La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

Aemilia 1992, il boss 'detta legge' in aula: 'No alle telecamere'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo ha chiesto Nicolino Grande Aracri, capo della cosca di 'ndrangheta di Cutro, durante la prima udienza del nuovo processo di Reggio Emilia, dove e' imputato assieme ad altri per gli omicidi di 23 anni fa di Nicola Vasapollo e Giuseppe Ruggiero


Aemilia 1992, il boss 'detta legge' in aula: 'No alle telecamere'
No alle riprese audio e video delle udienze da parte dei giornalisti. Lo ha chiesto Nicolino Grande Aracri, capo della omonima cosca di 'ndrangheta di Cutro, durante la prima udienza del nuovo processo di Reggio Emilia, dove e' imputato assieme ad altri per gli omicidi di 23 anni fa di Nicola Vasapollo in citta' e Giuseppe Ruggiero a Brescello.

Il procedimento di primo grado sui fatti di sangue del 1992 si e' aperto questa mattina nell'aula di corte d'assise del tribunale reggiano dove, poco dopo che il presidente del collegio giudicante Dario De Luca (a latere Silvia Guareschi e sei giudici popolari) ha domandato ai difensori se intendessero opporsi alla richiesta della stampa (nessuno in aula lo ha fatto) il boss, collegato in videoconferenza dal carcere di Opera, ha alzato la cornetta del telefono per comunicare al suo legale di essere contrario. Il motivo lo spiega lo stesso avvocato, Filippo Giunchedi del foro di Bologna, sottolineando che 'essendo questo processo in gran parte basato sulle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia (in primis Antonio Valerio condannato per gli stessi delitti a otto anni, ndr) si vuole evitare che questi ultimi, conoscendo le dichiarazioni di terzi, possano riportare informazioni non di prima mano'. In 'linea di principio- dice Giunchedi ai cronisti- non siamo contrari e non vogliamo togliere nulla al vostro lavoro. Ma Grande Aracri, avendo esperienza e sapendo che i collaboratori spesso cambiano le loro dichiarazioni, vuole evitare che il verificarsi di questo fenomeno 'osmotico''. 

Si tratta pero' di un copione non nuovo e gia' seguito anche dagli avvocati degli imputati nel maxi processo Aemilia (da cui quello odierno trae origine), dove uno dei cardini della strategia difensiva era la delegittimazione della credibilita' dei pentiti. Secondo Giunchedi, quello appena partito e' comunque 'un processo interessante' dove a suo dire non mancheranno 'colpi di scena'. La 'Procura- spiega- lo imposta sulle dichiarazioni dei pentiti, noi riteniamo che non sia tutto li', ma ci sia la necessita' di rivisitare quei drammatici fatti del 1992 anche perche' e' passato molto tempo e la tecnica e' cambiata. E' un processo in cui secondo noi si unisce l'aspetto giuridico a quello dello sviluppo scientifico'. Giunchedi anticipa gia' che chiamera' come teste Antonio Valerio, mentre ha gia' depositato un'istanza di revoca della custodia cautelare per il suo assistito che 'soffre di gravi problemi cardiaci e deve essere portato in un luogo dove puo' curarsi adeguatamente'. Un altro nodo imprevisto, che saranno i giudici reggiani a sbrogliare. Le udienze del nuovo processo sono fissate in una a settimana, sempre di venerdi'.
Si parte il prossimo 29 marzo.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Coronavirus, i cutresi lasciano l'Emilia in pullman
Societa'
24 Febbraio 2020 - 15:48- Visite:15150
Il pentito della 'Ndrangheta sulla dirigente del Comune di Modena: 'I ..
La Nera
27 Settembre 2017 - 12:00- Visite:13199
Maxi sequestro per un imprenditore edile modenese «contiguo alla ..
La Provincia
15 Giugno 2017 - 18:54- Visite:12437
Processo Aemilia e 'ndrangheta: si indaga sul ruolo del dirigente Cna,..
Economia
19 Agosto 2017 - 07:00- Visite:12360
Il fratello del nonno della dirigente modenese Maria Sergio era il ..
La Nera
10 Ottobre 2017 - 17:20- Visite:12218
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Quelli di Prima
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12206
La Nera - Articoli Recenti
Modena, nigeriano in Italia per asilo..
All’interno dello zaino sono stati rinvenuti cinque involucri in cellophane contenenti ..
02 Luglio 2020 - 14:45- Visite:188
Modena, non rispettano norme covid: ..
Controlli della polizia municipale negli esercizi di vicinato di vicolo Caselline e via ..
02 Luglio 2020 - 11:17- Visite:1558
Modena, troppa fila dal parrucchiere:..
Fermato dal titolare lo ha colpito con un pugno sul naso e dopo aver abbandonato per terra ..
01 Luglio 2020 - 17:14- Visite:541
Minaccia con coltello e forbici ..
E' un 33enne tunisino, pluripregiducato. Negli archivi della questura risultava con 22 nomi ..
01 Luglio 2020 - 11:11- Visite:563


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:161257
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:59635
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:46094
Camionista non in regola con Adr: 30 ..
Al camionista è stata anche ritirata immediatamente la patente e ulteriore decurtazione di ..
22 Marzo 2018 - 14:56- Visite:39337