I morti in incidenti stradali crescono ancora: a Modena 45 vittime nel 2023
Radio Birikina
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Radio Birikina
notiziarioLa Nera

I morti in incidenti stradali crescono ancora: a Modena 45 vittime nel 2023

La Pressa
Logo LaPressa.it

I dati dell'osservatorio dell'Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada tracciano un quadro drammatico per la provincia. Modena lontanissima dagli obiettivi europei. Tra i 20 e i 30 anni e tra i 70 e 80 le fasce di età più a rischio


I morti in incidenti stradali crescono ancora: a Modena 45 vittime nel 2023
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'La strage di morti annunciate non si ferma e nessuno se ne accorge finché non viene colpito direttamente.
Agli obiettivi europei della sicurezza stradale che prevedevano ogni decennio un dimezzamento di morti e feriti gravi, Modena risponde con un inconsistente e vergognosa riduzione pari al 14% in quindici anni'.
A intervenire è l'osservatorio indipendente dell’Associazione Italiana Familiari e vittime della strada-ONLUS (AIFVS) che rivela come nel 2023 si siano verificati nella provincia di Modena almeno 42 incidenti mortali con almeno 45 decessi contro i 40 dello scorso anno.

'Analizzando i dati si conferma che le due fasce di età più a rischio decesso sono tra i 20/30 anni (10 decessi di cui 1 in area urbana) e 70/80  anni (9 decessi di cui 1 in area urbana). Ogni tre maschi (35 deceduti) muore una donna, generalmente pedone o trasportata (10  decedute).

Se  in generale il numero di incidenti  è più alto  nelle aree urbane, il maggior numero di vittime si concentra sulle strade extraurbane: 25 i deceduti in auto di cui 1 in area urbana; 8 motocicli di cui 1 in area urbana, 7 pedoni tutti in area urbana; 4 ciclisti  di cui 2 in area urbana'.

Nel complesso la maggior parte degli scontri avviene tra veicoli in marcia ma va monitorato attentamente anche quello strano fenomeno dei sinistri a veicolo isolato: 30% sono le fuoriuscite senza apparente contatto con altri veicoli (13 decessi) e il 15% è rappresentato da investimenti di pedone (7 decessi).

I comuni in cui si è verificato il maggior numero di incidenti su viabilità ordinaria sono il comune di Modena e Serramazzoni con 6 decessi ciascuno, a seguire, Castelfranco, Formigine, Soliera 3, Carpi Pavullo e Savignano 2.

I rilievi  di sinistri mortali su viabilità ordinaria sono stati il 65% in capo  alla Locale, il 31% all'Arma e 3% alla Stradale, 4 i decessi rilevati dalla Stradale in autostrada.

'Dal 2002 ad oggi, sulle strade della provincia, hanno perso la vita  non meno di 1432 persone, praticamente è sparito l’equivalente della popolazione di un comune come Fiumalbo o la somma dei residenti di Riolunato e Montecreto o tutto Polinago - continua l'Osservatorio -. Gli sforzi delle amministrazioni locali sono evidentemente ancora troppo deboli e deboli pure le azioni di  indirizzo e coordinamento della prefettura mirate al miglioramento dei risultati ottenuti, rimangono criticità e senza un deciso sforzo  non si potrà pensare di ridurre concretamente il problema. Occorre poi ripianare gli organici dei corpi con compiti di controllo dotandoli di moderni strumenti efficaci ed affidabili, ripianare gli organici delle Prefetture, delle Motorizzazioni, dei Tribunali e relative cancellerie. Occorre rivedere il sistema di rinnovo delle patenti in particolare in caso di soggetti anziani ma non solo. Occorre una revisione totale del CdS e tra i provvedimenti che appaiono più semplici da introdurre e allo stesso tempo più efficaci sono l’installazione sui veicoli dei nuovi dispositivi di ausilio alla guida. Occorrono ulteriori sforzi perché di questo passo, non potremo neppure mostrarci “orgogliosi” di accettare, forse, tra un anno quel vergognoso, minimo “traguardo” di altri 22 morti e 1000 feriti, dei quali una sessantina con disabilità permanenti previsti come 'obiettivo' per il 2024'.

'Occorre dare spinta propulsiva  a progetti che permettano la moderazione delle velocità di percorrenza su arterie come viale Montecuccoli o via Respighi, via Stradella, Nuova Estense, via Cucchiara, occorre risagomare le corsie di accelerazione sulla tangenziale di Modena adeguandole alle normative vigenti' - afferma Franco Piacentini, referente dell'Osservatorio. 'Occorre una  messa a norma anche dei sistemi di contenimento ad oggi mancanti come all'uscita 10bis della tangenziale Pirandello. Al fine di promuovere una mobilità alternativa all'uso dell'auto privata a favore dei  mezzi pubblici, occorre prestare una diversa attenzione ai percorsi necessari al raggiungimento delle fermate predisponendo opportuni attraversamenti pedonali e ciclopedonali in sicurezza e predisporre zone di attesa coperte e riparate, non è sufficiente posizionare sul ciglio della strada semplicemente una palina con l'indicazione della fermata come ancora oggi accade su strade provinciali e statali completamente prive di marciapiede o banchina come la Vignolese, la Nonantolana, il Canaletto, la via Emilia  dove non solo nessun  genitore potrebbe sognarsi di azzardarsi a mandarci i propri figli ma anche per anziani ed adulti spesso improponibili. Le amministrazioni dovrebbero aderire alla richiesta del Parlamento europeo e mirare, seriamente, a scongiurare completamente i decessi da incidenti stradali (“Vision Zero”), come già fanno diversi Stati'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

Udicon
La Nera - Articoli Recenti
Camorra, a Bologna sequestro da 100 milioni a due imprenditori campani
L’attività ha permesso di assicurare allo Stato 161 beni immobili, tra fabbricati e ..
05 Luglio 2024 - 17:29
Cavezzo, sequestrati 280mila euro a un imprenditore edile per evasione
Attraverso un'altra impresa, sempre riconducibile all’indagato ed anch’essa sconosciuta ..
05 Luglio 2024 - 10:49
Centri a luci rosse oltre ai massaggi: operazione nazionale della Polizia, 14 controllati a Modena
In città identificate 28 persone. In concomitanza 400 operatori della Polizia di Stato ..
04 Luglio 2024 - 14:20
Condannati i tre autori del colpo all'Unicredit di viale Corassori
Otto anni e 4 mesi in primo grado per i tre pregiudicati originari della provincia di ..
04 Luglio 2024 - 10:55
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati a persone malate e stupratori
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli elettrodi a mani e piedi dei bimbi
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' da Foti per dimostrare sue teorie
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39