Vittime di reato: lo sportello all'R-Nord ha accolto 80 casi in un anno
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Vittime di reato: lo sportello all'R-Nord ha accolto 80 casi in un anno

La Pressa
Logo LaPressa.it

Si chiama Ervis Emilia-Romagna Victim Support il punto finanziato dal Ministero della Giustizia. I furti i reati maggiormente denunciati


Vittime di reato: lo sportello all'R-Nord ha accolto 80 casi in un anno
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Sono 80 le vittime di reato seguite ad oggi dallo Sportello Ervis di Modena, realizzato nell’ambito del progetto ERViS Emilia-Romagna Victim Support finanziato dal Ministero della Giustizia, ideato dalla Regione capofila, realizzato da Comune di Modena, Comune di Formigine, Unione Reno Lavino Samoggia, Università degli Studi di Parma e Fondazione emiliano-romagnola.
A un anno dall’avvio del progetto le realtà coinvolte hanno presentato i risultati delle attività e ne hanno tracciato le prospettive future durante la due giorni aperta dai saluti del sindaco Gian Carlo Muzzarelli, in corso al Laboratorio Aperto di Modena e dedicata appunto allo sviluppo di “Servizi pubblici locali per l’assistenza generale alle vittime”.

Il progetto ERViS ha innanzitutto portato alla sperimentazione di tre Centri territoriali di sostegno alle vittime di stampo generalista e all’apertura di complessivi sette sportelli in diversi Comuni, dove le vittime trovano assistenza.

A Modena il Centro territoriale per le vittime di reato di stampo generalista si trova nei locali al piano terra del complesso R-Nord, in strada Attiraglio 7/A, a pochi metri di distanza dal posto decentrato di Polizia locale. Nell’ambito delle attività del Centro, presso lo Sportello Ervis gli operatori accolgono vittime di qualsiasi tipologia di reato fornendo accoglienza, informazioni, orientamento e sostegno. Il Centro, garantendo massima riservatezza, fornisce incontri di ascolto e offre informazioni su forme di tutela previste, possibilità di accedere a fondi di risarcimento e servizi offerti da enti e associazioni del territorio.

Sono 158 gli interventi, tra colloqui, incontri e consulenze, a cui si aggiungono i 147 relativi alla compilazione di pratiche, orientamento e informazioni su servizi sul territorio, attraverso cui gli operatori ERViS di Modena hanno fornito sostegno alle 80 vittime di reato che hanno contattato lo Sportello soprattutto presentandosi di persona nei giorni di apertura (martedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 13, giovedì dalle 9.

30 alle 15.30) ma è possibile farlo anche telefonando (cell. 338 7863323 negli orari di apertura o numero verde 800.199.661 dal lunedì al giovedì 9-13 e 14.30-16.30) o tramite email (ervismodena@aliantecoopsociale.it)

Lo sportello è un servizio al di fuori del sistema giudiziario e si configura come un servizio di prossimità che accoglie domande e richieste in particolare da parte di cittadini fragili. Dopo i primi mesi di apertura, nell’estate 2022, i nuovi accessi sono stati pressoché costanti, nell’ordine di una ventina a trimestre e se nei primi sei mesi vi è stata una sostanziale parità tra uomini e donne, oggi la maggior parte delle vittime che si rivolgono allo Sportello sono donne (quasi il 64%).

Il 67% delle persone seguite ha nazionalità italiana, mentre tra le altre nazionalità le più rappresentate sono quelle dell’area del Maghreb. Quando occorre, i colloqui si possono svolgere anche in presenza di un mediatore linguistico-culturale ed è in atto una collaborazione con l’associazione Avvocati di strada che si occupa di supportare e accompagnare le persone straniere.

I reati subiti sono nella maggior parte dei casi (58%) reati predatori e, in particolare: furti (35,7%), truffe (14,3%) soprattutto telematiche e telefoniche, scippi e infrazioni. Ma ci sono anche vittime di aggressioni e violenze (17% dei casi) e un 15 % di persone che si sente vittima di offese e discriminazioni.

Il primo accesso è sempre seguito da un colloquio finalizzato a fornire supporto e informazioni di base, per molte vittime si rendono poi necessari ulteriori colloqui. Nei casi di furto, i servizi più forniti sono appunto informazioni in merito al Fondo di risarcimento vittime, al supporto fornito dagli Sportelli Non da Soli e l’affiancamento nel disbrigo delle pratiche. Così come nel caso di truffe telefoniche e informatiche nel qual caso vengono però coinvolti anche ulteriori soggetti della rete come la Polizia postale e il servizio SOS truffe. In altri casi le operatrici hanno invece accompagnato le vittime a servizi specialistici per facilitare l’inizio di una presa in carico. Il lavoro di rete coinvolge infatti il Servizio sociale territoriale, il Centro per le famiglie, la Polizia locale, la Polizia di Stato, i Carabinieri.
La seconda macro-azione del progetto ERViS riguarda proprio la costruzione di una rete, anche a livello regionale, tra enti, istituzioni, soggetti del terzo settore che operano con le vittime di reato, oltre che un’attività di sensibilizzazione degli amministratori locali attraverso la realizzazione di laboratori formativi.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon
Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Politica
10 Giugno 2024 - 23:06

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24