Ostetricia Carpi, salta il lotto per personale esterno: l'emergenza continua
Udicon
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Ostetricia Carpi, salta il lotto per personale esterno: l'emergenza continua

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nel bando da 327.000 euro per 6 mesi, è stata esclusa l'unica offerta presentata. Aggiudicato il lotto per Mirandola, dove ha chiuso il punto nascita


Ostetricia Carpi, salta il lotto per personale esterno: l'emergenza continua
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Caos ed emergenza. Sono queste le parole chiave che potrebbero essere collegate direttamente, quanto meno negli ultimi 6 mesi, alla situazione dei servizi di ostetricia negli ospedali di Carpi e Mirandola. Realtà dove la carenza crescente di personale ospedaliero specializzato da destinare al servizio di ostetricia, aveva spinto l'Ausl già dalla scorsa estate ad integrare le poche unità interne rimasto con l'affidamento dei servizi a personale esterno reperito tramite gare pubbliche.

Era successo per il punto nascita di Mirandola, con l'affidamento per 5 mesi, poi prorogati di un mese fino a fino dicembre, alla società cooperativa Novamedica, così come era stato per il punto nascita dell'ospedale di Carpi. Ultimo atto, di fronte ad una vera e propria emorragia di ostetriche, l'affidamento in via d'urgenza, per un mese, dall'1 dicembre fino all'8 gennaio 2023, di un paccheto di 38 turni di cui 30 normali e 8 turni con reperibilità, per un totale di 77mila euro.



Circa 2000 euro a turno, solo per tamponare la carenza di personale fino all'8 gennaio.
Il tutto in attesa dell'esito della super gara per l'affidamento a personale medico esterno di tre lotti che pur in una logica non ideale dell'affidamento del servizio di personale esterno avrebbe dovuto supplire alle carenze per almeno sei mesi, rinnovabili fino ad un anno. Una gara che si divideva in tre lotti: il numero 1 per medici dell'emergenza urgenza nella rete ospedaliera provinciale (ne abbiamo scritto nei giorni scorsi), e i lotti 2 e 3 per, rispettivamente, i reparti di ostetricia di Carpi e Mirandola. Una gara che nell'esito del 13 gennaio scorso non ha portato, almeno per Carpi, all'aggiudicazione del servizio. L'unica offerta presentata per questo lotto e per la gestione, per sei mesi rinnovabili di altri sei, dei servizi ospedalieri di ostetricia e ginecologia dell'ospedale di Carpi per 327mila e 600 euro, non è andata a buon fine per insufficienza di parametri tecnici.



A buon fine invece il lotto 3, per la fornitura di personale esterno per i servizi di ostetricia del punto nascita dell'ospedale di Mirandola che nel frattempo però ha smesso l'attività. E allora la situazione oltre che caotica e di emergenza per Carpi (che dopo la scadenza dell'8 gennaio del contratto di servizio della precedente gara aveva programmato l'arrivo di altro personale esterno della nuova gara), diventa anche paradossale. Da un lato abbiamo infatti Mirandola dove il lotto per la fornitura di ostetrici è andato a buon fine ma dove il punto nascita nel frattempo ha chiuso. Dall'altro l'ospedale di Carpi, che pur dovendo gestire buona parte dei parti non più gestiti da Mirandola, si trova a non avere il personale auspicato. 

Non si sa a questo punto a quanto ammonti il deficit di personale, quale sarà la funzione di quello aggiudicato a Mirandola pur a punto nascita chiuso, e come si muoverà l'Ausl per gestire la carenza di personale ormai cronica del servizio di ostetricia dell'ospedale di Carpi ora che l'affidamento del relativo lotto è andato a vuoto. E quello precedente scaduto. Una cosa sembra certa: la gestione della sanità pubblica nell'ambito dell'emergenza urgenza e dell'ostetricia sembra procedere, in provincia di Modena, senza un indirizzo preciso se non quello della graduale e strutturata esternalizzazione del servizio stesso, oltre che di un costante ricorso a costose soluzioni tampone a suon di gettoni da 2000 euro per turno. E qui sta un altro paradosso, perché il ricorso massiccio a personale esterno era ritenuto non ottimale dalla stessa Ausl nel parere alla richiesta di deroga all'apertura del punto nascita di Mirandola, indicandolo come una criticità. Tale da rendere poco sostenibile e quindi da evitare, la proposta di deroga all'apertura dello stesso centro. Come in un circolo ben poco virtuoso dove come soluzione al problema viene adottata la causa confermata come fattore del problema stesso. 

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Siulp: 'Aggressioni e violenze alle Forze dell'Ordine, cresce il disagio'
L'intervento del Segretario provinciale Siulp Roberto Butelli. Dal caso di Ascoli Piceno una..
12 Giugno 2024 - 18:28
Modena, lutto nella sanità per la morte di Anna Sviridenko: 'Solare e preparata'
'Al di là del suo sorriso e della sua umanità, la ricordiamo per la sua competenza e ..
12 Giugno 2024 - 12:46
Omicidio Modena, il cordoglio dell'Azienda Ospedaliera e Unimore
Anna, la 40enne uccisa dal marito e padre dei suoi due figli, lavorava presso l'azienda ..
11 Giugno 2024 - 19:08
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24