Violenza giovanile, di genere e immigrazione irregolare: le sfide del 2023 e del 2024 della Polizia di Stato
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

Violenza giovanile, di genere e immigrazione irregolare: le sfide del 2023 e del 2024 della Polizia di Stato

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il bilancio dell'ultimo anno di attività in provincia di Modena tracciato dal questore Donatella Dosi: 'Nel 2024 su questi temi, rinnovato l'impegno massimo per il presidio del territorio, anche grazie al rafforzamento degli organici'. Stranieri più della metà degli arrestati


Violenza giovanile, di genere e immigrazione irregolare: le sfide del 2023 e del 2024 della Polizia di Stato
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

1.486 persone denunciate – di cui 761 stranieri e 138 minori – e  253 persone arrestate – di cui 144 stranieri e 8 minori. Nove minori soggetti ai provvedimenti introdotti di recente attraverso il decreto Caivano, 277 provvedimenti cautelari nei confronti di persone responsabili di atti a danno di soggetti deboli. Frutto di indagini spesso partite dalle circa 150.000 chiamate arrivate alle sale operative della questura di Modena (111.403) o dei Commissariati di P.S. di Carpi, Sassuolo e Mirandola. (37.229).

Numeri che fanno da sfondo ad un anno di attività dove l'elemento più significativo è rappresentato dalla tendenza nella tipologia di reati e interventi. Che continua a modificare l'attività della Polizia di Stato nel 2023 rispetto agli anni precedenti, nella provincia di Modena. E di cui, questa mattina, il questore Donatella Dosi ha tracciato un bilancio.

Devianza e violenza giovanile che genera sia da disagio sociale e famigliare, e sia dalla mancata integrazione nel caso dei minori stranieri non accompagnati, violenza di genere e gestione dell'immigrazione sia regolare che irregolare, i tre ambiti in cui numeri sono cambiati. In particolare nei reati di violenza di genere si è avuto un forte incremento nei provvedimenti restrittivi emessi dal questore. Il Codice rosso ed altri strumenti normativi che consentono interventi restrittivi o addirittura cautelari pressoché immediati ha portato ad un aumento degli atti di questo tipo rispetto ai 'semplici' ammonimenti o richiami. 

Il fronte dell'immigrazione rimane uno dei più impegnativi in una delle province come quella di Modena dove alla forte quota di stranieri regolari, per i quali sono stati rilasciati più di 38.000 permessi di soggiorno, si aggiunge una quota indefinita di stranieri irregolari.

Che spesso emergono anche a seguito di fermi per reati (gli stranieri costituiscono la metà delle persone arrestate e denunciate) e che nel 2023 si sono tradotti in 331 provvedimenti di espulsione (rispetto ai 221 del 2022 e già in aumenti rispetto al 2021), e 111 accompagnamenti ai Centri per il Rimpatrio rispetto ai 78 del 2022. 



La sintesi delle attività di prevenzione e repressione svolte nell’anno da tutte le articolazioni della Questura – compresi i Commissariati di P.S. di Carpi, Sassuolo e Mirandola – ha visto un crescente aumento di persone identificate 75.143 persone (65.153 nel 2022), denunce in stato di libertà di  nonché ha portato al controllo di 24.796 veicoli su strada e al sequestro di 119 kg di sostanza stupefacente. 

Attività di prevenzione, controllo del territorio e soccorso pubblico
Sono pervenute 111.403 chiamate alla Sala Operativa della Questura di Modena – in aumento rispetto ai 102.980 del 2022 – mentre i conseguenti interventi effettuati sul territorio sono stati 7115 (in aumento di più del 10% rispetto al 2022).
Complessivamente sono state 37.229 le chiamate alle Sale Operative dei Commissariati di P.S. di Carpi, Sassuolo e Mirandola.

Ordine e sicurezza pubblica
Nel 2023 sono state predisposte, in linea con il 2022, 2538 ordinanze di servizio, di cui 837 per servizi di Ordine Pubblico, ovvero quasi il triplo rispetto a quelle dell’anno precedente. Per la gestione delle manifestazioni più complesse sono stati convocati 95 tavoli tecnici – contro i 65 del 2022 – in Questura.

Misure di prevenzione – Divisione Polizia Anticrimine
La Divisione Anticrimine ha svolto attività di studio, monitoraggio ed analisi delle varie fattispecie delittuose registrate in Provincia, quali il contrasto alla diffusione degli stupefacenti, la tutela delle fasce deboli e la prevenzione dei reati predatori, al fine di meglio indirizzare l’attività investigativa degli Uffici della Questura. Nel corso dell’anno, incrementando l’attività svolta nel 2022, sono state predisposte le seguenti misure di prevenzione:
 
- Fogli di via obbligatori con rimpatrio nel Comune di provenienza di persone pericolose: 333
- Avvisi orali del Questore nei confronti di persone già dedite ad attività criminose: 105
- Avvisi orali nei confronti di minori: 9 (Con il Decreto Legge 15 settembre 2023, n. 123, c.d. Decreto Caivano, è stata introdotta l’applicabilità della misura in esame anche ai minorenni (ultra 14enni)
- DASPO (Divieti di accesso ai luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive): 18
- DASPO “urbano” e Divieto di accesso agli esercizi pubblici: 15
- Ammonimenti del Questore: 54 per atti persecutori, 6 per violenza domestica
- Misure cautelari personali custodiali e non custodiali 277
- Applicazione braccialetti elettronici 17

Sono state eseguite nel mese di dicembre n. 3 misure del divieto di avvicinamento alla p.o. con applicazione del braccialetto elettronico, come previsto dal D.L. 168/2023

Minori stranieri non accompagnati
Attività aumentata legata a soggetti rintracciati o presentatisi in Questura, 347 nel corso dell’intero 2023 (nel 2022 erano 286), operando in sinergia con il PRIS del Comune di Modena, che ne ha curato la pronta accoglienza e presa in carico.

Violenza di genere
Nel 2023 il trend di attivazione di “Codici rossi” è stato in linea con quello del 2022, così come quello degli interventi che hanno generato incrementi – a fini preventivi – dell’applicativo SCUDO, ma l’attività d’indagine successiva –  con conseguente impiego di personale dedicato – ha visto notevolmente aumentato l’impegno degli uffici investigativi: la sola Squadra Mobile, nel corso dell’anno, ha evaso 281 deleghe dell’A.G. per delitti inerenti alle fasce deboli.

Attività di Polizia Amministrativa e Sociale
Nel corso dell’anno è stata potenziata al massimo l’attività mirata al controllo degli esercizi pubblici, che ha consentito alla Squadra Amministrativa di controllare 70 attività, tra cui pubblici esercizi, bar, ristoranti, circoli privati, grande e media distribuzione, sale giochi, compro oro, money transfert e internet point e di operare, oltre alle sanzioni di routine, con misure più incisive:
Chiusura fino a 15 gg con provvedimento del Questore ex art. 100 TULPS
15 attività (6 Modena, 4 Sassuolo, 2 Savignano, 1 Carpi, 1 Camposanto, 1 Maranello)
Con riferimento all’attività dell’Ufficio Licenze: Posizioni esaminate 435
Licenze Sale giochi VLT, sale scommesse rilasciate 78
Altre tipologie (Alloggiati web, noleggio auto, licenze oggetti preziosi, armerie, agenzie di intermediazione): 357
 
Passaporti
Sono note le criticità, sorte a livello nazionale, circa le tempistiche relative al rilascio di passaporti. Con uno sforzo profuso da tutto l’Ufficio, la Polizia Amministrativa di Modena è comunque riuscita a mantenere un trend positivo, elaborando 46.360 pratiche (27.690 nel 2022). Attualmente il rilascio è a 7 giorni e, nonostante le tempistiche inevitabilmente lunghe relative all’agenda, è stato comunque congegnato un efficace sistema al fine di trattare in via prioritaria e immediata le urgenze debitamente motivate.

Attività dell’Ufficio Immigrazione
Particolarmente impegnativa l’attività dell’Ufficio Immigrazione e dei Commissariati, in ragione dell’elevatissimo numero di pratiche da trattare connesse all’aumento degli sbarchi a livello nazionale. Di conseguenza sono aumentate notevolmente le richieste di protezione internazionale: si è passati dalle 459 pratiche di richiesta asilo trattate nel 2022 alle 1.318 del 2023 (+ 187%).

Permessi di soggiorno rilasciati: 38995 nel 2023 rispetto ai  35688 del 2022
Pareri resi per le istanze di cittadinanza a Prefettura e Comuni: 1821 nel 2023 rispetto ai 1181 del 2022
Ordini del Questore a seguito di espulsione dal Territorio Nazionale: 318 nel 2023 rispetto ai 221 del 2022
Trattenimenti del Questore presso i C.P.R.: 111 nel 2023 rispetto ai 78 del 2022
 
Principali attività e operazioni di Polizia Giudiziaria
Il 2023 è stato l’anno che ha visto significativamente aumentati, sull’intero territorio nazionale, i reati commessi da minori. Il fenomeno della violenza giovanile ha interessato anche il territorio modenese, facendo registrare diversi episodi aventi quali protagonisti giovanissimi, sia italiani che stranieri. La notevole presenza di minori stranieri non accompagnati, per i quali il territorio modenese esercita un’indubbia capacità attrattiva, rende più complessa l’attuazione di percorsi di integrazione. Su tale versante si è pertanto concentrata l’attività di Squadra Mobile e Squadra Volante che ha permesso di arginare il fenomeno, giungendo a numerosi arresti e denunce e di fornire risposte immediate a fronte di episodi particolarmente violenti che hanno avuto notevole impatto sull’opinione pubblica. Sono stati altresì adottati diversi provvedimenti introdotti dal c.d. Decreto Caivano (avviso orale, daspo urbano, ammonimento).

Si ricorda, ad esempio, l’arresto operato dalla Squadra Volante nei confronti di un cittadino tunisino di 17 anni per i reati di rapina impropria aggravata e continuata, lesioni personali e porto di armi ed oggetti atti ad offendere nei pressi di Parco Pertini. Il minore, dopo aver commesso un furto, aveva colpito con una bottiglia in vetro la parte offesa che aveva cercato di riappropriarsene e, per dileguarsi, aveva colpito alla schiena con un coltellino a serramanico un cittadino occorso in aiuto della vittima.

Ancora, si pensi al fermo di Polizia giudiziaria eseguito dalla Squadra Mobile il 24 novembre nei confronti di due cittadini minorenni di nazionalità tunisina, gravemente indiziati uno dei reati di tentato omicidio e ricettazione, mentre l’altro di rapina aggravata in concorso, commessi in Largo Aldo Moro. La vittima dell’accoltellamento aveva commesso una rapina nei confronti di un altro giovane tunisino di 19 anni, minacciandolo con una bottiglia. Subito dopo, veniva attinto da un colpo di arma da taglio da parte di un altro 17enne tunisino.

i seguito l'intervento completo in conferenza stampa del questore di Modena Donatella Dosi


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Mascherine: ora il caos è totale
La giungla di limiti, divieti e raccomandazioni, spesso non applicata, che imperversava ..
09 Luglio 2024 - 19:15
Spaccio e porto d'armi: due arresti, nove denunce e 10 provvedimenti di espulsione
Sono soprattutto stranieri, anche clandestini, i soggetti bloccati dalla Polizia di Stato in..
09 Luglio 2024 - 18:35
Nidi, sistema educativo integrato: eredità pesante per la Venturelli
Tutti lavorano sotto la regia del Comune, ma sullo sfondo c'è il blocco delle assunzioni e ..
09 Luglio 2024 - 18:28
Effetto Cau, luci ed ombre sui dati (parziali) della Regione
Per valutare l'effetto sui PS dopo l'apertura dei Cau, la Regione utilizza un raffronto ..
09 Luglio 2024 - 16:20
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24