Modena, addio a don Tarcisio Pornaro: insegnante di filosofia e di vita
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Modena, addio a don Tarcisio Pornaro: insegnante di filosofia e di vita

La Pressa
Logo LaPressa.it

A Treviso tra i suoi allievi vi fu l'imprenditore Alessandro Benetton che nella propria autobiografia lo ha ricordato più volte


Modena, addio a don Tarcisio Pornaro: insegnante di filosofia e di vita
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Lutto nel mondo della scuola e della comunità cristiana modenese. Si è spento a 91 anni padre Tarcisio Pornaro. Professore di Storia e Filosofia all'istituto Sacro Cuore di Modena, i suoi studenti lo ricordano con affetto e con la consapevolezza di avere perso un punto di riferimento, non solo per il proprio percorso formativo, ma anche per la propria crescita umana e spirituale. 
A Treviso tra i suoi allievi vi fu l'imprenditore Alessandro Benetton che nella propria autobiografia (La Traiettoria edito lo scorso anno da Mondadori) ha ricordato più volte l'insegnante e sacerdote.

Ecco un estratto del libro del noto imprenditore.
'Quando lo scampanellio metallico si spegne, un brusio serpeggia in classe: sulla porta c'è un insegnante che nessuno ha mai visto. Forse è un supplente, penso. Ha la coppola in testa, i pantaloni col risvolto dei ciclisti che non vogliono sporcarli col grasso della catena, ma è di certo un prete visto che indossa quel colletto bianco e rigido sotto la camicia.

«Sono don Tarcisio» dice sberrettandosi, poi si presenta come il professore di filosofia: perché, da quest'anno, studieremo anche la filosofia. Non appena si accomoda in cattedra, anziché attaccare con l'appello e con la spiegazione di cos'è la filosofia, don Tarcisio ci investe con una mitragliata di domande. Vuole sapere di noi, chi siamo, da dove veniamo, cosa ci piace, perché ci piace. 
«Grazie, ora tocca a me» dice alla fine e, come per ricambiare cortesemente lo slancio più o meno generoso con cui ci siamo raccontati, ci parla un po' di sé. Abita a Oderzo, a una trentina di chilometri da Treviso, e tutte le mattine viene a scuola in bicicletta. A me basta quest'informazione per dare a don Tarcisio una collocazione tutta sua nell'universo degli insegnanti. E ogni particolare aggiunto da don Tarcisio riesce a picconare, sgretolare, sbriciolare il muro che normalmente mi separa dagli insegnanti.

«Amo la montagna» dice, e io mi predispongo all'ascolto spontaneamente. Anzi: mi sento chiamato in causa perché ho il presentimento di una piccola rivoluzione copernicana. Forse, con don Tarcisio, tutto quello che sono fuori riuscirà a trovare cittadinanza anche a scuola. «Io scio». «Bene» sorride lui. «Anch'io. Ma quello che amo di più della montagna sono le cascate di ghiaccio. Mi piace scalarle». Non ho mai conosciuto un prete così, professore di filosofia e scalatore, e quello che più mi disorienta è la sua modestia. La modestia con cui ci confida capacità fuori dal comune, o con cui sviscera i dettagli avendone cura. E sono proprio i dettagli dei suoi racconti montani i dettagli fisici delle piccozze che fanno crepitare il ghiaccio, le sue sfumature, i ramponi e i piedi in fallo a tramutare la montagna in un'esperienza esistenziale. «Ogni tanto la parete te lo mostra subito, l'appiglio giusto. Ogni tanto, invece, tocca prendere un respiro e osservare senza fretta. Perché la fretta ti fa immaginare le linee sbagliate. E in montagna, uno sbaglio costa caro». Sono ammaliato'.

Ma don Tarcisio si sentiva modenese, scelse il Sacro Cuore e confermò la scelta anche quando gli fu proposto di trasferirsi in altri istituti. Quando tornava in famiglia per visitare i fratelli, parlava sempre dei suoi ragazzi, con cui sentiva di aver formato una famiglia. Terminati gli anni dell'insegnamento svolse il proprio servizio nella parrocchia di Sant'Antonio in Cittadella. Sarà sepolto a Modena nella cappelletta dei Padri Giuseppini, che si trova a ridosso del porticato di cemento nella zona moderna del Cimitero. A seguito di una caduta la scorsa primavera aveva affrontato mesi difficili e quando nei giorni scorsi era stato ricoverato in Geriatria all'ospedale di Baggiovara, capendo che non ne sarebbe più uscito, aveva confidato agli ex alunni che lo andavano a visitare di aver iniziato a preparare la propria Pasqua. Affrontando la sofferenza dell'ultimo passaggio, senza permettere alla luminosità dei suoi occhi di venire meno. E questa, insieme a alla limpida e straordinaria intelligenza, è stata l'ultima grande lezione per i suoi ragazzi. 

Il funerale verrà celebrato mercoledì mattina, 8 novembre, alle 11 nella chiesa parrocchiale di Sant'Antonio di Padova in Cittadella.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon
Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Politica
10 Giugno 2024 - 23:06

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24