PM 10 alte anche durante il lockdown: dubbi sull'efficacia dei futuri divieti
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

PM 10 alte anche durante il lockdown: dubbi sull'efficacia dei futuri divieti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dati e conclusioni dei report Prepair di Arpae confermano che nemmeno la riduzione dell'80% degli spostamenti e lo stop totale al traffico e alle attività produttive (raggiunta solo nel periodo di massima restrizione nell'emergenza Covid), porterebbe alle riduzioni di polveri sottili previste dalle manovre antismog


PM 10 alte anche durante il lockdown: dubbi sull'efficacia dei futuri divieti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

I risultati delle analisi sul periodo di lockdown hanno rappresentato una irripetibile occasione per verificare come il periodo di applicazione delle restrizioni più rigide del periodo febbraio 2020-marzo 2020, con lo stop al traffico e delle attività produttive fino all'80% di riduzione delle emissioni, incidesse sulla riduzione dei principali inquinanti (PM10 e NOX). Occasione utilizzata da Arpae Emilia Romagna  e dalle Arpa delle regioni del bacino padano per condurre il confronto dei dati con il periodo pre-covid e senza restrizioni. 

Le prime analisi registrarono che le emissioni nel periodo comprendente anche il lockdown e di zona rossa delle PM10 si erano abbassate mediamente di solo il 7% con punte massime del 14%, ma con due giorni in cui si rilevarono anche sforamenti nella concentrazione giornaliera di PM10 di 50 microgrammi al metro cubo.

Paragonabili a quelli che si registrano solitamente nelle giornate autunnali e che comportano l'introduzione di misure restrittive del traffico veicolare. Dati di gran lunga inferiori a quelli previsti dai Piani regionali per la riduzione degli inquinanti.

In sostanza, per diverse ragioni che gli scienziati e i tecnici Arpae riconducono al perdurare, anche nel lockdown, di attività agricole capaci di generare, insieme agli impianti di riscaldamento, emissioni inquinanti, i report confermano che la riduzione di PM10, nonostante il taglio anche dell'80% del traffico e delle attività industriali, tipiche del periodo di lockdown riguardante il nord Italia e tutto il bacino padano, non ha raggiunto nemmeno i livelli di previsti dalle manovre antismog messe in campo a livello regionale e di bacino padano.

Dati e considerazioni che non fanno parte del dibattito riguardante le ultime direttive europee e la loro prossima applicazione rispetto alla circolazione degli autoveicoli, come invece forse dovrebbero farlo.

Che senso ha applicare delle misure fortemente restrittive, e concentrandosi principalmente sul traffico veicolare, mettendo al bando anche gli euro 4, ed un parco messi cuore delle attività produttive quando si sa, grazie alle analisi e alle conclusioni scientifiche, che queste misure non saranno nemmeno lontanamente sufficienti per apportare quelle riduzioni degli inquinanti a cui si punta?

Una ragione, pur forzata visto che comunque si tratta di riduzioni registrate durante le restrizioni covid, per fondare scientificamente l'opportunità politica di manovre sedicenti antismog e concentrate principalmente sul traffico veicolare privato, potrebbe fondarsi sui dati delle emissioni di Nox, gli altri elementi inquinanti emessi da traffico e attività durante il lockdown e posti a confronto con dati modelli e simulazioni riguardanti il periodo pre-lock down.

In questo ambito - scrive infatti Arpae nel rapporto Prepair 'maggiori riduzioni si sono registrate, parallelamente al divieto di spostamento, alla riduzione drastica del traffico veicolare e alla chiusura delle attività produttive nelle emissioni di NOX, con un massimo settimanale del 40%. Un decremento comparabile a quello previsto dai piani'. 

In sostanza gli obiettivi dei piani potrebbero essere raggiunti ma solo per i Nox e solo applicando (cosa alquanto difficile da replicare pena la distruzione del comparto produttivo agricolo e industriale del bacino padano), restrizioni analoghe a quelle adottate nel periodo di massima emergenza covid. 

Dato misurato appunto in periodo di massime restrizioni legate all'emergenza Covid, ben lontane da quelle previste dai piani antismog autunnali. Sulla sulla cui efficacia pesano dubbi e interrogativi scientificamente fondati che sarebbe auspicabile facessero parte del dibattito e del confronto politico scevro da preconcetti di parte e ideologie. 

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24