Group di Bologna che con l'offerta giudicata (su criteri qualitativi), più vantaggiosa anche rispetto a quella presentata da Caleidos, è risultata quella scelta dal Comune, sembrano dire questo.

Sui dati relativi alla dispersione scolastica, l’assessora ha ricordato che nell’anno scolastico 2022-2023 su 53 minori sottoposti all’obbligo scolastico, 44 studenti hanno frequentato regolarmente; gli altri nove sporadicamente, di cui quattro segnalati dalla scuola per evasione dell'obbligo. Di fatto circa un minore su 5 non frequenta regolarmente la scuola, mentre 4 non la frequentano affatto. 

Anche al recupero di questa percentuale, oltre ad azioni tese all'inclusione della popolazione Sinti e Rom residente nelle microaree che punterebbe il servizio garantito dalla società Open Group in funzione dell'appalto per un contratto biennale da 273mila euro di cui 250 finanziati direttamente dalla Fondazione di Modena.  

L’istanza presentata dai Consiglieri PD sul nuovo affidamento del servizio chiedeva, “valutato il suo impatto positivo” del primo appalto di servizio affidato nei due anni prevedenti sempre a Open Group in via sperimentale, di conoscere l’esito della procedura di aggiudicazione, le condizioni e i contenuti della proposta selezionata, eventuali dati di dispersione scolastica dei minori, e le risorse dedicate al monitoraggio del progetto e le sue prospettive future.

“Soprattutto i buoni risultati ottenuti rispetto alla frequenza scolastica e alla fruizione dei servizi sanitari, ci spingono a proseguire i percorsi di inclusione e avvicinamento ai servizi avviati negli anni – ha chiarito l’assessora – dando continuità, anche attraverso questo servizio, alle attività di dialogo con le comunità e di riordino delle microaree in cui risiedono”.

Ma che cosa fa, o dovrebbe fare, materialmente, la società titolare dell'appalto?

'Scambio di informazioni da parte degli operatori coinvolti, conoscenza delle comunità, e poi gestione delle problematiche inerenti alle microaree in cui risiedono, sono alcune delle attività del progetto, che prevede pure assistenza alle famiglie nella costruzione condivisa di regolamenti, concessioni, patti e accordi finalizzati al buon uso e al rispetto delle aree di residenza. Ampio spazio viene dato anche all’avvio di percorsi di formazione e d'inclusione scolastica e sociale, in raccordo con i Servizi sociali e sanitari del Comune' - scrive in una nota il Comune nella quale leggiamo anche che 'per incentivare e sostenere la presenza a scuola lo scorso anno, Open Group ha svolto diverse azioni in accordo con le famiglie, grazie anche all’esperienza maturata dalla cooperativa all’interno di specifici progetti europei. Lavoro di rete con soggetti istituzionali, per intercettare presunte situazioni di fragilità, accompagnamento a scuola dei minori tramite trasporto pubblico, supporto allo studio in orario extrascolastico e aiuto alle famiglie negli adempimenti burocratici, sono alcune attività condotte allo scopo di rafforzare la piena partecipazione dello studente e delle famiglie alla vita scolastica.

Rispondendo, infine, sul monitoraggio del servizio e sulle sue prospettive future, Pinelli ha spiegato che è il personale del settore Servizi sociali, sanitari e per l’integrazione del Comune a occuparsi del mantenimento e del monitoraggio degli interventi, al fine di dare continuità e potenziare le azioni sull’asse della formazione, dell’istruzione e soprattutto dell’abitare, dove permangono in alcune microaree situazioni gestionali critiche. L'assessora, a questo proposito, ha ricordato che si sta lavorando alla stesura di un regolamento, basato su un’assunzione di responsabilità degli stessi residenti per garantirne una corretta manutenzione e gestione.

Dopo aver chiesto la trasformazione in interpellanza, Elisa Rossini (Fratelli d’Italia) è intervenuta sul tema della dispersione scolastica: “Sono due anni che chiedo a Ufficio scolastico provinciale e Giunta i dati degli abbandoni scolastici a Modena, e mi è stato risposto che i dati non ci sono: invece oggi l’assessora ha dato esattamente i dati di ciò che io vorrei sapere anche sul resto della popolazione”. Rossini, quindi, ha affermato di voler presentare una nuova interrogazione 'per capire come mai non è possibile avere un dato complessivo: è importante,infatti, che la questione emerga nella sua interezza'.

Vittorio Reggiani (Pd) ha espresso soddisfazione per il rinnovamento di un “progetto complesso che ci permetterà di vedere anche in maniera diversa queste comunità e le parti di città in cui risiedono”. Il consigliere, infatti, ha specificato che il miglioramento qualitativo del servizio potenzierà la strada per una convivenza civile, “rendendo questi cittadini sempre più partecipi della vita cittadina”. Infine, Reggiani ha sottolineato l'importanza del lavoro della cooperativa sui minori: “La scuola è uno dei maggiori presidi di inclusione e di conoscenza reciproca che aiuta ad abbattere le differenze e le diffidenze”.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Guida senza patente, fermato per la seconda volta la presenta falsa
Già sanzionato in marzo per 5.100 euro in marzo dalla Polizia locale dopo un controllo, a ..
15 Giugno 2024 - 16:33
Cantiere Pedemontana, apre in anticipo di 15 giorni via Gualinga
Da Martedì 17 giugno transito ripristinato a Castelnuovo Rangone dove si sta realizzando un..
14 Giugno 2024 - 19:38
Radioterapia Oncologica: Inaugurato il Nuovo Acceleratore Lineare
Acquistato con fondi PNRR garantisce un grande avanzamento nei trattamenti e anche un ..
14 Giugno 2024 - 19:36
Mozarc Medical - ex Bellco, tavolo regionale il 26 giugno, ministeriale il 9 luglio
Il tavolo regionale riunirà rappresentanti dell’azienda, Confindustria Emilia Centro, ..
14 Giugno 2024 - 17:27
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24