Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Omicidio don Ernesto Talè e Maria Belleni: 79 anni dopo un libro rende giustizia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Solo per la caparbia e la meticolosità di Giovanni Fantozzi, la loro storia è stata riscritta. O meglio, raccontata per la prima volta. Ecco allora che c'è qualcosa di bello e puro nello sfogliare le pagine di questo volume, pieno di documenti, lettere, prove. Addirittura l'autore si è recato sul luogo dell'omicidio ritrovando un bottone del mantello della vittima a quasi 80 anni di distanza


Omicidio don Ernesto Talè e Maria Belleni: 79 anni dopo un libro rende giustizia
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.




'L'omicidio di don Ernesto Talè e Maria Belleni. Castellino di Guiglia 12 dicembre 1944' è qualcosa di più di un semplice volume storico. Con questo libro, appena uscito per i tipi di Artestampa, lo studioso modenese Giovanni Fantozzi (che peraltro collabora con il nostro quotidiano) apre porte e finestre su un delitto del periodo bellico dimenticato e sinora coperto di dubbi e mezze verità che offuscavano la memoria delle vittime completamente innocenti e non davano conto delle responsabilità (sancite dalla Corte d'Appello di Bologna) degli assassini e dei mandati.

Il parroco di Castellino Don Ernesto Talè (nella foto) e la sua domestica Maria Belleni vennero uccisi nella notte tra l'11 e il 12 dicembre del 1944 a Castellino di Guiglia.

Il fascicolo processuale rinvenuto dallo stesso Giovanni Fantozzi presso la sezione istruttoria della Corte d'Appello di Bologna parla chiaro: si trattò di un assassinio commissionato da Ida Bertinelli e dal figlio Odorardo Solfanelli, che con la famiglia conducevano a mezzadria il podere parrocchiale di Castellino, ed eseguito materialmente da cinque partigiani comunisti: Celestino Lambertini, Luigi Mazzoni, Luigi Dozzi, Mario Dozzi e il capobanda Luigi Nervuti.



Nei confronti dei colpevoli però i giudici applicarono l'amnistia agli inizi del 1947 accettando la tesi secondo cui il sacerdote sarebbe stato una spia fascista.

Come dimostra Fantozzi in modo dettagliato, quel sacerdote non era mai stato una spia, tanto che fu egli stesso catturato in un rastrellamento compiuto dei fascisti che gli saccheggiarono anche la canonica, ma fu invece vittima di una situazione tragicamente paradossale che vide intrecciarsi il risentimento della famiglia dei mezzadri verso quello che veniva visto come un prete-padrone, l'astio di una piccola comunità montana maturato nel sottobosco della superstizione sobillata da un sedicente santone-profeta, già emarginato dalla chiesa e in lite col parroco, tale Vittorio Antonio Scorzoni, e il contesto di una lotta partigiana in cui era molto diffusa l’ostilità politica e religiosa contri preti.

Don Ernesto Talè venne isolato e calunniato in vita e anche dopo l’omicidio, avvenuto dopo averlo fatto uscire di casa con l’inganno nella notte del 12 dicembre 1944, la sua figura venne dimenticata. Il suo corpo, esumato dal terreno dove gli assassini lo seppellirono insieme a quello della fedele domestica, dopo quasi un anno dal delitto, venne sepolto nel cimitero di Roccamalatina. Al suo funerale non andò quasi nessuno e per qualche tempo solo una nuda croce in legno (col cognome addirittura storpiato) ricordò il suo sacrificio, chiari indizi della rimozione collettiva di un delitto per il quale in molti, in un modo o in un altro, si sentivano chiamati in causa. Dopo qualche tempo i suoi resti finirono nell'ossario comune. Sorte simile toccò a Maria Belleni, anch’essa vittima innocente, uccisa solamente per aver deciso di seguire coraggiosamente il sacerdote la sera dell'omicidio. I resti della Belleni vennero portati nella località natale di Trevozzo di Nibbiano, sulle colline piacentine, per poi finire anch’essi dispersi.

Ebbene, Giovanni Fantozzi con questo libro rende giustizia a una verità, a un uomo e a una donna giusti, che dopo essere stati diffamati in vita, furono presto dimenticati dopo la morte, nonostante che questo delitto, secondo l’autore, sia “il più grave tra quelli di cui furono vittime esponenti del clero nel periodo bellico e postbellico in provincia di Modena”. Ma oggi, grazie alla caparbietà e la meticolosità di Fantozzi, la loro storia è stata riscritta. O meglio, raccontata per la prima volta. Ecco allora che c'è qualcosa di bello e puro nello sfogliare le pagine di questo volume, pieno di documenti, lettere, prove (addirittura Fantozzi ha perlustrato il luogo dell'omicidio ritrovando un bottone del mantello della vittima a quasi 80 anni di distanza).



Nel leggere questa storia ci si sente partecipi di una azione di riscatto e di verità. Si entra nelle vite di don Ernesto e di Maria, si respira la difficoltà del loro vivere in povertà ed emarginati dalla loro stessa comunità; si toccano con mano i libri tanto cari a don Ernesto e pare di sentire suonare la voce forte di Maria durante le sue lezioni di catechismo ai bambini. Si vive con loro il dramma di quella notte, quando uscirono di casa, fidandosi dei loro assassini, pensando davvero di soccorrere un moribondo desideroso di ricevere i sacramenti. Ci si commuove e si grida di rabbia insieme a loro leggendo il modo brutale in cui si consumò il delitto in una casa isolata tra i boschi di Roccamalatina, e lo stato pietoso in cui furono ritrovati i cadaveri, buttati uno sull’altro, e ormai completamente irriconoscibili.

Ma poi, chiudendo il libro, nonostante tutto, ci si concede un lieve sorriso: nonostante tutto il dolore, la cattiveria, l'ignoranza, la superstizione, il Male dopo 80 anni non ha vinto. E la giustizia, almeno nel ricordo, ha trovato uno spiraglio dove poter germogliare.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati

Societa' - Articoli Recenti
Violazione al Codice della Strada, in..
Sette milioni soltanto da autovelox. Il 2022 anno record. Ma aumenta anche il fondo per ..
19 Settembre 2023 - 16:57
Tiziano Ferro divorzia dal compagno: ..
'Attualmente trascorrono la maggior parte del tempo a casa con me. In questo momento non ..
19 Settembre 2023 - 15:19
Siulp: 'Immigrati da Lampedusa ..
Il segretario provinciale del sindacato di polizia Butelli: 'Giusto informare i cittadini ..
19 Settembre 2023 - 10:20
Modenamoremio consegna 1000 euro al ..
Raccolti come offerta libera nel corso delle iniziative estive. La consegna questa mattina ..
18 Settembre 2023 - 20:12
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39