Sicurezza e immigrazione, numeri oggettivi: 'Il problema va affrontato cambiando le regole'
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
articoliSocieta'

Sicurezza e immigrazione, numeri oggettivi: 'Il problema va affrontato cambiando le regole'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La segreteria Siulp commenta i dati sulla percentuale di stranieri (oltre il 50%) tra gli autori di reati a Modena: 'Gli stranieri che delinquono non temono il nostro sistema. Servono pene più incisive e le vittime al centro del processo'


Sicurezza e immigrazione, numeri oggettivi: 'Il problema va affrontato cambiando le regole'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Abbiamo letto con interesse il bilancio dell’attività operativa della Polizia di Stato del 2023, non di certo perché avessimo dubbi in merito alla quantità ed alla qualità del lavoro svolto, piuttosto perché è interessante apprendere ufficialmente l’incidenza dell’immigrazione nel rapporto reati-cittadini. Se dai dati divulgati dalla Questura si apprende che a fronte di 1486 denunciati a piede libero, 761 sono stranieri, otteniamo che la percentuale a carico degli immigrati è pari al 51,5%, mentre per quanto riguarda gli arresti la percentuale sale addirittura al 57%, essendo ben 144 su 253 complessivi'. A intervenire è la segreteria provinciale Siulp.

'Si potrà forse obiettare che in fin dei conti siamo comunque intorno al 50% e che quindi vi è un sostanziale pareggio tra italiani e no, ma relazionando il dato di denunce e arresti dei quattro comuni di Modena, Carpi, Sassuolo e Mirandola, emerge che gli italiani residenti sono 272710 mentre gli immigrati sono 49270: ciò fa ben capire come in percentuale i reati commessi dagli stranieri siano molti ma molti di più rispetto a quelli commessi dagli italiani.

Di fatto, gli stranieri sono circa un quinto degli italiani, ma avrebbero commesso oltre la metà dei reati perseguiti. Infatti, se le denunce a carico degli italiani nei quattro comuni corrispondono allo 0,26% e gli arresti allo 0,039%, per quello che riguarda gli immigrati le percentuali salgono rispettivamente all’1,54% ed allo 0,29%. E questo per quello che riguarda solo l’attività della Polizia di Stato: verosimilmente, se avessimo anche il dato dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale, riteniamo che, visto la tendenza, avremmo probabilmente percentuali più alte. È da tempo che, come Siulp, sosteniamo questa situazione, consci del fatto che molto spesso perseguire uno straniero significa fermare una Volante per ore e ore, vista la mole di attività burocratica che è obbligatorio svolgere, sottraendo preziose energie al controllo del territorio'.

'Non solo: abbiamo la ferma consapevolezza, dettata dall’esperienza, che il più delle volte questa attività non sortisca alcun effetto nei confronti di tali denunciati/arrestati: molti di loro, infatti, provengono da paesi dove l’attività di repressione di forze di polizia e magistratura è connotata da grandissima rigidità e severità, tali da rendere le misure italiane una semplice formalità burocratica. Il risultato, quindi, è quello che il sistema penale italiano, infarcito da mille e mille cavilli e lacciuoli burocratici per fornire il massimo delle garanzie all’indagato/imputato – tralasciando completamente il ruolo della vittima – rallenta moltissimo il lavoro delle Forze di Polizia e non incide minimamente sul comportamento dei rei, in particolare se stranieri - chiude il Siulp -. Un’assoluta incertezza della pena, unita alla scarsissima deterrenza delle misure coercitive, dissanguano il lavoro delle Forze di Polizia e non riescono ad impedire la commissione dei reati: il massimo dello sforzo per ottenere il minimo dei risultati. La nostra analisi, l’analisi del Siulp, è cruda e triste, ma di fronte a chi crede che il solo incremento degli organici sia la risposta a tutti i problemi di ordine e sicurezza pubblica, è necessario rispondere argomentando con dati oggettivi che, in quanto tali, sono difficilmente confutabili'.

'È necessario cambiare le regole, ponendo innanzitutto la vittima del reato al centro del processo penale perché ad oggi è bistrattata e dimenticata, snellire le pratiche burocratiche relative alle denunce a piede libero ed agli arresti e, soprattutto, rendere più incisive le pene per chi, giorno dopo giorno, manifesta non solo la mancata integrazione in Italia, ma il totale spregio per le regole di convivenza e di rispetto civico verso il Paese che li ospita'.

Nela foto, il segretario provinciale Roberto Buttelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon
Articoli Correlati
Mirandola, situazione critica per la Polizia di Stato
La Provincia
26 Aprile 2024 - 10:21
Sicurezza, vertice tra Negrini e Butelli del Siulp
Politica
03 Aprile 2024 - 18:17
Commissario Mirandola, vertice tra giunta e Siulp
La Provincia
13 Dicembre 2023 - 17:10

CISL Emilia Centrale
Societa' - Articoli Recenti
Documenti falsi e ricettazione: un arresto e una denuncia a Modena
In due attività di controllo dei Carabinieri. Un 39enne italiano e un 27enne straniero con ..
22 Maggio 2024 - 16:54
La componente aerea dei Vigli del Fuoco nasce a Modena e domani compie 70 anni
Cerimonia aperta al pubblico domani mattina all'hangar al parco Ferrari dove sarà esposto ..
22 Maggio 2024 - 15:45
Zona Musicisti, la giunta annuncia un parcheggio per 19 auto
Il progetto esecutivo dell’intervento di riqualificazione è stato approvato nei giorni ..
22 Maggio 2024 - 12:56
Palazzina ex fonderie: ulteriore perizia, si allungano i tempi, l'aumento di spesa raggiunge i 450.000 euro
E dopo la doppia proroga nel 2022 e 2023, sforata anche la data del 30 aprile per ..
22 Maggio 2024 - 10:43
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24