GIFFI NOLEGGI
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
notiziarioLa Nera

Reggio Emilia, maxi frode nel commercio dei pallet

La Pressa
Logo LaPressa.it

Scoperto giro di fatture false da 10 milioni di euro


Reggio Emilia, maxi frode nel commercio dei pallet
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La Guardia di Finanza di Reggio Emilia, nel corso di una complessa operazione di contrasto alle frodi fiscali nel commercio dei pallet, ha smascherato un’articolata rete criminale responsabile di gravi reati economico-finanziari.
Gli investigatori hanno disvelato un intricato meccanismo per l’acquisto “in nero” della merce che, grazie alla creazione di diverse società “cartiere” emittenti fatture per operazioni inesistenti, ha permesso ai predetti accoliti di perpetrare una serie di illeciti a danno dello Stato e dell’economia locale. L'emissione di fatture false per un valore complessivo di 10 milioni di euro, ha portato indebiti risparmi d’imposta per 3 milioni e mezzo di euro.
I soggetti coinvolti nella frode acquistavano bancali in nero da conducenti di autocarri o corrieri che, dopo aver effettuato le consegne delle merci, trattenevano i pallet giacenti sul proprio veicolo. In seguito, tali prodotti venivano rivenduti legalmente da società, appartenenti al sodalizio, realmente operative e che hanno dichiarato i ricavi conseguiti dalle suddette cessioni.

Al fine di giustificare l’acquisto in nero dei bancali, sono state create diverse società “cartiere”, le quali emettevano fatture per operazioni inesistenti nei confronti delle imprese che si occupavano della rivendita legale della merce che, annotando tali fatture, hanno dedotto il costo e simulato l’acquisto regolare.

In tale contesto, la società verificata è risultata essere soggetto economico sia fornitore che cliente di altre società del gruppo. Gli accertamenti condotti hanno portato alla denuncia per dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti di quattro presunti responsabili, di cui due campani, un veneto ed un extracomunitario originario della Libia e residente nella provincia reggiana.

Contestualmente all’attività di accertamento fiscale, è stata eseguita nei confronti della società un’ispezione in materia di tutela della spesa pubblica, all’esito della quale è emerso che tre dei quattro esponenti del sodalizio criminale, nelle annualità 2020 e 2021, hanno conseguito  indebitamente finanziamenti garantiti dallo Stato, per circa 500.

000 euro, erogati nell’ambito dell’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19, rendendosi così responsabili dell’ulteriore ipotesi di indebita percezione di erogazioni pubbliche del codice penale.
Infatti, per accedere a tali finanziamenti la norma richiedeva alle imprese di non trovarsi in “stato di difficoltà” alla data del 31 dicembre 2019. La società in questione ha avuto accesso a tali sussidi tramite la presentazione di documenti riportanti informazioni false in relazione al reale stato di salute. Le indagini espletate, ricostruendo il modus operandi adottato con l’utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, ha palesato la mancanza di solidità della stessa sia per l’occultamento delle perdite accumulate sia per il fatto che nel mese di settembre 2021 la predetta ha smesso improvvisamente la sua attività economica, dichiarando fallimento ad inizio 2022.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Whatsapp
La Nera - Articoli Recenti
Finto tamponamento con rapina a ..
Le vittime hanno riportato lesioni importanti, tra cui una frattura pluriframmentaria di ..
15 Febbraio 2024 - 19:27
Tentato furto in supermercato a ..
L’addetto della sorveglianza del punto vendita aveva sorpreso le due donne mentre rubavano..
15 Febbraio 2024 - 12:55
Incendio in quadro contatori in una ..
Questa sera in via Montegrappa a Modena: il fumo aveva invaso l'edificio fino al quarto ..
14 Febbraio 2024 - 22:27
Schianto tra Anzola e Castelfranco: ..
La vittima è Raul Zanoni, residente a Guiglia. Il giovane, alla guida di una Lancia ..
14 Febbraio 2024 - 20:37
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ..
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39