Foggia, frode sui carburanti: 11 persone arrestate, 30 indagati
GIFFI NOLEGGI
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
notiziarioLa Nera

Foggia, frode sui carburanti: 11 persone arrestate, 30 indagati

La Pressa
Logo LaPressa.it

Sotto sequestro sono finiti beni - mobili e immobili - del valore di oltre 5 milioni di euro tra cui un autoparco di Ordona, due auto, un'imbarcazione a motore


Foggia, frode sui carburanti: 11 persone arrestate, 30 indagati
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La frode sui prodotti petroliferi scoperta dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Foggia che ha portato alla esecuzione di 13 misure cautelari, sarebbe stata compiuta attraverso una rete composta da 27 società, alcune create ad hoc con l'obiettivo di emettere fatture false per operazioni inesistenti per così cedere gasolio agevolato a uso agricolo a persone o imprese - attive nel settore dell'Autotrasporto - tutte prive di autorizzazione Uma (Utenti motori agricoli). L'Uma infatti consente il prelievo del gasolio ad accisa ridotta.

Il meccanismo messo in piedi dagli indagati, secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini, avrebbe permesso di smerciare in nero più di 3,2 milioni di litri di gasolio. Dagli accertamenti, coordinati dalla procura di Foggia, è emerso che la base logistica del gruppo era Orta Nova da dove sarebbe stata gestita la commercializzazione illecita di gasolio a uso agricolo.

Dall'analisi dei documenti contabili, extracontabili e di banche dati è venuto fuori che per ogni cessione illecita, venivano emessi i Das ovvero i documenti di accompagnamento semplificato con relativa fattura di vendita per giustificare la cessione.

Il prodotto così scaricato 'contabilmente', veniva in realtà trasferito in due centri di stoccaggio clandestini, sempre nella zona di Orta Nova e da lì distribuito ad altri grossisti oppure ceduto a utenti finali. Gli indagati avrebbero usato una contabilità parallela per tenere traccia dei quantitativi di carburante, delle consegne e dei flussi finanziari per rendicontare il gasolio, appuntare prezzi, forniture, quantitativo e ordinativi.
Secondo i finanzieri al vertice del gruppo ci sarebbe un uomo che avvalendosi di alcuni stretti e fidati collaboratori, avrebbe deciso l'organizzazione delle attività illecite, definito i destinatari del gasolio e messo a disposizione un deposito commerciale gestendo i guadagni.

Inoltre, si sarebbe 'adoperato per attribuire fittiziamente ad altri la titolarità di beni e la disponibilità di denaro riconducibili ai sodali, quale profitto o provento dell'attività illecita, tra cui anche un'imbarcazione', spiegano gli inquirenti specificando che il figlio invece gestiva i depositi uno dei quali controllato h24 con sistemi di videosorveglianza.

Delle 13 persone raggiunte dalle misure cautelari, 4 sono ai domiciliari, 7 in carcere e 2 sottoposte a obbligo di firma. Complessivamente gli indagati sono 30 e a vario titolo rispondono di associazione per delinquere, sottrazione all'accertamento o al pagamento dell'accisa sui prodotti energetici ed irregolarità nella circolazione dei prodotti soggetti a imposta, falsità materiale e ideologica in atti pubblici, frode in commercio dichiarazione fraudolenta mediante altri artifizi, trasferimento fraudolento di valori e autoriciclaggio. Sotto sequestro sono finiti beni - mobili e immobili - del valore di oltre 5 milioni di euro tra cui un autoparco di Ordona, due auto, un'imbarcazione a motore, 5 furgoni, una autobotte, due autocarri e altrettanti carrelli elevatori, 77 contenitori e cisterne per carburanti con sistemi di erogazione, contanti disponibilità finanziarie, conti correnti, libretti di deposito beni e altre utilità riconducibili agli organizzatori della frode. 

Foto Italpress

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Whatsapp
La Nera - Articoli Recenti
Modena, sanzionato allevatore di volatili che caccia illegalmente
Hanno sequestrato ad un allevatore di avifauna, una serie di attrezzature non consentite
24 Maggio 2024 - 10:01
Carpi, vandali contro panchina rossa per Pina Caruso e Barbara Cuppini
Sono in corso indagini sui video delle telecamere di videosorveglianza per risalire agli ..
24 Maggio 2024 - 07:38
Gp di Imola, la Finanza scopre biglietti falsi per 200mila euro
Sono state intercettate 1.300 persone, in possesso di biglietti di ingresso non validi
22 Maggio 2024 - 10:18
Carpi, arrestato il 'picchiatore' della banda dei pakistani AK-47
Azioni violente che si sono poi concretizzate in spedizioni punitive e pestaggi con coltello..
21 Maggio 2024 - 16:07
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati a persone malate e stupratori
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli elettrodi a mani e piedi dei bimbi
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' da Foti per dimostrare sue teorie
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39