Vaccino Covid, medici di base pagati per somministrarlo e promuoverlo: Ausl recepisce accordo regionale
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Vaccino Covid, medici di base pagati per somministrarlo e promuoverlo: Ausl recepisce accordo regionale

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'accordo prevede incentivi economici e l'impegno a proporre il vaccino attraverso chiamata attiva agli utenti. Così fino a fine marzo 2024


Vaccino Covid, medici di base pagati per somministrarlo e promuoverlo: Ausl recepisce accordo regionale
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

- 13,20 euro a vaccinazione, in modo particolare per le spese sostenute per l’attività di allestimento e di supporto organizzativo, amministrativo ed assistenziale
- 30/25 euro + quota regionale di 7,50 euro per paziente vaccinato, per i pazienti vaccinati a domicilio e già inseriti in ADI/ADP è prevista la quota ADI/ ADP
- 25 euro + 7,50 euro per tutti i pazienti vaccinati al domicilio causa difficoltà al trasporto degli stessi (pazienti impossibilitati, in quanto non deambulanti, a raggiungere gli ambulatori dei MAP. 

Sono queste le quote riconosciute dal Sistema Sanitario Regionale ad ogni Medico di Medicina Generale per la somministrazione del vaccino Covid.

Ciò sulla base dell'Accordo Attuativo Aziendale tra l’Azienda USL di Modena e le Organizzazioni Sindacali dei Medici di Medicina Generale, Fimmg, Snami e Smi, per regolare la somministrazione presso i Medici di Medicina Generale dei vaccini anti Covid.

Un accordo che se pur operativo dall'ottobre scorso (ne avevamo scritto [n un precedente articolo), con l'avvio della campagna vaccinale, è stato recepito formalmente dall'Ausl solo il 24 gennaio 2024. L'accordo è valido fino al 31 marzo del 2024. Fino a tale data i Medici di Medicina Generale riceveranno una quota per ogni vaccino covid somministrato. Vaccinazioni remunerate, attraverso quelli che vengono formalmente identificati come incentivi economici. Che riguardano specificamente la vaccinazione anti-covid ed esclusivamente quella fatta con vaccino Comirnaty (Pfizer) Omicron XBB.1.5 a mRNA, ultimo approvata da Ema e Aifa.

Nei punti dell'accordo emerge che i medici di medicina generale si impegnano a proporre la vaccinazione attraverso la chiamata attiva, con particolare riferimento ai soggetti fragili, a gestire, nel caso di prima dose, anche l'attività, una tantum, di anamnesi e di raccolta del consenso informato, considerando quest'ultima sarà considerata valida, come già acquisita, per tutte le somministrazioni successive.



Ricordiamo le categorie raccomandate per la somministrazione del vaccino
• Soggetti over 60
• soggetti fragili di età 12-59 anni fragili
• ospiti delle strutture protette residenziali per anziani
• donne in gravidanza, in qualsiasi trimestre o nel periodo post partum comprese le donne in allattamento
• operatori sanitari e sociosanitari addetti all’assistenza negli ospedali, nel territorio e nelle strutture di lungodegenza
• studenti di medicina, delle professioni sanitarie che effettuano tirocini in strutture assistenziali e tutto il personale sanitario e sociosanitario in formazione.

Raccomandazioni, rispetto alle categorie in elenco, che per quanto riguarda donne in gravidanza e donne in allattamento assumono, all'interno della nota informativa allegata al modulo di consenso informato alla vaccinazione, ben altro carattere. La raccomandazione diretta alla vaccinazione senza distinzione per donne in gravidanza e allattamento cede il passo ad una raccomandazione sula necessità di apprfondire una analisi preliminare alla vaccinazione. Ma di questo ce ne occuperemo in un successivo articolo.

...continua

Gi.Ga


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24