Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
notiziarioLa Nera

Modena, organizzano festa abusiva con centinaia di giovani: denunciati

La Pressa
Logo LaPressa.it

L’acquisto del ticket era avvenuto anche su prevendita, consentendo quindi agli organizzatori dell’iniziativa di riservare alcuni tavoli


Modena, organizzano festa abusiva con centinaia di giovani: denunciati

Si presentava come una sorta di discoteca all’aperto, però abusiva, l’evento su cui è intervenuta nelle scorse settimane la Polizia locale di Modena, interrompendone lo svolgimento e denunciando quattro persone con l’accusa di aver organizzato un appuntamento non autorizzato a cui hanno partecipato alcune centinaia di giovani senza peraltro verificare, da parte dei presenti, il rispetto delle misure anti-Covid. Oltre agli addebiti penali, sono scattate anche sanzioni per diverse migliaia di euro nei confronti della società, riconducibile ad alcuni degli indagati, attraverso cui erano stati presi in affitto gli spazi che hanno ospitato il party irregolare, che si è svolto all’esterno di una villa privata collocata in un’area periferica nella zona sud della città.

In particolare, la sera dell’evento la Polizia locale si è portata sul luogo della festa su segnalazione di alcuni cittadini e, una volta sul posto, è stata riscontrata la presenza di un elevato numero di giovani, intenti soprattutto a ballare e a consumare drink, nella maggior parte dei casi senza indossare la mascherina e non rispettando le misure di distanziamento sociale. Come è stato ricostruito acquisendo le testimonianze dei partecipanti, per accedere al party occorreva indicativamente comprare un biglietto di ingresso da 20 euro, inclusivo della possibilità di parcheggiare l’auto in un’area adibita a posteggio. L’acquisto del ticket era avvenuto anche su prevendita, consentendo quindi agli organizzatori dell’iniziativa di riservare alcuni “tavoli”, adeguatamente disposti nell’area, per diversi gruppi di partecipanti.

L’evento, promosso nei giorni precedenti sui social network e divulgato tra le fasce più giovani della popolazione tramite il passa parola, prevedeva spazi destinati al ballo, con postazione per il dj e relativa dotazione di strumentazioni professionali – casse acustiche, mixer audio e luci, amplificatore, traliccio con luci stroboscopiche e fasci multicolore – e un “punto bar” per la somministrazione delle bevande, pure alcoliche, la cui vendita era regolata secondo un apposito listino prezzi. In tutta l’area erano state inoltre predisposte sedute su cui i giovani si potevano fermare a chiacchierare.

Dopo aver preso atto dell’assenza delle autorizzazioni per l’organizzazione della festa, dunque, le pattuglie del comando di via Galilei ne hanno sollecitato la chiusura anticipata, favorendo il deflusso dei presenti. Gli accertamenti svolti nei giorni successivi dagli agenti del nucleo di Polizia commerciale e della Polizia giudiziaria hanno in effetti permesso di contestare il carattere abusivo del party, visto il mancato rispetto delle misure necessarie per la sicurezza e l’agibilità dei luoghi, e rilevando anche l’assenza del parere obbligatorio della Commissione di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo. Mentre gli spazi per la festa, come è stato appurato, erano stati presi in affitto temporaneo da una società di Milano (la proprietà della villa è estranea ai fatti).

Dopo aver ricostruito l’accaduto, quindi, la Polizia locale ha denunciato le figure per cui si ipotizza un coinvolgimento, a vario titolo, nella gestione dell’evento: si tratta di un 42enne e un 65enne considerati tra gli organizzatori e di un 52enne e un 55enne legati alla società lombarda affittuaria. A tutti è contestata l’apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento, un reato definito dall’articolo 681 del Codice penale su cui si dovrà esprimere l’Autorità giudiziaria; in caso di responsabilità, è previsto l’arresto fino a sei mesi e un’ammenda non inferiore a 103 euro.

All’impresa milanese, invece, sono state addebitate le violazioni amministrative del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (assenza del permesso per il pubblico trattenimento), delle leggi sulla somministrazione non autorizzata al pubblico di bevande e sulla riproduzione di musica all’aperto senza garantire il rispetto dei limiti di inquinamento acustico, delle disposizioni ministeriali sul mancato rispetto delle prescrizioni contro la diffusione del Coronavirus e del nuovo regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose temporanee (l’evento musicale non era stato appunto comunicato e autorizzato dall’Ente), per un totale di sanzioni che può arrivare a circa 4mila euro. Nei prossimi giorni continueranno le verifiche finanziarie finalizzate a determinare la destinazione dei proventi scaturiti dall’organizzazione dell’appuntamento.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Mivebo
Articoli Correlati
'Altro che Tachipirina, ecco come bisogna curare a casa il Covid'
Parola d'Autore
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:274913
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:182117
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda ..
La Provincia
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:173987
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:137673
Vaccini, eventi avversi: in Italia ad oggi 328 segnalazioni di morte
Societa'
11 Giugno 2021 - 07:00- Visite:134816
Covid, 4700 contagi al concerto per possessori di Green Pass inglese
Oltre Modena
26 Agosto 2021 - 14:33- Visite:122174

La Nera - Articoli Recenti
Condannato a 13 anni e due mesi il ..
E' questa la condanna inflitta dal tribunale di Locri all'ex sindaco di Riace, Domenico ..
30 Settembre 2021 - 12:21- Visite:989
Maxi truffa durante il lockdown, ..
Nella abitazione del leader della banda alcune gigantografie ritraenti Tony Montana, ..
27 Settembre 2021 - 11:32- Visite:1720
Cercano di vendere bici da corsa ..
Si tratta di un ventenne e di un diciassettenne denunciati per ricettazione
26 Settembre 2021 - 00:12- Visite:670
Tragedia in pista, muore pilota di 15..
Sul posto sono immediatamente giunti mezzi sanitari e il pilota è stato soccorso in pista ..
25 Settembre 2021 - 16:21- Visite:1290
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:166479
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:64379
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:49458
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ..
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39- Visite:42740