'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'

La Pressa
Logo LaPressa.it

I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie che hanno già ricostruito'. Il Comune deve anticipare le risorse per pagare gli stipendi promessi dalla Regione ai tecnici. E per la sicurezza idraulica del nodo modenese fermi 75 milioni


'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'La ricostruzione di Nonantola, dopo la devastazione dell'alluvione del 6 dicembre 2020, è ferma esattamente alla metà: 50%. Centinaia di famiglie hanno anticipato i soldi per i lavori ma buona parte dei rimborsi non sono arrivati, mentre scopriamo che ben 75 milioni di euro per il nodo idraulico di Modena sono fermi sui conti correnti della Regione e dunque non utilizzati per la messa in sicurezza del territorio'. In estrema sintesi è il quadro tracciato dai Consiglieri comunali di Forza Italia a Nonantola, Antonio Platis e Pino Casano che in risposta e a commento degli ultimi interventi critici del Presidente della Regione Stefano Bonaccini su risorse per interventi di somma urgenza e ricostruzione nei confronti del governo e del commissario alla ricotruzione (di cui lui è vice), Figliuolo. E lo fanno ricordando forme e tempi degli interventi della gestione del presidente Bonaccini rispetto all'alluvione di Nonantola.

'Forse sarebbe bene a riavvolgere il nastro delle sue lagnanze e partire da qui' - affermano i consiglieri. 'A dicembre 2020 è letteralmente “deflagrato” in un tratto rettilineo e con livelli d’acqua modesti il fiume Panaro. Allagando un territorio limitato ma densamente abitato e quasi tutto nel comune di Nonantola. Furono 1800 le famiglie e 200 le imprese finite sott’acqua'. Il fiume ha rotto proprio a poche decine di metri da dove era uscito già nel 2014 e già interessato, nella storia degli ultimi decenni, dal 1966, da cinque rotte. 

'In quei sei anni - affermano Platis e Casano - è stato fatto poco o nulla, tant’è che la commissione di inchiesta ha decretato che l’argine era ammalorato e costruito con materiale di riporto. Inoltre istrici, tassi e nutrie avevano ridotto l’argine ad un’autentica groviera, un dedalo di tunnel sotterranei al punto che una sola tana è stata la causa scatenante dell’esondazione'.

'Draghi stanziò 100 milioni, dicendo di risarcire le popolazioni e di usare il resto per sistemare il nodo idraulico. Oggi ne sono stati impegnati 25milioni per la popolazione e 75 sono sui conti correnti della Regione fermi e immobili. Perché? I nonantolani non hanno avuto indennizzi sulle automobili. Hanno beneficiato di un ristoro al 100% solo nel momento in cui sono riusciti ad abbinare ai contributi per l’alluvione gli ecobonus. Hanno dovuto anticipare i fondi, perché in anticipo non è arrivato nulla, solo un prestito ponte con una banca del territorio che chiedeva pure garanzie reali ai cittadini. Ad oggi gli interventi sotto i 10mila euro sono stati tutti eseguiti, mentre i più corposi ed importanti sono al palo, anche perché i tassi di interesse sono volati e la Banca li pretende. Si è fatta fino ad ora solo un’operazione di maquillage o, se preferite, di mera facciata, roba da “armicromisti” politici'.

'A fine maggio 2023, dopo 30 mesi, la ricostruzione era al 50% e il sindaco PD ha chiesto la proroga a dicembre 2024 per ultimare i cantieri. Questo Bonaccini non lo dice. Così come non racconta la politica degli annunci a cui ha assuefatto gli emiliano-romagnoli. Un esempio: i dipendenti assunti per far fronte alla mole delle pratiche relative all’alluvione saranno pagati dalla Regione. Invece, il 27 del mese, il piccolo municipio nonantolano ha versato e versava gli stipendi arrivando a vantare un credito di 454 mila euro verso la Regione. Ad aprile 2023, il sindaco Pd si è permesso di chiedere lo storno. La Giunta Bonaccini ne ha dati 200mila e gli altri più avanti. Il Comune, evidentemente, può aspettare'.

'Caro Bonaccini, a Nonantola hai ‘pieni poteri’, eppure le pratiche sono incagliate e qui non ci sono scuse? - chiudono Platis e Casano -. Alla fine, di questo passo, ci vorranno 4 anni ancora, per ricostruire tutto. Una follia. Intanto ci sono i 75milioni fermi – come denunciato dalla nostra consigliera regionale di Forza Italia Valentina Castaldini – e non spesi dalla Regione per mettere in sicurezza il nodo idraulico di Modena. Noi siamo già stati presi bellamente per il naso, facciamo che ciò non capiti anche agli amici romagnoli, se no il coro di “più Figliuolo e meno Bonaccini” potrebbe farsi assordante. È anche per questo che le sinistre delle molte parole e dei pochi fatti, perderanno le prossime elezioni regionali'.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Onoranze funebri Gibellini
La Provincia - Articoli Recenti
Carpi, le promesse scritte nella sabbia e i predestinati di lusso
Giovanni Taurasi caso emblematico: in giunta ha visto andare il promissato Giuliano ..
07 Luglio 2024 - 21:53
Cade in un dirupo: difficile operazione di soccorso e recupero in notturna a Montecreto
Operazione complicata per il Soccorso Alpino Regionale. Un uomo, dopo essersi perso con la ..
07 Luglio 2024 - 16:33
Castello matildico a Montebaranzone, via a seconda campagna di scavi
Da lunedì 8 luglio, per quattro settimane, una dozzina di archeologi continueranno le ..
06 Luglio 2024 - 10:11
Gli appuntamenti del fine settimana a Modena e provincia
Da Modena a Soliera, da Spezzano a Castelnuovo, dove si celebra il tortellone
05 Luglio 2024 - 20:00
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48