La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

Duplice omicidio Zocca: ergastolo e due anni di isolamento per Rainone

La Pressa
Logo LaPressa.it

La sentenza di condanna in primo grado nel processo per l'uccisione dei fratelli Breno ed Ugo Bertarini. Accolte le richieste dell'accusa


Duplice omicidio Zocca: ergastolo e due anni di isolamento per Rainone

Un lungo processo in primo grado finito con una condanna, di fatto generata dell'accoglimento delle richieste dell'accusa: ergastolo e due anni di isolamento per Angelo Rainone, unico imputato nel processo per il duplice omicidio di Lame di Zocca. Richiesta che erano state formulate, il 6 novembre scorso, al termine della requisitoria fiume, di oltre 10 ore, del Pubblico Ministero Lucia De Santis. Seguita dalle requisitorie della difesa, delle parti civili e dalla sentenza, arrivata oggi, al termine di oltre due ore di camera di Consiglio, dei giudici togati e della giuria popolare. Carcere a vita, con due anni di isolamento diurno, per il 58 enne Angelo Rainone, ritenuto 'oltre ogni ragionevole dubbio' (aveva più volte affermato il PM), responsabile dell'omicidio di Breno e Ugo Bertarini, 68 e 72 anni, gli anziani fratelli trovati morti, con gli arti ed i volti dilaniati da 78 colpi di roncola, nella stalla dell'azienda azienda agricola di Ugo, suocero di Angelo Rainone, in località Lame di Zocca, il 27 febbraio 2018.

Una sentenza che di fatto ha accolto anche la richiesta di aggravanti di cui la pubblica accusa aveva chiesto al giudice di tenere conto: la premeditazione (quella che sarebbe stata confermata dalle liti tra Ugo Bertarini ed il Rainone, frutto di rapporto conflittuale seguito alla separazione dalla figlia di lui), della crudeltà (legate all'accanimento sui corpi dei due con le decine di colpi di roncola), dello stalking, e della parentela. 

Un processo che vista l'assenza di tracce dell'omicida sulla scena del crimine, si è basato su indizi e ricostruzioni. Che hanno puntato come elemento chiave sul furgone di Rainone immortalato la mattina del 26 febbraio, dopo una intensa nevicata che aveva reso bianche le strade, recarsi verso la casa dei due fratelli in località Lame di Zocca. Dove la mattina del 27 febbraio, i corpi sfigurati dai colpi di roncola furono trovati dalla moglie e dal figlio dell’imputato che si erano recati in azienda preoccupati dalle mancate risposte dei due anziani dopo una notte di intensa nevicata. Da qui i sospetti si diressero nei confronti dell’ex genero di Ugo, il Rainone, con il quale Ugo aveva un rapporto conflittuale.

Elementi ripercorsi nelle oltre dieci ore di requisitoria del 6 novembre scorso dal PM che ha ricostruito i giorni e le ore successive al ritrovamento dei corpi e che secondo l’accusa riportavano inequivocabilmente alla responsabilità diretta di Rainone. Secondo il PM il 26 febbraio l'uomo sarebbe entrato nella stalla dell'azienda agricola dei due fratelli per poi commettere il duplice omicidio tra le 7,50 e le 8,15, orario ricostruito soprattutto attraverso le immagini raccolte dalle telecamere di videosorveglianza di una trattoria e di aziende private che hanno immortalato il suo furgone nel tragitto in direzione e di ritorno dall'azienda agricola. In un orario che l'accusa ritiene compatibile con i rilievi della medicina legale sull'orario della morte dei due fratelli. Tesi quest'ultima contestata, anche con il supporto delle analisi di un super-perito che spostò più avanti di ore il momento della morte. In un periodo non più compatibile con la ricostruzione indiziaria fatta dal PM che il 7 novembre scorso ha pronunciato la richiesta di condanna. Oggi pienamente accolta dalla giuria.

Gi.Ga.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Duplice omicidio Zocca, l'accusa: Rainone colpevole oltre ogni dubbio
La Nera
06 Novembre 2019 - 23:33- Visite:1126
Zocca, duplice omicidio, chiuse le indagini preliminari
La Nera
10 Settembre 2018 - 14:32- Visite:537
La Nera - Articoli Recenti
Modena, via Luosi: gestore e clienti ..
La Polizia locale di Modena ha elevato due sanzioni per un totale di 606 euro ed è stata ..
06 Agosto 2020 - 13:03- Visite:98
Già libero il clandestino che ha ..
Nel processo per direttissima il giudice ha 'graziato' il 29enne tunisino, irregolare, con ..
05 Agosto 2020 - 20:25- Visite:1392
Donna incinta aggredita, gettata a ..
Il fatto è avvenuto in viale Monte Kosica ieri sera alle 20. Il pronto intervento dei ..
05 Agosto 2020 - 11:55- Visite:6758
Offre soldi ai carabinieri per ..
Il conducente è una donna nordafricana, ritornava da un locale dove lavora come ballerina. ..
04 Agosto 2020 - 14:47- Visite:421


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:161753
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:60166
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:46421
A1, incidente mortale a Modena: la ..
Lutto nell'intero mondo dell'autotrasporto. Tanti i colleghi di Andrea Sellitto che hanno ..
03 Maggio 2020 - 06:20- Visite:39527