'Togliamo uomini alla guerra, così combattiamo per la pace'
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
articoliSocieta'

'Togliamo uomini alla guerra, così combattiamo per la pace'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Kateryna, Darya e Olga, rappresentanti di movimenti pacifisti e di obiezione alla guerra in Russia, Ucraina e Bielorussia, accolte in Comune alla presenza del Vescovo. 'L'invio di armi non risolve il problema. Aiutateci ad aiutare chi ripudia la guerra'


  • 'Togliamo uomini alla guerra, così combattiamo per la pace'
  • 'Togliamo uomini alla guerra, così combattiamo per la pace'
  • 'Togliamo uomini alla guerra, così combattiamo per la pace'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

E' un messaggio chiaro, forte e chiaro, che unisce Russia, Ucraina e non solo, che non conosce compromessi, come lo è (e dovrebbe esserlo), il ripudio della guerra. Quello sancito dalla Costituzione. Che sembra essere dimenticato nel dibattito e nell'azione politica dove non pare non esserci alternativa all'invio di armi. Un ripudio netto, quello della guerra, che per Kateryna, Darya e Olga, attiviste in organizzazioni pacifiste di Russia, Ucraina e Bielorussia, significa rifiutarsi di partecipare al conflitto, con una azione di obiezione. E, per quanto le riguarda, intercettando, organizzando e aiutando le migliiaia di uomini che rifiutano di mettersi a disposizione e andare al fronte. Non solo in Russia ma anche in Ucraina. 'Nell'Ucraina in cui il governo dice di combattere anche per i diritti dell'Europa oggi i diritti umani di migliaia di persone che ripudiano la guerra non sono rispettati.

Gli uomini vengono catturati anche in strada e nelle loro case, e incarcerati' - afferma Kateryna Lanko, dell'Ukrainian Pacifist Movement – Ucraina. E a rischiare non sono solo gli uomini ma anche le donne che difendono la loro scelta. Che li nascondono o li aiutano a fuggire.
Lei, come Darya Berg, dalla Russia, e Olga Karach, dalla Bielorussia, sono impegnate con le loro rispettive associazioni Go by the forest (Russia), e Our House – (Bielorussia), in una grande azione non violenta, per aiutare gli obiettori e per allargarne il fronte. Protagoniste da alcuni giorni di un tour della pace in diverse città italiane nell'ambito progetto di mobilitazione e sensibilizzazione “Europe for Peace”, ad un anno dallo scoppio del conflitto armato. Oggi tappa a Modena, ospiti del Comune. Appuntamento in sala Municipale con il Presidente del Consiglio Comunale, Sindaco, e Vescovo.

Sono accompagnate da Mao Valpiana, presidente del Movimento Nonviolento e Daniele Taurino coordinatore nazionale del tour che ha portato a Modena le tre attiviste e che svolge egregiamente anche il delicato compito di tradurre dall'inglese tutti i loro interventi.

Raccontano la loro idea fatta di una azione per la pace che non contempla l'uso delle armi, che ripudia la guerra, fondando il proprio movimento sulla certezza che ci si possa difendere senz’armi e senza odiare le altre nazioni pur amando la propria. Un filo conduttore che unisce l'azione pacifista delle tre donne secondo le quali è possibile combattere la guerra anche attraverso una azione sempre più ampia di obiezione.
Le tre giovani donne, pacifiste, sono impegnate in questo progetto da tempo, ma sono arrivate a parlarne in Italia per la prima volta solo adesso. Ad un anno dall'esplosione del conflitto. 
Obiettivo finale è ottenere il dialogo, il cessate il fuoco, favorendo la pace per un’Europa più sicura, dando aiuti umanitari alle vittime e lavorando attivamente per diffondere il rispetto dei diritti umani. Nella solo organizzazione alla quale fa riferimento Darya, sono 4.000 gli obiettori russi intercettati e organizzati e aiutati a fuggire. Si stima che siano decine di migliaia. Meno ma tanti anche in Ucraina. In un numero in costante evoluzione soprattutto da quando chi si oppone alla guerra viene catturato e portato via, anche in strada. Incarcerato dalla Polizia agli ordini del governo di Zelensky.

Darya Berg del movimento russo Go by the forest ha puntualizzato che “molte persone in Russia sono contro la politica di Putin e la guerra, ma non possono dirlo né manifestarlo per paura delle violente ripercussioni”. La pacifista ha spiegato come l’attività più importante della propria organizzazione sia “organizzare una rete di obiettori di coscienza aiutando più persone possibile a evitare di mobilitarsi per la guerra: oltre 4 mila uomini non disposti a combattere sono stati aiutati a lasciare il Paese”.

Situazione drammatica per i diritti umani, anche in Bielorussia, testimoniata da Olga Karach, attivista, giornalista e politica bielorussa, fondatrice nel 2002 del giornale autoprodotto di Vitebsk “Our House” (Casa Nostra). Licenziata per il suo attivismo politico, dopo lo scoppio della guerra scatenata dalla Russia contro l’Ucraina, continua controllare l’andamento delle violazioni dei diritti umani tra cui quello di obiettori di coscienza al servizio militare. Ora si oppone al coinvolgimento del governo Aleksandr Lukashenk, fedelissimo di Putin alla guerra con l'Ucraina. 'Quello che cerchiamo di fare è impedire l’arruolamento nell’esercito del dittatore Lukashenko, supportando gli obiettori di coscienza bielorussi ed impedire la mobilitazione per questa guerra”. Da qui l'appello all'Italia e all'Europa. 'Aiutate e accogliete chi ripudia la guerra e i popoli che non vogliono combatterla, anziché inviare armi' 

Un messaggio semplice ma forte, capace di mettere anche la politica di fronte alle proprie contraddizioni. Evidenziate, nel loro valore e nella loro differenza, anche dal Presidente del Consiglio Poggi. 'La politica tenta di umanizzare la guerra, loro' - riferendosi alle tre donne - 'umanizzano la pace'. Combattono per la pace per con la pace e la non violenza'.

L'arcivescovo di Modena-Nonantola Mons. Erio Castellucci ha auspicato che ad un anno dall'avvio del conflitto si 'possa davvero segnare l’inizio di una volontà di pace, mobilitando uomini e donne portatori di armonia e concordia”. 

“Di fronte a una guerra che continua ad avanzare, resta come unica soluzione un lavoro quotidiano per il bene e la pace. Noi – ha concluso il sindaco Muzzarelli ringraziando le tre attiviste – dobbiamo fare di tutto per seminare, a partire dalla nostra comunità, rispetto, convivenza, accoglienza che sono i presupposti per la pace, come Modena ha fatto e continuerà a fare”.

Gianni Galeotti

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon
Articoli Correlati
Pace e bene
Le Vignette di Paride
10 Aprile 2024 - 13:49
Cessate il fuoco
Le Vignette di Paride
26 Marzo 2024 - 20:02

CISL Emilia Centrale
Societa' - Articoli Recenti
Formigine: lite tra camionisti, i Carabinieri sequestrano scacciacani
23 Maggio 2024 - 23:30
Modena, 70 anni fa l'entrata in servizio dei primi elicotteri
Oggi si è tenuta la prima cerimonia a Modena, presso la sede storica del primo Reparto Volo
23 Maggio 2024 - 21:47
Graduatoria CresciaMO: cerca otto insegnanti di scuola d'infanzia
Sul sito della Fondazione l’avviso per la selezione. Assunzioni a tempo indeterminato e ..
23 Maggio 2024 - 09:38
Ferrari, il film: Modena rivive il 'set'
Primo appuntamento con focus espositivo e diversi eventi per valorizzare un’esperienza ..
23 Maggio 2024 - 09:10
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24