Scenario apocalittico in autostrada, ma è un’esercitazione
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
articoliSocieta'

Scenario apocalittico in autostrada, ma è un’esercitazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Simulata al Parco Novi Sad di Modena una grave emergenza. Riprodotto un grave incidente stradale con numerosi mezzi coinvolti, morti, feriti e rischio esplosione. Ricostruita la catena dei soccorsi a tutti i livelli. Con tanto di ospedali hub and spoke, riprodotti in tende da campo, con la presa in carico dei feriti


  • Scenario apocalittico in autostrada, ma è un’esercitazione
  • Scenario apocalittico in autostrada, ma è un’esercitazione
  • Scenario apocalittico in autostrada, ma è un’esercitazione
  • Scenario apocalittico in autostrada, ma è un’esercitazione
  • Scenario apocalittico in autostrada, ma è un’esercitazione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Auto ribaltate e schiacciate a causa dello scontro con altri veicoli, persone incastate tra le lamiere dei mezzi, rischio incendio, ed esplosione dovuto anche ad una autocisterna incidentata con materiale pericoloso. Circa 50 feriti di diversa gravità, stesi a terra da valutare, eventualmente rianimare e dirottare a seconda della gravitò nei diversi ospedali. Tra questi anche bambini, che viaggiavano su una scuolabus. La difficile valutazione dei mezzi di soccorso necessari scontrandosi anche con la difficoltà che l'elicottero, per le condizioni meteo e di scarsa visibilità non può arrivare. E' lo scenario apocalittico riprodotto questa mattina al Parco Novi Sad di Modena nell'esercitazione di protezione civile che ha riguardato la simulazione di una maxiemergenza full scale promossa dal Dipartimento interaziendale di Emergenza-Urgenza AUSL-AOU di Modena e Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Modena e che ha visto la collaborazione di diversi Enti deputati al soccorso.

Oltre alle Aziende Sanitarie e al SET 118 Modena erano presenti: Questura, Polizia Stradale, Comando Provinciale Dei Carabinieri, Comando Provinciale Della Guardia Di Finanza, Polizia Locale, Centrale Operativa 118 Emilia Est, Croce Rossa Italiana, Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze di Modena, Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile), sotto il coordinamento della Prefettura.

Lo scopo dell’iniziativa è stato quello di sottoporre a stress il sistema in caso di un evento grave, ma plausibile in condizioni ordinarie, al fine di migliorare l’interazione degli Enti coinvolti anche attraverso la conoscenza tra gli operatori in campo. Sono stati gestiti, dunque, gli scenari relativi all’incidente stradale, alla presenza di sostanze pericolose e di auto in fiamme (simulato tramite l’uso di fumogeni).

L’esercitazione ha consentito di verificare il flusso delle comunicazioni tra tutti gli Enti coinvolti, anche relativamente alla gestione dei mass media; verificare l’adeguatezza delle risorse disponibili rispetto all’ordinaria dislocazione territoriale; testare, per ogni singolo ente coinvolto, la catena di comando e controllo e le procedure da porre in essere in caso di maxiemergenza.

È stato così possibile verificare l’efficacia del sistema di coordinamento multi-struttura, identificare aree di miglioramento e proporre azioni correttive, valutare l'efficacia delle procedure di gestione e testare la tempestività e l’efficacia della risposta alle emergenze, nonché testare la gestione di afflusso dei feriti ai pronto soccorso degli ospedali di riferimento per la centralizzazione dei pazienti più gravi e a quelli degli ospedali periferici, simulati all’interno dell'area dell’esercitazione tramite tensostrutture.

L’iniziativa ha coinvolto 164 volontari tra ANPAS – coordinamento di Modena e Croce Rossa Italiana- comitati della Provincia di Modena, 90 professionisti delle Aziende Sanitarie, per un totale di circa 200 persone tra figuranti, addetti alla logistica e al personale impegnato sul campo.

Per il comando dei vigili del fuoco sono stati coinvolti tre squadre generiche, due unità comando locale, sette unità delle squadre NBCR (Nucleo Batteriologico Chimico Radiologico e due SAPR (unità droni).
Autostrade per l’Italia, impegnata costantemente nel perseguire lo sviluppo tecnologico e il miglioramento degli standard di sicurezza sulla rete autostradale, ha collaborato all'iniziativa mettendo a disposizione la propria esperienza nella gestione di situazioni di emergenza.

In particolare, la Direzione di Tronco di Bologna di Autostrade per l’Italia, per conto della Prefettura di Modena, nelle giornate precedenti ha posizionato all'interno del circuito del Novi Sad alcuni New Jersey per simulare un tracciato autostradale e ha fornito un proprio mezzo per la regolazione della viabilità durante l’esercitazione. Erano presenti anche Polizia Locale e diversi servizi logistici del Comune di Modena che hanno contribuito all’allestimento e alla gestione dell’evento.

Il programma e lo svolgimento dell'iniziativa

L’esercitazione ha avuto inizio alle ore 9 con l’arrivo di diverse segnalazioni alla Centrale Operativa del 118 che a sua volta ha allertato sia la Polizia Stradale sia il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

A seguire è stato simulato l’arrivo sul luogo dell’incidente della prima pattuglia della Polizia Stradale, dei mezzi dei Vigili del Fuoco e del primo mezzo di soccorso del 118 che ha provveduto ad eseguire le prime procedure di valutazione dei pazienti. 

Si è attivato quindi il team di coordinamento sanitario, si è proceduto alla messa in sicurezza del luogo dell’incidente da parte dei Vigili del Fuoco e al soccorso. In particolare, sulle auto incidentate sono state eseguite procedure di stabilizzazione dei mezzi coinvolti ed estricazione delle vittime per poi procedere alla messa in sicurezza degli impianti di alimentazione, nella fattispecie auto ibride. Sono stati utilizzati, oltre ai mezzi ordinari come autopompe e pickup, anche un mezzo multiterreno “Sherp” in grado di accedere ai territori più impervi.

Intorno alle ore 9,30 la Sala Operativa dei Vigili del Fuoco ha avvisato il funzionario reperibile della Prefettura e la Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco e, dopo aver effettuato la valutazione NBCR (Nucleo Batteriologico Chimico Radiologico) ha avvisato il Capoturno del Servizio di pronta disponibilità dell’ARPAE e del dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl.

Alle ore 10,30 è stato attivato presso la Prefettura il Centro Coordinamento Soccorsi mentre sul luogo dell’incidente sono proseguite le attività dei diversi enti coinvolti.

Alle ore 13,00 l’esercitazione ha avuto temine e a partire dalle ore 14,00 sono iniziate le
operazioni di debriefing interno a ciascun ente partecipante, le cui conclusioni saranno
esposte ed analizzate nel corso del debriefing generale convocato presso la Prefettura
per il giorno 23 aprile.

I numeri dell'esercitazione

Enti coinvolti: Prefettura di Modena, Dipartimento interaziendale di Emergenza-Urgenza
AUSL-AOU di Modena e Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Modena, Aziende Sanitarie e
al SET 118 Modena erano presenti: Questura, Polizia Stradale, Comando Provinciale Dei Carabinieri,
Comando Provinciale Della Guardia Di Finanza, Polizia Locale, Centrale Operativa 118 Emilia Est,
Croce Rossa Italiana, Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze di Modena, Gruppo Comunale
Volontari di Protezione Civile.

Numeri AUSL-AOU:
Territorio:
● 1 automedica
● 2 ambulanze a leadership infermieristica
● 1 auto del coordinamento sanitario
Per un totale, tra facilitatori e personale giocante di:
o 7 medici (4 specializzandi e 3 strutturati)
o 11 infermieri
o 3 Operatori tecnici autisti soccorritori

Ospedali simulati:
● Tenda Ospedale “HUB”: 23 medici (13 specializzandi e 10 strutturati), 17 infermieri e 2 OSS
● Tenda Ospedale “SPOKE”: 12 medici (6 specializzandi e 6 strutturati), 12 infermieri
Numeri Anpas -Cri:
● 2 ambulanze Anpas e 2 Cri con all’interno 4 soccorritori ognuna per il soccorso su strada nella
simulazione
● 1 ambulanza Anpas e 1 Cri con all’interno 2 soccorritori ognuna per i trasporti interospedalieri
nella simulazione
● Mezzo della maxiemergenza Anpas (Punto Medico Avanzati) con equipaggio dedicato
● 1 ambulanza BLS (basic life support) operativa in caso di necessità reale
● 1 ambulanza bls di scorta

CO118Emilia Est:
Un operatore dedicato alla simulazione per testare le comunicazioni e la catena di comando
all’interno della Centrale operativa di Bologna

CO Cosmo:
Due operatori (coordinamento) dedicati all’interno della centrale COSMO e un’operatrice
dedicata ai rifornimenti e logistica

Pazienti e veicoli:
previsti 56 pazienti grazie a attori Anpas e Cri, circa 18 veicoli tra cui alcuni mezzi pesanti.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

CISL Emilia Centrale
Societa' - Articoli Recenti
Modena Pride: modifiche alla viabilità, ecco il percorso
La manifestazione prenderà il via dal Parco Ferrari alle ore 14.30 e si snoderà attraverso..
24 Maggio 2024 - 14:34
Che togo: al parco Novi Sad la grande festa dell'inclusione
Per tutto il fine settimana, moto terapia, green e Pet Therapy, con spettacoli e laboratori
24 Maggio 2024 - 14:25
Alluvione a Savignano, carabinieri salvano cane intrappolato nel fango
Il cane nero di razza meticcia di circa 25-30 chili aveva il corpo completamente sommerso ..
24 Maggio 2024 - 13:44
Formigine: lite tra camionisti, i carabinieri sequestrano scacciacani
Presso un’area di servizio sulla tangenziale Modena-Sassuolo
23 Maggio 2024 - 23:30
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24