Paradosso inceneritore Modena: i rifiuti bruciati aumentano anche con il porta a porta
Udicon
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Paradosso inceneritore Modena: i rifiuti bruciati aumentano anche con il porta a porta

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'incremento dei rifiuti differenziati e la riduzione di quelli indifferenziati raccolti con il porta a porta non genera alcun vantaggio per i modenesi.. I rifiuti in inceneritore aumentano anziché diminuire. Con uno scarto, in 7 mesi, di 20.000 tonnellate in più


Paradosso inceneritore Modena: i rifiuti bruciati aumentano anche con il porta a porta
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Inceneritore a tutto gas, con carichi sempre maggiori di rifiuti indifferenziati urbani da bruciare, nonostante l'avvio della raccolta porta a porta che tra i suoi obiettivi e risultati aveva sia quello di aumentare la raccolta differenziata e sia di ridurre i rifiuti indifferenziati, ovvero quelli che alimentano dell'inceneritore.

Oggi i modenesi non solo pagano lo scotto di una raccolta porta a porta che ad un anno dalla sua introduzione ha ancora moltissime criticità in vari quartieri, non solo non hanno ricevuto alcun vantaggio in termini di sconto sulla Tari in quanto la tariffa puntuale non c'è, (e se va bene bisognerà attendere il 2025), ma devono anche subire una quantità sempre maggior di emissioni inquinanti dovuta alla maggiore quantità di rifiuti conferiti. Confermando Modena come riferimento regionale e, per i rifiuti speciali anche nazionale, nel conferimento e nell'incenerimento dei rifiuti.

Dove i rifiuti non differenziati portati alle bocche affamate dell'inceneritore aumentano nonostante il fatto che i modenesi ne producano meno.

L'ultimo e più recente dato disponibile sull'attività del termovalorizzatore e sui rifiuti conferiti e bruciati nell'impianto di via Cavazza è del luglio 2023. Confrontandolo con il dato dello stesso mese del 2022, in cui il porta a porta doveva ancora iniziare e la percentuale di raccolta differenziata era ferma ad un deludente 58%, ci aspettavamo che il dato 2023, relativo ad un periodo in cui il porta a porta era stato introdotto (portando ad una crescita della raccolta differenziata al 75%, e ad una riduzione della indifferenziata del 45%), registrasse anche una riduzione dei rifiuti indifferenziati prodotti, raccolti e conferiti all'inceneritore. Nulla di tutto ciò. 

I rifiuti urbani indifferenziati sia provenienti dalla provincia di Modena sia da fuori provincia, sono aumentati.

Insieme ai cosiddetti speciali di derivazione anche infustriale. Portando la quantità totale di rifiuti conferiti all'inceneritore dalle 108.178 tonnellate dei primi 7 mesi del 2022 alle 129.834 tonnellate dello stesso periodo del 2023. Con la sorpresa che la riduzione del 45% dichiarata da Hera nella raccolta di rifiuti indifferenziati nel comune di Modena da luglio 2022 a luglio 2023 (pur al netto del fatto di riguardare un dato comunale e non provinciale), non trova riscontro, nemmeno come tendenza, nel dato dei conferimenti dei rifiuti indifferenziati all'inceneritore.
In sostanza, i risultati raggiunti con l'introduzione sempre più estesa della raccolta porta a porta anche nel capoluogo oltre che nei comuni della provincia gestiti da Hera e che fino ad ora vedevano l'applicazione di un sistema di raccolta tradizionale con i cassonetti (e ritenuto insoddisfacente) non trova riscontro nei dati di attività del termovalorizzatore e nella quantità di rifiuti conferiti. In aumento, appunto.

Nello specifico, i rifiuti indifferenziati urbani totali della provincia di Modena sono passati dalle 59.500 tonnellate da gennaio a luglio del 2022 elle 60.993 tonnellate da gennaio a luglio 2023 con un incremento di più di 1000 tonnellate. Nonostante la contestuale introduzione e diffusione del sistema porta a porta. Ma non solo.
Aumento importante, per circa 8000 tonnellate dal 2022 al 2023 ancge per quanto riguarda i rifiuti urbani indifferenziati provenienti da altre province: passati dalle 13.536 tonnellate luglio 2022 alle 21.606 a luglio 2023.
A questi aumenti va aggiunto un vero e proprio boom legato ai rifiuti speciali inceneriti nel termovalorizzatore (che lo ricordiamo genera vapore immesso in una turbina che a sua volta produce elettricità che Hera vende al gestore nazionale), passati dalle 35.117 tonnellate al luglio 2022, alle 47.235 tonnellate al luglio 2023. Una vera e propria unicità per Modena, sede di uno dei più grandi inceneritori del nord Italia che ha la particolarità di avere una unica ed enorme linea che deve bruciare una altrettanto enorme quantità minima annua di rifiuti. Vanificando, sia sul piano dei dati reali che del principio, gli sforzi fatti dai modenesi per differenziare e per produrre una quantità sempre minore di rifiuti sia differenziati ma soprattutto indifferenziati. 

Dati in controtendenza anche rispetto a quelli misurati a Forlì dal 2017, ovvero da quando Alea, società pubblica è subentrata ad Hera nella raccolta dei rifiuti ha introdotto un sistema di raccolta porta a porta integrale a tariffa puntuale che ha avuto come conseguenza diretta la riduzione anche dei rifiuti conferiti al locale inceneritore.  Con risultati ottenuti capaci di fare entrare buona parte dei comuni gestiti dalla stessa Alea nell'elenco di quelli più virtuosi a livello regionale insieme a quelli gestiti da Aimag nell'area nord della provincia di Modena. Risultati rispetto ai quali Modena può guardare ancora dal basso.

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24