Cambia l'assistenza sanitaria nell'Alto Frignano
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Cambia l'assistenza sanitaria nell'Alto Frignano

La Pressa
Logo LaPressa.it

I servizi nelle aree di Fanano e Pievepelago oggetto di un progetto Ausl che coinvolgerà sia il primo soccorso in emergenza sia il servizio di prossimità


Cambia l'assistenza sanitaria nell'Alto Frignano
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Cambia la rete assistenziale territoriale dell’Alto Frignano, come parte di un disegno più ampio che riguarda la sanità in montagna. Un progetto sul quale sta lavorando l’Azienda USL di Modena con un percorso di coinvolgimento di professionisti, sindacati, associazioni e sindaci, con l’obiettivo di garantire i servizi ai cittadini, ma tenendo conto e valorizzando le specificità di questi territori, compresa la vocazione turistica.

Nel comprensorio di Pievepelago, al fine di fornire una migliore risposta assistenziale e anche un maggior sostegno alle associazioni di volontariato, è già avviato da metà aprile un aumento della copertura dell’auto infermieristica presente ora h24 e 7 giorni su 7 (prima attiva durante le notti e il weekend).

Questa nuova organizzazione consente di andare a rafforzare l’importante contributo delle associazioni di volontariato – AVAP Fiumalbo, AVSA di Riolunato e Misericordia di Pievepelago – che già assicurano la copertura su quel territorio.

Questo consolidamento della risposta in emergenza si accompagna al ridisegno tuttora in corso dei “team assistenziali di prossimità”: nel percorso sono coinvolti medici e infermieri che, già all’interno della Casa della Comunità di Pievepelago, anche grazie all’introduzione di nuove tecnologie mediche saranno in grado sempre più di rispondere ai bisogni dei cittadini.

Anche nel comprensorio di Fanano è stata rafforzata l’équipe infermieristica dedicata all’emergenza, così come quella presente alla Casa della comunità di Fanano.

Al contempo, dal primo maggio sarà attivata un’assistenza medica che andrà a coprire sia le attività ambulatoriali sulla struttura, sia l’assistenza turistica durante la stagione estiva, e garantirà l’integrazione del supporto medico notturno all’Ospedale di Comunità collocato nella stessa sede. Ove ritenuto necessario la Centrale Operativa 118 Emilia Est potrà attivare il medico sulle emergenze in cui ne sia richiesto il supporto.

Sul tema dell’emergenza l’obiettivo in entrambi i territori è quello di migliorare la risposta sulle patologie tempo-dipendenti, integrando i servizi di prossimità e continuità assistenziale con la rete del Servizio emergenza territoriale 118 e con il servizio di elisoccorso diurno e notturno. Peraltro in Appennino il mezzo è dotato di verricello in grado di effettuare interventi anche in sentieri e zone impervie.

“L’Azienda pone sempre un’attenzione specifica alle esigenze della montagna – afferma Massimo Brunetti, Direttore del Distretto di Pavullo – ora il progetto si evolve con il fondamentale coinvolgimento della medicina generale, anche attraverso una sempre più forte collaborazione con gli infermieri – presenti sia come infermieri domiciliari, che di comunità –, i fisioterapisti e le altre figure assistenziali, in grado di dare un contributo a fianco dei medici. In particolare sul tema delle cronicità, che sono una componente molto importante dei nostri pazienti: con l’utilizzo delle nuove tecnologie di prossimità e della telemedicina è oggi possibile effettuare esami e di refertarli in remoto, così come monitorare costantemente i pazienti più fragili.

Abbiamo lavorato per riorganizzare in modo più efficace, efficiente, e soprattutto integrato la risposta che diamo ai bisogni delle persone: è una grande occasione per ottimizzare l’assistenza nelle zone montane che hanno specifiche peculiarità che vanno valorizzate attraverso una sempre maggiore integrazione delle diverse figure professionali”.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

e-work Spa
La Provincia - Articoli Recenti
Record di affluenza a Fiumalbo per il candidato unico Alessio Nizzi
Eletto per la prima volta nel 2019, sostenuto in primis dalla Lega, Nizzi ha ottenuto così ..
10 Giugno 2024 - 08:08
Europee a Carpi: vola il Pd, doppiata Fdi. Righi punta a vincere al primo turno
Con questi numeri Riccardo Righi vede la vittoria al primo turno, ma molto dipenderà dai ..
10 Giugno 2024 - 08:02
Europee a Sassuolo, testa a testa tra Pd e Fdi. Menani trema
Con questi numeri non è scontata la conferma al primo turno di Francesco Menani, sostenuto ..
10 Giugno 2024 - 07:49
Europee a Mirandola, Pd nettamente primo partito: probabile ballottaggio
Con questi numeri è probabile immaginare un ballottaggio tra Letizia Budri e Carlo Bassoli,..
10 Giugno 2024 - 07:21
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48