GIFFI NOLEGGI
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
notiziarioLa Nera

Assalto a portavalori su A1 a Modena, condanne per 55 anni di carcere

La Pressa
Logo LaPressa.it

Alla fine dell'azione il commando non riuscì ad impossessarsi dei due milioni di euro che erano contenuti all'interno del portavalori


Assalto a portavalori su A1 a Modena, condanne per 55 anni di carcere
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Si è concluso oggi pomeriggio in tribunale a Modena davanti al giudice Carolina Clò il processo di primo grado, con il rito abbreviato, nei confronti dei componenti del commando che il 14 giugno del 2021 assaltò armi in pugno un portavalori sulla A1, in territorio modenese. Condanne per 55 anni e 8 mesi di carcere nei confronti di quattro imputati e una assoluzione (mentre un sesto indagato sarà giudicato con il rito ordinario). Nell'inchiesta firmata dai pubblici ministeri Monica Bombana e Lucia De Santis e condotta dalla squadra mobile della polizia di Modena si ipotizzavano, a vario titolo, i reati di tentato omicidio, rapina aggravata e porto abusivo d'armi.

Alla fine dell'azione il commando non riuscì ad impossessarsi dei due milioni di euro che erano contenuti all'interno del portavalori.

Pietro Raffaeli, considerato la figura di spicco del gruppo, è stato condannato a 18 anni, 14 anni a Stefano Biancolillo, 12 e 8 mesi a Pasquale di Tommaso e 11 a Pietro Pecorella. Assolto Umberto Netti, ritenuto inizialmente il braccio destro di Raffaeli. Gli imputati erano presenti in aula, il tribunale di Modena in occasione del processo era blindato. Presenti all'esterno alcuni parenti dei componenti del commando.

Il fatto
I fatti risalgono al 14 giugno scorso. Intorno alle 20, il mezzo che trasportava 2,5 milioni di euro in contanti era stato avvicinato dal commando che viaggiava su diverse vetture, almeno 7, con a bordo persone travisate ed armate di mitra kalashnikov, usati per colpire a raffica la fiancata anteriore sinistra del mezzo blindato, provocando l’urto del mezzo contro il guardrail e contro il new jersey di cemento arrestandone, di fatto, la marcia.


Contestualmente nella stessa direzione di marcia sopraggiungevano altre quattro autovetture tutte risultate rubate poi date alle fiamme dagli indagati stessi.
I rapinatori oltre ad esplodere diversi colpi d'arma da fuoco avevano lanciato contro il furgone portavalori anche ordigni esplosivi mentre altri complici tentavano di aprire il lato posteriore del mezzo con un flessibile.
Contemporaneamente, sulla carreggiata autostradale opposta, a circa 5 chilometri di distanza altri complici armati anch'essi di fucili mitragliatori esplodevano colpi di arma da fuoco in aria bloccando le quattro corsie di marcia dando alle fiamme altre tre autovetture risultate anch'esse rubate.
Per ritardare l'arrivo delle forze dell'ordine e impedire l'accesso alla zona agli automobilisti i rapinatori avevano anche collocato sul manto stradale diverse bande chiodate causando così il blocco di entrambe le carreggiate di marcia dell'autostrada con conseguente interruzione della viabilità dalle 20 alle 4 del mattino del 15 giugno .
I portelloni del mezzo rimasero comunque chiusi e i banditi riuscirono a guadagnarsi la fuga a piedi nelle campagne circostanti, facendo perdere le loro tracce.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Whatsapp
La Nera - Articoli Recenti
Carpi, aggressione con machete: i 4 ..
L'accusa è di tentato omicidio aggravato: il Giudice ha disposto per tutti la custodia ..
18 Aprile 2024 - 18:17
Modena, tenta di tagliare le gomme ..
Davanti al posto integrato di via Fabriani 19enne fermato e denunciato per danneggiamento e ..
18 Aprile 2024 - 12:39
Si schianta contro un platano: grave ..
Oggi pomeriggio, in via dell'Olmone a Camposanto: strada chiusa e Vigili del fuoco impegnati..
17 Aprile 2024 - 18:44
Modena, alle 4 di notte contromano in..
L’uomo ha riferito di aver fatto accesso erroneamente in tangenziale dallo svincolo 10 e ..
17 Aprile 2024 - 15:44
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ..
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39