Plasma Iperimmune, cura abbandonata, a Modena raccolto ma non utilizzato
Riccardo Zaccarelli Azione Mirandola
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Giacobazzi
articoliSocieta'

Plasma Iperimmune, cura abbandonata, a Modena raccolto ma non utilizzato

La Pressa
Logo LaPressa.it

Oltre 150 unità giacenti presso il centro trasfusionale del Policlinico. Dopo gli studi sull'inefficacia della cura nei pazienti più gravi, tutto (o quasi) si è bloccato, anche per gli ammalati in forma lieve a cui potrebbe giovare


Plasma Iperimmune, cura abbandonata, a Modena raccolto ma non utilizzato
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Decine e decine di unità di plasma iperimmune, più di 150, prelevato in provincia di Modena da donatori guariti dal Covid e pronte a diventare, attraverso trasfusione, cura per ammalati, in realtà inutilizzate, giacenti presso il centro trasfusionale del Policlinico di Modena e, a quanto pare, senza prospettiva di essere utilizzate per la cura del covid.

'Dopo un primo momento di entusiasmo nel quale sembrava fosse l'unica cura possibile per il covid, studi ed articoli apparsi su prestigiose riviste scientifiche hanno dimostrato che il plasma iperimmune non serve per la cura dei pazienti gravi ma serve solo in caso di malattia iniziale, rendendo il suo utilizzo di fatto impraticabile' - spiega il Direttore del centro trasfusionale presso il Policlinico di Modena Giovanni Ceccherelli. Da qui, la riduzione drastica di domanda e l'accumulo di unità di plasma prelevate.

'Abbiamo iniziato a gennaio a raccogliere il plasma iperimmune da donatori guariti dal covid, iniziando dai centri Avis, quando la richiesta era alta. Poi quando si è capito che non era questa la destinazione, l'utilizzo è calato di molto al punto che delle 160 unità stoccate l'utilizzo è scarso'. In pratica, il plasma che decine di volontari guariti dal covid hanno voluto donare e continuano a donare come cura ad ammalati, in realtà non viene utilizzato, almeno per tale scopo. Nonostante la disponibilità, praticamente nessuna cura (il numero dovrebbe essere nell'ordine di una unità utilizzata su 160), viene praticata. Forse non proprio una bella notizia per i donatori guariti dal covid che con il loro gesto pensavano di dare un valore aggiunto alla loro donazione, rendendo utile la loro malattia, cedendo anticorpi a persone malate.

Il punto rimane il perché, una volta verificato il mancato effetto della cura su pazienti gravi, il plasma non viene utilizzato per i contagiati con malattia allo stadio iniziale dove la cura funzionerebbe. Il motivo sarebbe legato ai numeri ben più ampi dei soggetti contagiati e con sintomi lievi, rispetto a quello delle persone ricoverate.



'Se poniamo 5000 nuovi contagiati al giorno a livello nazionale' - spiega Ceccherelli incontrato in occasione dell'ultima assemblea Avis, 'ci troveremmo nella necessità di garantire altrettante unità di plasma, cosa impraticabile'. Come dire, la terapia con plasma iperimmune poteva funzionare, anche in termini di disponibilità di unità, in relazione ai numeri più ristretti di pazienti gravi, ma non per i grandi numeri di pazienti con malattia allo stadio iniziale. Da qui la scelta di abbandonare nella pratica tale terapia, e con essa le decine di unità di plasma iperimmune che nessuno, o quasi, nel mondo sanitario, chiede più.

Il problema non detto potrebbe essere ricondotto anche ad uno spostamento nella valutazione dell'utilizzo ad un livello di base, e non più ospedaliero e strutturato, della valutazione sul procedere o meno. A questo livello ci sono i medici di famiglia, già coinvolti direttamente nelle vaccinazioni e che, in questo caso, sarebbero chiamati a valutare per ognuno dei tanti casi di contagi con malattia allo stadio iniziale, l'opportunità di una trasfusione con plasma iperimmune. Fatto sta che anche a Modena, i dati confermano l'accantonamento di questa cura e di queste unità che dopo un certo periodo di stoccaggio non potrebbero comunque essere utilizzate come cura iperimmune, ma solo come 'normale' plasma. Vanificando la funzione e la destinazione per le quali erano state prelevate.

Gi.Ga.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Societa' - Articoli Recenti
Modena pride, 56 quintali di rifiuti raccolti da Hera
Di questi 12 di indifferenziata, 14 quintali di carta, 9 di plastica e 21 quintali di vetro
26 Maggio 2024 - 14:40
Iva Zanicchi abbraccia Mirandola, tripudio al Memoria Festival, oggi chiude Morgan
Con lei appuntamento del sabato. Oggi ultimo giorno del festival in un mix tra cultura e ..
26 Maggio 2024 - 09:28
Carcere Modena: detenuto recidivo aggredisce agente di Polizia
La condanna del Sappe: 'Sovraffollamento e carenza di organici aumentano le difficoltà per ..
25 Maggio 2024 - 01:24
Memoria Festival Mirandola: sabato anche con Vessicchio e Recalcati
Decine di appuntamenti negli spazi allestiti nelle piazze del centro storico. Tutto il ..
25 Maggio 2024 - 01:05
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24