Si presenta ai Carabinieri: 'Ho il cadavere di mia moglie nel furgone qui fuori'
Radio Birikina
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Radio Birikina
notiziarioLa Nera

Si presenta ai Carabinieri: 'Ho il cadavere di mia moglie nel furgone qui fuori'

La Pressa
Logo LaPressa.it

ll fatto, ieri sera, al Comando provinciale di Modena. L'uomo, Andrea Paltrinieri, di 48 anni, di Modena, è stato arrestato per omicidio aggravato. La vittima è Anna Sviridenko di 40 anni, italiana di origine russa. Medico specializzanda in radiologia presso Unimore. Aveva il capo avvolto in un sacchetto stretto intorno al collo con filo elettrico e una cintura. Il delitto sarebbe generato da vicende legate all'affidamento dei figli minori successivo alla separazione tra i due


Si presenta ai Carabinieri: 'Ho il cadavere di mia moglie nel furgone qui fuori'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Scena agghiacciante al Comando Provinciale dei Carabinieri di Modena. Qui, nella tarda serata di ieri, un uomo, Andrea Paltrinieri, residente a Modena, si è presentato alla portineria affermando di avere nel furgone parcheggiato davanti alla caserma, il cadavere della moglie, Anna Sviridenko. Testimonianza verificata un attimo dopo. I militari hanno aperto il furgone ed hanno visto il corpo della donna, con il capo avvolto in un sacchetto di plastica chiuso con un filo elettrico intorno al collo dove era stretta anche una cintura. Il magistrato di turno ha coordinato il lavoro del nucleo scientifico e della medicina legale. La donna è emersa essere Anna Sviridenko, 40enne, di cittadinanza italiana,di origine russa, medico specializzando in radiologia presso l'Università di Modena e Reggio Emilia. Le prove e la testimonianza diretta hanno subito fatto scattare l'arresto dell'uomo per omicidio aggravato, contestando la quasi flagranza di reato.

Il 48enne è stato immediatamente trasportato al carcere di S.Anna di Modena a disposizione dell'Autorità.

Secondo quanto specificato dalla Procura Anna Sviridenko aveva avviato, nel maggio 2023, presso l'Autorità giudiziaria Austriaca, a Insbruck (città dove alcuni anni fa lei, il marito e i due figli si erano trasferiti per seguire il lavoro di lei, ndr), una procedura per ottenere l'affidamento prevalente dei figli. A seguito della rottura della loro relazione.

A seguito della rottura della loro relazione, lui si era nuovamente trasferito in Italia. Nel gennaio 2024, aveva presentato ricorso al tribunale di Modena per ottenere la separazione giudiziale dalla donna, contestando anche la giurisdizione dell'Autorità Giudiziaria Austriaca. A tale atto la donna si era opposta presentando istanza al tribunale di Innsbruck, per ottenere l'affidamento esclusivo dei due figli minori. Che sarebbe stato concesso nei giorni scorsi.

Il tribunale di Modena, di fronte alle decisioni del giudice straniero valide anche in Italia, e 'ritenendo di non dovere assumere provvedimenti temporanei urgenti', aveva assunto, a maggio 2024, la causa sulla questione preliminare della giurisdizione. Sostanzialmente valeva la decisione del tribunale austriaco che aveva concesso, pur permettendo il diritto di visita al padre, l'affido esclusivo alla madre. Elemento, quest'ultimo, che avrebbe portato l'uomo all'estremo gesto. La vittima, attualmente, viveva tra un comune della bassa modenese e Innsbruck, dove lavorava.

Il resto è storia recente, descritta questa mattina dalla Procura della Repubblica e relativa alla decisione dell'uomo di costituirsi ai Carabinieri, presentandosi al comando provinciale e segnalando la presenza del cadavere della donna nel furgone appena parcheggiato.

A quanto risulta l'uomo, una volta giunto a Modena, luogo dove risiede, avrebbe chiesto ed ottenuto l'intervento di un servizio di mediazione famigliare nell'ambito dei servizi sociali del Comune

Gi.Ga.

Gianni Galeotti
Gianni Galeotti

Nato a Modena nel 1969, svolge la professione di giornalista dal 1995. E’ stato direttore di Telemodena, giornalista radiofonico (Modena Radio City, corrispondente Radio 24) e consiglie..   Continua >>


 

Acof onoranze funebri

Udicon
La Nera - Articoli Recenti
Bologna, intercettati 2 milioni di valuta non dichiarata in aeroporto
La maggior parte dei trasgressori, ha estinto la violazione avvalendosi dell’istituto ..
10 Giugno 2024 - 09:03
Malore improvviso, muore a 55 anni al Castello di Matilde di Canossa
Stefano Dondi, 55enne di Cognento, è morto stroncato da un malore mentre si trovava insieme..
10 Giugno 2024 - 08:16
Omicidio a Bibbiano: italiano accoltella a morte 61enne albanese
Al momento dell'arresto una trentina di persone hanno cercato di linciare l'arrestato, ..
08 Giugno 2024 - 08:14
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati a persone malate e stupratori
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli elettrodi a mani e piedi dei bimbi
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' da Foti per dimostrare sue teorie
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39