Ospedale Baggiovara, donato un nuovo elettrobisturi
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Ospedale Baggiovara, donato un nuovo elettrobisturi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Donazione da parte di Florim, Kerakoll Group e Modula, raccolta da Rock No War


Ospedale Baggiovara, donato un nuovo elettrobisturi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Un nuovo Elettrobisturi VIO 3 di ultima generazione è stato installato in questi giorni all’ospedale di Baggiovara grazie a una donazione da parte di Florim, Kerakoll Group e Modula raccolta da Rock No War. L’apparecchiatura è fondamentale per la diagnosi precoce ed il trattamento delle lesioni pre-neoplastiche e neoplastiche superficiali dell’apparato gastroenterico. L’elettrobisturi ha anche alcune importanti applicazioni in vhirurgia generale e in neurochirurgia grazie alla funzione Erbejet dedicata alla dissezione selettiva dei tessuti. 

La nuova acquisizione è stata presentata nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato i rappresentanti dei donatori: Giorgio Amadessi di Rock No War, Claudio Lucchese, di Florim, Emilia Sghedoni, di Kerakoll Group, Alice Belelli e Giovanni Cariani di Modula SpA.


'Desidero ringraziare Rock No War, Florim, Kerakoll Group e Modula per la sensibilità mostrata ancora una volta nei nostri confronti – spiega Claudio Vagnini, Direttore AOU Modena – Come già avvenuto per la Sala Ibrida e per la recente pandemia, la vicinanza del mondo imprenditoriale della nostra Provincia è decisivo per aiutare il Sistema Sanitario Pubblico a dotarsi di attrezzature sempre più evolute al servizio dei cittadini. Il nostro compito è far fruttare al meglio questa generosità'.

Per il sindaco di Modena e presidente del Ctss Gian Carlo Muzzarelli: 'La generosità di queste imprese del territorio, in collaborazione con Rock No War, rappresenta un esempio, l’ennesimo, di come la comunità contribuisce a sostenere e qualificare la sanità pubblica, a tutela della salute di tutti i cittadini. E rendendo la nostra comunità più forte e coesa'.

Rispetto a un elettro-bisturi tradizionale, la nuova workstation integrata VIO 3 ottenuta grazie alla donazione è una tecnologia d’avanguardia che ha la possibilità di implementare trattamenti multimodali. È composta da una Power unit erogatrice di nuove modalità di taglio e coagulo necessarie alle resezione mucosale, alla dissezione sottomucosa e all’escissione di tessuto a tutto spessore e da un idrodissettore ErbeJet, che consente la rapida e sicura creazione di cuscinetto sottomucoso necessario all’esecuzione di interventi del terzo spazio, come la resezione e la dissezione di polipi e neoplasie superficiali oltre al trattamento di patologie organiche quali l’acalasia esofagea, il diverticolo di Zenker, la gastroparesi refrattaria. Questi componenti intervengono in numerosi interventi terapeutici e diagnostici che ogni giorno il medico endoscopista si trova ad eseguire (tra cui asportazione di polipi, tumori superficiali, esofago di Barrett displastico (lesione precancerosa), displasia gastrica, tumori sottoepiteliali. Grazie alla sua precisione la tecnica water-jet assicura una dissezione “a freddo” senza danno termico ed una preparazione del tessuto selettiva, con tempi ridotti d’intervento, consentendo di preservare vasi sanguigni, nervi ed organi, avere elevata selettività operativa, margini precisi e lineari lungo la linea di dissezione e ottima visione dell’area d’intervento grazie ad un sistema integrato di aspirazione continua.

'La diagnosi precoce e il trattamento delle lesioni pre-neoplastiche – spiega la dottoressa Rita Conigliaro, direttore della Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva dell’ospedale di Baggiovara - rappresentano le sfide principali che una moderna gastroenterologia deve affrontare. Tra le lesioni più diffuse e con potenziale di trasformazione maligna ricordiamo i polipi del colon, l’esofago di Barrett e la displasia gastrica; in particolari condizioni queste lesioni sono difficili da individuare e se fino a pochi anni fa richiedevano interventi chirurgici complessi, oggigiorno possono giovarsi di trattamenti endoscopici conservativi e mininvasivi. Le più moderne procedure di resezione endoscopica che si eseguono presso i centri di terzo livello, richiedono formazione e aggiornamento continuo del personale medico-infermieristico e al tempo stesso necessitano di macchine ed attrezzature all’avanguardia. Tra queste, un ruolo di primaria importanza è rivestito dalla work station composta da power unit ad elettrobisturi integrato, idrodissettore ed erogatore di gas Argon Plasma. Il generatore di Aron Plasma Coagulation di ultima generazione, che tra le varie funzioni consente di eseguire ablazioni profonde e permanenti dell’Esofago di Barrett. Un calcolo approssimativo prevede che la work station VIO 3 impatti. in modo significativo. su un’ampia percentuale di pazienti trattati ed in valore assoluto il beneficio clinico riguarderebbe oltre 300 procedure per anno. Siamo molto grati ai donatori che realmente con la loro generosità e lungimiranza permettono un miglioramento importante nella pratica chirurgica mininvasiva a vantaggio dei cittadini del nostro territorio e non solo'.

'I vantaggi dell'applicazione della tecnologia water-jet in chirurgia generale – aggiunge la dottoressa Micaela Piccoli, direttore della Chirurgia Generale, d’Urgenza e Nuove Tecnologie dell’Ospedale di Baggiovara – sono più evidenti negli interventi chirurgici mini-invasivi avanzati (resezioni del colon-retto, colecistectomie difficili eseguite in urgenza per colecistiti, resezioni epatiche). L'idrodissezione permette un effetto preciso <<a freddo>> senza danno termico con una preparazione del tessuto selettiva, in continua aspirazione mantenendo il campo sempre ben visibile in assenza di fumi (preservazione dei vasi sanguigni e dei nervi, riduzione dei sanguinamenti, margini precisi e lineari lungo la linea di dissezione senza necrosi). Tutto ciò con notevoli vantaggi per il paziente non solo per i tempi ridotti d’intervento ma anche per la riduzione ulteriore di possibili complicanze intra e postoperatorie'.

'Durante la chirurgia dei tumori cerebrali – ricorda il dottor Giacomo Pavesi, Direttore della Neurochirurgia dell’Ospedale Civile - la funzione di idrodissezione consente di separare il tessuto tumorale da quello sano minimizzando il trauma termico da coagulazione bipolare, riducendone la necessità di utilizzo durante la dissezione microscopica; di conseguenza l'impatto dell'idrodissezione comporta una attenuazione del rischio di danno neurologico nel contesto di una maggiore speditezza e chiarezza di visione durante l'asportazione delle lesioni cerebrali'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24