Udicon
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Scuola superiore scelta ma negata: i genitori di 7 Istituti Comprensivi scrivono alle autorità

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'iniziativa partita dai genitori degli studenti delle scuole medie Ferraris sui criteri di selezione per l'ammissione, ha coinvolto altre scuole ed è sfociata in una lettera aperta alle istituzioni: 'Mettere in campo ogni strumento per garantire il diritto allo studio, oggi per molti negato'


Scuola superiore scelta ma negata: i genitori di 7 Istituti Comprensivi scrivono alle autorità
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il 25 novembre scorso la prima riunione, alle scuole medie Ferraris, autoconvocata da alcuni genitori, soprattutto delle classi terze, per confrontarsi su un problema sempre più attuale e diffuso, parallelo all'aumento della popolazione scolastica in ingresso alla scuola secondaria superiore. Aumento che ha portato negli anni le autorità scolastiche ad introdurre, o meglio a fare introdurre, a discrezione dei dirigenti, criteri di selezione in ingresso. Stabilendo una sorta di numero chiuso in determinate scuole dove la disponibilità di posti è inferiore alla domanda degli studenti. Criteri giudicati per molti versi arbitrari e discutibili, facenti per esempio riferimento alla media dei voti della seconda media. Per non parlare, in alcuni casi, di sorteggi tra gli studenti. Fatto sta che per questo motivo sono stati centinaia i casi di ragazzi ai quali lo scorso anno è stata negata di fatto la possibilità di accedere non solo alla prima scuola secondaria superiore scelta, ma anche alla seconda o addirittura la terza scelta.

Il problema non è di poco conto, anche perché in linea di principio, si tratta comunque di scuola dell'obbligo ma soprattutto della negazione di un diritto allo studio che nel passaggio alla scuola superiore dovrebbe accogliere le aspirazioni dei ragazzi e non limitarla, magari sulla base di una media i voti di un quadrimestre di ragazzi di 12 anni, riferite a due anni prima. Un incontro nel quale era emersa la necessità di un confronto con gli organi competenti, per portare e anzi anticipare un problema che per le famiglie dei ragazzi di terza si pone già ora, in vista delle pre-iscrizioni, ad inizio del 2024. Da qui la volontà di scrivere una lettera da indirizzare alle autorità scolastiche e agli enti locali, compresa ovviamente la Provincia, che ha diretta competenza sull'edilizia scolastica.

La lettera è stata scritta e condivisa da sette Istituti comprensivi (sei di Modena e uno di Nonantola). 

Di seguito il testo della lettera inviata al Direttore dell’ufficio scolastico regionale dell’Emilia Romagna, al Presidente della Regione Emilia Romagna, Presidente della Provincia di Modena, Sindaco di Modena, Ministro dell’Istruzione, Dirigenti scolastici delle scuole secondarie di secondo grado di Modena.

Siamo i Comitati di Genitori degli Istituti comprensivi IC1 Cavour, IC4 G. Ferraris, IC5 scuole medie Carducci, IC7 Guidotti, IC9 scuole medie S.Carlo, IC10 Marconi di Modena e dell’Istituto comprensivo di Nonantola che chiede il vostro urgente impegno per risolvere l’emergenza che vivono i nostri figli, ormai da qualche anno, e determinata dalla lesione del diritto all’istruzione e alla formazione, sino al completamento della scuola dell’obbligo.

Istruirsi e formarsi non è solo un diritto riconosciuto e tutelato dalla Costituzione, tra i diritti inviolabili per la persona (art. 34), e dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo e del Cittadino (art. 26 secondo il quale “ogni individuo ha diritto alla istruzione) ma è anche un obbligo perché contribuisce, in spirito di solidarietà, al “progresso sociale della società”.

L’istruzione si configura come un servizio pubblico sociale a fruizione individuale coattiva, pertanto il diritto all’istruzione comporta la necessità di assicurare alla persona un percorso di conoscenza che le consenta di formarsi, di crescere, di affrancarsi dai retaggi sociali e al contempo di integrarsi e contribuire attivamente al benessere della società.

Il sistema scolastico è laboratorio sociale permanente e sede di formazione di futura società.
La futura società sono i nostri figli.
La richiesta di iscrizione alle prime classi della scuola secondaria di secondo grado rappresenta, pertanto, il primo passo per la realizzazione del diritto umano inalienabile a sviluppare la propria identità personale e la propria personalità professionale per ogni studente che si affaccia, dopo il ciclo delle scuole medie, in una realtà già direzionata al suo futuro, senza però ancora ritenere che tale futuro sia già definito e accertato o accettato ma che invece sia un futuro immaginato e perché no desiderato e a volte anche sognato, da ragazzi di 13/14 anni.

La formazione delle prime classi, pertanto, dovrebbe rappresentare per le istituzioni pubbliche scolastiche il primo passo verso la realizzazione concreta del diritto allo studio. Allora, nel rivolgerci con la presente a chi ha il dovere istituzionale di tutelare tale diritto allo studio dei nostri figli, anche attraverso la rete scolastica, sentiamo noi genitori il dovere di richiedere che tale diritto sia effettivamente promosso, difeso e agito affinché i principi costituzionali a cui le istituzioni pubbliche sono necessariamente votate si traducano in misure e azioni specifiche.

Non è nostro compito operare sul piano della effettività, ma è nostro diritto e nostro dovere esigere riconoscimento e valorizzazione dei talenti, delle attitudini e delle aspirazioni dei nostri figli, tramite lo studio nella scuola pubblica. E le istituzioni scolastiche hanno l’obbligo di rendere effettiva la facoltà di scelta del corso di studi più confacente alle attitudini e aspirazioni del minore.
Invitiamo, pertanto, voi istituzioni scolastiche ad avvalervi di tutti gli strumenti di pianificazione strategica, proprio come le aziende, per reperire le risorse logistiche ed economiche funzionali a garantire e tutelare il diritto allo studio.

La presente nostra richiesta emerge in un contesto emergenziale nel quale si consolida una lesione del diritto allo studio, quando voi istituzioni pubbliche adottate criteri di selezione che impediscono l’ingresso nelle scuole secondarie, a cui invece aspirano i nostri figli. I cosìdetti criteri di precedenza, che dovrebbero essere ispirati ai criteri di ragionevolezza (ovvero congruità ed equità) impediscono di fatto il diritto a quel determinato percorso di istruzione e formazione a cui i nostri figli ambiscono.
I criteri, così come lo strumento del consiglio orientativo, dovrebbero essere esclusivamente principi ispiratori a supporto delle scelte dello studente. Ma la realtà non è questa. Il diritto inalienabile all’istruzione e alla formazione è drammaticamente violato e i nostri figli si trovano nella grave difficoltà a non essere accettati nella specificità dei loro talenti e delle loro inclinazioni.
Che società futura sarà questa, se noi non facciamo in modo che la loro identità fiorisca nello studio e nella formazione, per essere poi donata al mondo?
Richiediamo, pertanto, urgentemente, un incontro in presenza con la partecipazione di tutte le parti istituzionali e non.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Una serata a Modena in ricordo di ..
Un bravo economista, un bravo politico. Di quelle persone, come scrive Pezzini, di cui si ..
11 Febbraio 2024 - 13:04
Modena, don Ilario Cappi a 89 anni ..
Questa mattina, in occasione della Giornata mondiale del Malato, la parrocchia della Beata ..
11 Febbraio 2024 - 12:44
Cade ma vince: Angelina Mango vince ..
Secondo Geolier, terza Annalisa, quarto Ghali, quinto Irama
11 Febbraio 2024 - 09:15
Rifiuti Modena, ecco come si presenta..
E' l'ennesima segnalazione che giunge in redazione di disservizi legati alla raccolta ..
10 Febbraio 2024 - 18:15
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24