Ventennale Scuola chirurgia mininvasiva: assessore Donini a Baggiovara
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Ventennale Scuola chirurgia mininvasiva: assessore Donini a Baggiovara

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Siamo qui anche con l'impegno di implementare le nostre strutture ospedaliere con le tecnologie necessarie e riqualificazione del comparto chirurgico'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Stamattina l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, ha visitato l’Ospedale Civile di Baggiovara l’evento di chiusura di chiusura della Scuola di Chirurgia Mininvasiva della Società Italiana di Chirurgia, guidata dalla Dottoressa Micaela Piccoli, Direttore della Chirurgia Generale, d'Urgenza e Nuove Tecnologie. L’assessore Donini è giunto a Baggiovara verso le 12 e in Sala Vecchiati ha salutato i corsisti, accolto dalla Dottoressa Piccoli e dalla sua equipe.
'Quello della Scuola nazionale di Chirurgia Mininvasiva - spiega Donini, - è un progetto che intendiamo sostenere e incoraggiare: lo testimonia la nostra presenza qui oggi con la Dottoressa Micaela Piccoli e tanti chirurghi sia strutturati che in formazione specialistica. Siamo qui anche con l'impegno di implementare le nostre strutture ospedaliere con le tecnologie necessarie e interventi di riqualificazione del comparto chirurgico. Per fare questo abbiamo dovuto reperire altre risorse per gli investimenti e saranno impiegate anche all'Ospedale Civile di Baggiovara.

Pensiamo che questo know how e la relativa rete dei saperi che a livello nazionale si concentrano qui a Modena sia un valore per coloro i quali vengono a formarsi ma anche per i nostri ambiti professionali, per un arricchimento e un confronto maggiore'.

'Il contributo dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena a questa importante iniziativa - sono le parole di Ottavio Alessandro Nicastro, direttore sanitario dell’AOU - rappresenta un elemento di grande valore per la comunità professionale locale e anche quella nazionale, su una tematica di estrema attualità e interesse, anche in chiave  prospettica. Questa non è un'iniziativa isolata, inserendosi in un programma complessivo promosso dall'Azienda la quale ha istituito un apposito gruppo di lavoro che vuole affrontare e approfondire tutti gli aspetti correlati al management della chirurgia robotica: dall' appropriatezza, alle tecnologie e l'uso oculato e responsabile delle risorse, alle competenze necessarie per l'esercizio della chirurgia mininvasiva e naturalmente alla formazione.

Esiste un filo che unisce tutti questi ambiti finalizzato alla garanzia di qualità ed eccellenza nell'esecuzione di queste prestazioni di altissimo profilo'.

La Scuola è articolata in due corsi: un primo livello definito di base, e un secondo livello avanzato. Entrambi i corsi risultano accreditati con il provider SIC per l’ottenimento di 50 crediti formativi ECM. La Scuola prevede quattro giornate iniziali a Baggiovara con lezioni frontali e live surgery, un tirocinio di sei mesi con un tirocinio obbligatorio in uno dei Centri qualificati di formazione della Scuola, diffusi su tutto l’ambito nazionale e con un Cadaver laboratorio facoltativo, presso l’ICLO di Verona sempre organizzato e coordinato dalla Scuola di Modena.  
I partecipanti sono chirurghi in formazione, neo-specialisti e specialisti. Ogni anno a Modena giungono dagli 80 a 120 iscritti. Quest’anno sono stati registrati un totale di 82 iscritti: 46 iscritti al primo livello e 36 al secondo.

Quest’anno Modena festeggia, quindi, vent’anni di impegno formativo post-universitario. 'E’ un anniversario particolarmente importante – ha commentato la dottoressa Micaela Piccoli - che giunge in un momento di grave flessione delle vocazioni chirurgiche (si prevede che nei prossimi dieci anni avremo in Italia 34.000 chirurghi in meno). Tra le varie cause di questa flessione (contenzioso medico-legale, blocco del turnover, remunerazione e prospettive di carriera non congrue alla responsabilità, condizioni di lavoro non appetibili per orari, turni e stress) compare anche la formazione non adeguata. E qui entra proprio l’impegno della Scuola soprattutto sulle nuove generazioni'.
La Scuola si contraddistingue per la chirurgia in diretta (Live surgery) dalle sale operatorie tecnologiche (mininvasive - robotiche e ibride) dell’ospedale Civile di Baggiovara, verso la Sala Vecchiati Multimediale. La Chirurgia Generale d’Urgenza e Nuove tecnologie, diretta dalla dottoressa Micaela Piccoli, ha la caratteristica di disporre delle migliori apparecchiature e tecnologie: colonne laparoscopiche di ultima generazione, Robot da Vinci XI (nel tempo si sono susseguite le quattro versioni del sistema) con doppia Consolle, Sala Ibrida, tecnologia ICG (verde indocianina), devices innovativi, schermi 4K che permettono di offrire al paziente la migliore performance tecnologica presente sul mercato, messa anche a disposizione del bagaglio di formazione chirurgica di tutti gli iscritti. Riprese interne ed esterne, tecnologia 4K, visione 3D, collegamenti in zoom con i maggiori centri italiani ed europei, qualità dell’immagine elevatissima. La chirurgia in diretta rimane un importante sistema educativo. I discenti ed i docenti si confrontano e partecipano attivamente a discussioni interattive, condivisione di tecniche, di strategie e decision-making, diventando un momento di forte aggregazione e partecipazione. La live surgery si conferma come un potente strumento di formazione e apprendimento per fare chirurgia insegnando. 
'Il nostro è un mestiere bellissimo ma difficile, necessita di continuo impegno, aggiornamento e la più fine competenza, e negli ultimi anni si è aperto sempre più a chirurghe donne. Quest’anno, ad esempio, abbiamo il 60% (primo livello) ed il 55% (secondo livello) di donne chirurgo tra gli iscritti alla Scuola', ha concluso la dottoressa Piccoli (anche Socia fondatrice e membro del Consiglio Direttivo di LEADS – Associazione donne leader in sanità) da sempre impegnata nella valorizzazione della componente femminile nelle discipline STEM.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24