La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

Aemilia, le motivazioni: 'Ndrangheta a Reggio è evoluta e tecnologica'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Dietro ai singoli affari è possibile vedere scolpito il rapporto tra il sodalizio cutrese e quello emiliano'


Aemilia, le motivazioni: 'Ndrangheta a Reggio è evoluta e tecnologica'

'La 'ndrangheta qui a Reggio Emilia è autonoma, evoluta e tecnologica'. E ancora: 'Non sono le nostre origini la discriminante, ma ciò che siamo: mafiosi e 'ndranghetisti, maledettamente organizzati'. Sono le dichiarazioni del pentito di 'ndrangheta Antonio Valerio, pronunciate nell'aula del processo Aemila l'11 ottobre del 2018, che aprono le 3.169 le pagine scritte dai giudici Francesco Caruso, Cristina Beretti e Andrea Rat per motivare la sentenza di primo grado del più grande processo alla 'ndrangheta al nord celebrato a Reggio Emilia. Quello che per quasi tre anni - dal 23 marzo 2016 al 16 ottobre 2018 - ha visto sul banco degli imputati gli esponenti della cosca Grande Aracri di Cutro ed è terminato il 31 ottobre dell'anno scorso con condanne per 125 dei 148 imputati e più di mille anni di reclusione comminati.

Del sodalizio criminale i giudici scrivono che 'è rimasto fedele alla sua consolidata fama criminale', indossando però 'un abito nuovo che lo rendeva presentabile alla economia reggiana ed emiliana con la quale è entrata in affari, di cui ha mantenuto il controllo, fino a convincerla della proficuità dell'utilizzo dei suoi metodi di cui è talvolta rimasta vittima'. Un 'passaggio storico', proseguono Caruso Beretti e Rat, dove giocano un ruolo fondmentale 'i mafiosi 'puliti' in grado di creare ricchezza illecita, finanziare l'azione della cosca e di reimpiegarne le ricchezze, nonchè soggetti capaci, per il loro carisma e per la loro affidabilità, di avvicinare nuovi imprenditori e di creare nuovi rapporti economici e relazioni anche con le istituzioni e con esponenti del settore creditizio e finanziario, in grado di agevolare l'azione del sodalizio e renderlo ancor più presentabile agli occhi della collettività'. C'erano dunque persone che si affiancano per la prima volta agli uomini di 'azione' che 'agiscono con i metodi e nei settori tradizionali e che possono anche 'sporcarsi le mani' e la fedina penale mediante la commissione di estorsioni, usure, incendi, traffico di stupefacenti'.

Le motivazioni della sentenza oltre a sviscerare i dettagli dei 201 capi di imputazione del processo, ricostruendo il dibattimento e le prove che hanno caratterizzato le 190 udienze svolte nell'aula bunker del Tribunale reggiano, richiamano anche le inchieste precedenti ad Aemilia: Scacco Matto, Grande Drago, Edilpiovra, Pandora. E in particolare Point Breack, che ha posto l'accento sul sistema di false fatturazioni e truffe societarie messe in atto dalla cosca, poi affinate all'ennesima potenza in Aemilia. A proposito delle prove, la Corte sottolinea che le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia 'pur nella loro cospicuià e sicura importanza, non rappresentano affatto il nucleo portante dell'impianto probatorio offerto dalla pubblica accusa, svolgendo piuttosto una fondamentale funzione di integrazione e riscontro delle risultanze delle altre prove acquisite'.

Tra queste prima di tutto l'imponente mole di intercettazioni ambientali e telefoniche (25.000 contatti che hanno dato corpo nel loro complesso ad una perizia trascrittiva composta da quasi 90.000 pagine distinte in 512 volumi). Infine, i giudici, il filo rosso che lega tutte le vicende, lo spiegano cosi': 'Dietro ai singoli affari è possibile vedere scolpito il rapporto tra il sodalizio cutrese e quello emiliano che, ciascuno nella propria autonomia, operano sinergicamente per la massimizzazione del proprio interesse economico, secondo collaudate modalità di azione attuate tramite soggetti di fiducia che operano come anello di collegamento tra gli affari del sud e quelli del ben più generosi del territorio emiliano'.
Il quadro si completa nel capitolo delle motivazioni sul 'delitto associativo', dove si parla dei 'grandi affari' della cosca. Vicende che, si legge, 'sono in grado di dimostrare, nella loro maestosità. l'esistenza stessa della associazione mafiosa, del suo poderoso apparato organizzativo e della sua potenza economica'.

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:144879
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:122324
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103231
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55587
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51224
Coronavirus, scuole tutte chiuse in Emilia Romagna per altri 8 giorni
Societa'
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:47737
La Nera - Articoli Recenti
Italpizza: 'Le indagini confermano ..
'E’ bene precisare che non si tratta di un processo sindacale o a dei lavoratori, ma ..
16 Settembre 2020 - 14:29- Visite:410
Modena, Grande Fratello sulle strade:..
Il sistema acquisisce anche in automatico tutte le targhe delle autovetture parcheggiate e ..
16 Settembre 2020 - 14:13- Visite:1212
Modena, torna l'incubo incendi sui ..
E sempre questa mattina a San Martino in Rio un autobus si è scontrato frontalmente con un ..
16 Settembre 2020 - 13:49- Visite:466
Schianto contro un camion in via ..
Gravemente ferita la donna a bordo dell'auto. Sul posto polizia municipale e vigili del ..
16 Settembre 2020 - 08:04- Visite:1691


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:162326
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:60726
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:46875
A1, incidente mortale a Modena: la ..
Lutto nell'intero mondo dell'autotrasporto. Tanti i colleghi di Andrea Sellitto che hanno ..
03 Maggio 2020 - 06:20- Visite:39845