Modena, autolavaggio non in regola: lavoratore in nero e pubblicità non autorizzata
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Modena, autolavaggio non in regola: lavoratore in nero e pubblicità non autorizzata

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nuovo autolavaggio affigge manifesti in città, ma non paga il canone e dai controlli di Polizia locale emergono altre irregolarità


Modena, autolavaggio non in regola: lavoratore in nero e pubblicità non autorizzata
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ad attirare l’attenzione della Polizia locale, e in particolare del Nucleo antievasione tributi sono state le vistose insegne a colori affisse in diversi luoghi della città, che pubblicizzavano l'apertura di una nuova attività di lavaggio auto. Partendo dalle insegne non autorizzate, però, sono emerse una serie di altre irregolarità, oltre ad anomalie fiscali e tributarie, fino all’impiego di lavoro nero.

L’intera vicenda è iniziata qualche mese fa, appunto con l’apertura di una nuova attività di autolavaggio in zona Modena Est, pubblicizzata con diversi manifesti a colori di grandezza un metro per un metro, affissi in diversi luoghi della città. Almeno nove le vistose insegne individuate dagli agenti del Nucleo antievasione della Polizia Locale di Modena, tutte sprovviste dell’autorizzazione amministrativa (Scia) e per le quali, quindi, non era stato pagato il canone per la pubblicità ad Ica Srl, il concessionario del Comune a cui occorre corrispondere il tributo dovuto.

Sono quindi scattate le sanzioni previste, per un totale di 1.440 euro a carico della società titolare dell’autolavaggio, una società con sede a Faenza, il cui legale rappresentante è un cittadino egiziano 26 anni non residente a Modena.

Inoltre, da verifiche effettuate con la collaborazione del personale comunale del Settore Ambiente e di Arpae, è emerso che la stessa società era sprovvista anche dell’autorizzazione unica ambientale per scarichi industriali (Sac). Ma le irregolarità emerse non sono finite. I controlli effettuati sul posto dagli agenti del Nucleo antievasione tributi della Polizia locale e dai tecnici di Arpae hanno accertato anche che a completare a mano l’operazione di pulizia delle auto dopo il lavaggio automatico eseguito dai rulli dell’impianto, erano quattro giovani egiziani di cui un 19enne impiegato “in nero”, essendo sprovvisto di regolare contratto di lavoro.

L’impiego di manodopera in modo irregolare è stato quindi segnalato all'ispettorato del Lavoro di Modena per i provvedimenti di competenza (sanzione di diverse migliaia di euro nei confronti del titolare dell’esercizio e sospensione dell’attività salvo avvio delle procedure di regolarizzazione del personale impiegato non assunto).

Inoltre, il titolare che ha avviato l'attività in città a dicembre 2023 e al quale risultano contemporaneamente in capo altre cinque analoghe attività di autolavaggio in comuni della Romagna, è stato segnalato all'Agenzia delle Entrate, essendo state accertate nel corso dell'istruttoria anche anomalie fiscali e tributarie.

Nei primi tre mesi dell'anno gli operatori del Nat hanno controllato 163 impianti pubblicitari ed elevate 72 sanzioni amministrative con importo che va da 50 a 421 euro a seconda del tipo di irregolarità. Per quanto riguarda il territorio comunale, prima di installare insegne, targhe e ogni altro impianto pubblicitario, anche su veicoli mobili, occorre contattare il Suap (Sportello unico attività produttive) di via Santi 40 per l’autorizzazione e Ica srl, in via Ungaretti 20, per l'eventuale pagamento del canone della pubblicità.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24