La diffusione delle notizie nel 2024: tra giornali online e siti web d’informazione
Ozonoterapia 2
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Ozonoterapia 2
rubricheSpazio alle Imprese

La diffusione delle notizie nel 2024: tra giornali online e siti web d’informazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Stanno proliferando anche i siti web d’informazione, che sempre più spesso vengono consultati dagli italiani e a volte entrano in una vera e propria competizione con i giornali


La diffusione delle notizie nel 2024: tra giornali online e siti web d’informazione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Negli ultimi decenni il mondo dell’informazione è stato interessato da una svolta significativa. Il giornale non è più semplicemente l’oggetto nella sua versione di carta, ma è diventato molto di più. Internet si è ritagliato un ruolo di primo piano in molte industrie, e quella dell’editoria digitale non fa eccezione. Da una parte si sente spesso parlare di declino relativamente al mondo dell’informazione, una visione pessimistica legata principalmente al brusco calo di vendite delle copie di carta; dall’altra, la transizione digitale ha aperto nuove possibilità di acquisizione dei lettori, grazie ai siti web e alle app che, con la loro praticità di consultazione, incentivano molti utenti ad approcciarsi a giornali e quotidiani. Oltre ai giornali, però, stanno proliferando anche i siti web d’informazione, che sempre più spesso vengono consultati dagli italiani e a volte entrano in una vera e propria competizione con i giornali per accaparrarsi i lettori.

Facciamo chiarezza sull’argomento con una panoramica sui dati relativi alla lettura di giornali, online e offline, e siti web d’informazione.

I dati sulla vendita dei giornali
Fino al 2007, la percentuale di italiani che acquistava un giornale in edicola era abbastanza alta: il 67%. Nel giro di 17 anni, la percentuale è precipitata di oltre il 40%, in quanto si stima che oggi ammonti intorno al 25% (dati: Micromega). In che modo si inserisce l’editoria digitale in questo scenario?

Gli ultimi dati sulla lettura di quotidiani e periodici in Italia sono i dati Audicom del sistema Audipress. Questi ci parlano di un quadro in cui quasi 32 milioni di italiani leggono almeno un titolo (sia su carta che digitale) ogni mese, una media di 6 italiani su 10 fra chi ha più di 14 anni.

Una svolta verso i periodici digitali si è verificata, come è prevedibile, nell’anno della pandemia: durante il lockdown i consumi culturali degli italiani si modificarono rapidamente, con un’esplosione di connessioni a Internet che, per quanto riguarda i giornali, si tradusse in un complessivo aumento di lettori delle versioni web dei giornali. Una volta conclusa la pandemia, non si è più tornati indietro: la lettura digitale sembra essersi trasformata in un’abitudine consolidata, infatti continua il numero di consumatori delle versioni digitali dei giornali: al momento, il numero oscilla intorno ai 7 milioni di lettori, il 3.6% in più rispetto alla precedente misurazione. In questo spazio si inseriscono nuove piattaforme dove reperire le informazioni: sempre più spesso l’edicola approda online in shop veri e propri dove consultare in un unico portale una moltitudine di titoli delle maggiori testate. Le edicole digitali sembrano ormai destinate a sostituire quelle fisiche, sempre meno diffuse sul territorio

Ciò nonostante, il passaggio di molti lettori alle versioni online dei giornali non appare sufficiente per fermare l’emorragia: sembrerebbe infatti che solo il 33% degli italiani sia lettore della versione web dei quotidiani, una percentuale ancora troppo bassa.

I lettori stanno cambiando il modo di informarsi?
I dati sull’aumento della lettura delle versioni digitali dei giornali non sono tuttavia sufficienti ad arginare la crisi del settore, che in linea generale, come già ricordato, è rappresentata da un drastico crollo di lettori di giornali. Le versioni online non sembrano ancora in grado di compensare le perdite. Una crisi che non sembra legata al fattore “carta”, dunque, come testimonia il fatto che invece i libri cartacei sono ancora amati: quasi la metà degli italiani ne leggono, e i dati mostrano dei sensibili miglioramenti su base annua. Il problema, dunque, appare evidentemente legato al settore giornalistico e al modo in cui gli italiani tendono a informarsi oggi, alla luce dei nuovi mezzi di comunicazione.

Il boom dei siti web di informazione
Il 19° rapporto sulla comunicazione del Censis, pubblicato a marzo 2024, tocca molti aspetti relativi al mondo dell’informazione. Fra i dati più significativi, ci sono quelli che riguardano la fruizione dei siti di informazione online da parte degli italiani: il 58,1% delle persone li consultano stabilmente. Si tratta del numero più elevato raggiunto da questi media, che nel tempo è stato interessato da una crescita costante: nel 2012 vi accedevano il 33% degli italiani, nel 2019 il 50%. Il punto di forza dei siti web d’informazione è che sono pratici, facilmente accessibili e comprensibili, senza contare che spesso sono settoriali e consentono quindi di approcciarsi nello specifico a notizie di proprio interesse. Sicuramente con la proliferazione dei siti d’informazione a discapito dei giornali si pone il problema delle fake news: i lettori faticano sempre di più a distinguere le notizie vere da quelle false, una condizione che, sempre secondo Censis, accomuna il 72% degli italiani. Ad ogni modo, i siti web d’informazione, con la loro settorialità, si stanno diffondendo a macchia d’olio in quanto rappresentano un’opportunità non da poco anche per il marketing. Pensiamo a un settore amatissimo come quello del calcio: i tifosi hanno ormai cambiato il modo di cercare notizie sulla propria squadra del cuore e interagire con altri tifosi nei dibattiti online, con il traffico sui siti web dedicati in aumento esponenziale negli ultimi anni. Questo rappresenta senz’altro un’enorme opportunità di business per le aziende interessate a sfruttare questa visibilità, le quali individuano nei siti web d’informazione un nuovo canale pubblicitario sicuramente meno dispendioso rispetto ad altri.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina
Articoli Correlati

Whatsapp
Spazio alle Imprese - Articoli Recenti
Quali sono i fiori più belli da regalare alla persona che si ama
I fiori sono una delle forme più antiche e universali di espressione romantica
10 Giugno 2024 - 10:34
Compro oro fraudolenti: come essere sicuri nella vendita di oro e gioielli usati
Il settore della compravendita di oro e metalli preziosi usati è soggetto a una rigida ..
07 Giugno 2024 - 13:42
Quanti siti web esistono? Il numero è sorprendente
Se il sito creato da Tim Berners-Lee è stato il primo al mondo, non ci sono voluti molti ..
06 Giugno 2024 - 23:14
Arredo mensa sicuro e funzionale per scuole, aziende e spazi pubblici
È importante utilizzare materiali eco-compatibili e processi di produzione sostenibili, ..
06 Giugno 2024 - 13:54
Spazio alle Imprese - Articoli più letti
Roadhouse Restaurant: apre nuovo locale a Rovereto, in Trentino
Nei primi otto mesi?dell'anno sono stati?14 i nuovi ristoranti aperti dal gruppo Cremonini
18 Settembre 2019 - 17:09
Azienda agricola Cavazzuti, tradizione e cura per produrre eccellenza
Prima tappa del nostro viaggio che insieme a Confagricoltura Modena ci porterà in dieci ..
12 Aprile 2018 - 10:40
Quali sono gli psicologi più richiesti?
Un professionista di questo tipo deve formarsi in maniera praticamente costante, in modo da ..
16 Giugno 2023 - 06:00
Azienda agricola Giovanni Solmi, storia e futuro della ciliegia IGP
Quarta tappa del nostro viaggio nel mondo delle aziende Confagricoltura Modena, eccellenze ..
24 Luglio 2018 - 00:20