La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

Tragedia a Carpi: Uccide il figlio disabile e si toglie la vita

La Pressa
Logo LaPressa.it

E' successo in un appartamento in via Longhena. Un uomo di 69 l'autore dell'omicidio suicidio. Il Sindaco: 'Famiglia seguita dal Comune'


Tragedia a Carpi: Uccide il figlio disabile e si toglie la vita

Un vicenda tragica, che sta scuotendo tutti i Carpigiani, tutta la città. Così ha definito, a caldo, il sindaco di Carpi Alberto Bellelli l'omicidio suicidio commesso da un uomo di 69 anni che ha atteso che la moglie uscisse per fare la spesa per soffocare sembrerebbe con un sacchetto di plastica il figlio disabile di 37 anni. Per poi togliersi la vita. A scoprire i corpi ormai senza vita di padre e figlio, la moglie, al rientro in casa.

A tracciare il quadro famigliare in cui è maturata la tragedia lo stesso sindaco di Carpi che ha confermato come la famiglia, così come tante altre con soggetti disabili obbligati a rimanere in casa dopo la chiusura anche dei centri diurni, fosse seguita e monitorata dal Comune. Attraverso telefonate periodiche. Nell'ultima non sarebbe emersa nessuna problematica.
'Appena appresa la notizia mi sono sincerato, con l'Assessore alle politiche sociali, quali fossero i rapporti della famiglia in questione con le istituzioni e i servizi: il ragazzo frequentava un centro diurno per disabili, e come tutti i ragazzi che hanno vissuto in questi giorni la chiusura di quei centri diurni, lui e la sua famiglia sono stati raggiunti dalle telefonate che periodicamente facciamo per sapere qual è la situazione, se si riscontrano particolari difficoltà.
Nell'ultima telefonata, risalente alla settimana scorsa, secondo le informazioni riportate dalla famiglia era tutto a posto, andava tutto bene; cioè non venivano rilevate cose particolari, anzi la famiglia chiedendo quando sarebbero potuti accedere al servizio del centro diurno, si preoccupava della salute del figlio dicendo che avrebbero preso la cosa con estrema cautela, data la fragile condizione sanitaria del ragazzo in un momento così delicato.

 

Quindi né le istituzioni né il gestore di quel servizio hanno mai lasciato sola quella famiglia. Ma questo ovviamente non consola, non consola perché dietro a un fatto come questo risalgono tantissime motivazioni e soltanto una parte di queste può essere anche solo lontanamente comprensibile dai più.

Questo è il momento del rispetto, del cordoglio. E per questa città anche il momento di capire che accadono cose, fra le mura domestiche, che sono drammatiche e che non dobbiamo mai perdere la cultura dell'interessarsi al nostro prossimo: questa volta la famiglia non era stata lasciata sola, però quella famiglia stava probabilmente vivendo qualcosa che nessuno è riuscito a capire.

Da questo punto di vista il mio appello è alla riflessione, alla comprensione, a non lasciarsi andare a giudizi che risulterebbero fuori luogo.

Mi risulta inoltre che in queste settimane ci siano state anche video-chiamate e chat, perché poi chi frequenta un luogo come quello di un centro diurno per disabili diventa una famiglia in una famiglia: e questo è un ulteriore elemento a sostegno del fatto che la qualità della vita e dei servizi, in particolare sui disabili, ha fatto in modo che tante famiglie decidessero di venire qua, per quella qualità della vita che non è soltanto frutto dei servizi ma è soprattutto frutto di una cultura di comunità. Anche se, ribadisco, purtroppo questo non consola dinanzi a quanto accaduto'


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
La mappa dei contagi nel modenese: a Prignano muore donna di 50 anni
Societa'
28 Marzo 2020 - 18:20- Visite:36286
Coronavirus, allerta rossa a Carpi. Il sindaco chiude tutto
Pressa Tube
25 Febbraio 2020 - 14:33- Visite:24826
Case riposo provincia di Modena: i dati che certificano una apocalisse
Societa'
21 Aprile 2020 - 09:04- Visite:24785
La mappa dei contagi: 11 nuovi casi a Carpi, 14 a Formigine
La Provincia
27 Marzo 2020 - 18:49- Visite:24716
La mappa dei contagi nel modenese: 9 casi in città, 3 casi a Polinago
La Provincia
17 Aprile 2020 - 18:18- Visite:22952
Mirandola, vigilessa trovata morta, il Sulpl: 'Suicidio annunciato'
La Nera
04 Aprile 2018 - 13:58- Visite:21786
La Nera - Articoli Recenti
Tenta di rubare una bicicletta, ..
La bicicletta, una MTB del valore commerciale di circa 400 euro, è stata affidata al ..
03 Agosto 2020 - 14:55- Visite:96
Spaccio in zona Musicisti: denunciato..
Recuperati dentro un peluche, riposto nella camera da letto, 8,6 grammi di cocaina in sasso ..
01 Agosto 2020 - 14:30- Visite:441
Carpi, rapinano negoziante con calci ..
Si tratta di tre minorenni e un diciottenne. Hanno colpito padre e figlio con pugni e calci ..
01 Agosto 2020 - 14:22- Visite:1128
Sestola: malore in piscina, muore ..
Stava facendo esercizi di riabilitazione motoria quando si è sentito male. Soccorso ..
01 Agosto 2020 - 10:08- Visite:942


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:161714
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:60142
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:46397
Camionista non in regola con Adr: 30 ..
Al camionista è stata anche ritirata immediatamente la patente e ulteriore decurtazione di ..
22 Marzo 2018 - 14:56- Visite:39512