Primarie Carpi: ditta Pci-Pds-Ds prova a delegittimare Taurasi, ma il Pd è altra cosa
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Primarie Carpi: ditta Pci-Pds-Ds prova a delegittimare Taurasi, ma il Pd è altra cosa

La Pressa
Logo LaPressa.it

Uno scivolone per l’architetto che avrà sì il supporto dei capi, ma da oggi, nell’opinione pubblica, deve faticosamente risalire la china


Primarie Carpi: ditta Pci-Pds-Ds prova a delegittimare Taurasi, ma il Pd è altra cosa
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Carpi è veramente la città dei ribaltoni impossibili, oltre che di gente che lavora e bada al sodo – come sottolinea il commissario Paolo Zanca di Azione. Perché per quanto possa sembrare paradossale, e per come ragionano i (pochi) elettori del Pd, oggi il candidato favorito alle primarie del centrosinistra torna a essere Giovanni Taurasi. Con Righi che dopo l’exploit dell’aperitivo della scorsa settimana, nel giro di pochi minuti vede la sua credibilità distrutta dall’apparato che dovrebbe sostenerlo. Ma andiamo con ordine.

Come riportato da Voce di Carpi qualche giorno fa Giovanni Taurasi, nell’ambito del ciclo di incontri “6S” alla birreria Nonno Pep di Carpi,  avrebbe criticato la gestione del progetto di riqualificazione del “Biscione” – un fatiscente e male occupato complesso nella zona sudovest di Carpi, oggetto di un piano di acquisto e rifacimento del Comune.

Critiche sacrosante: perché quel piano, in essere da diversi anni, stenta a decollare. Critiche composte, senza particolari implicazioni per l’avversario. Il classico “io avrei fatto meglio” che ogni candidato deve proferire in ogni campagna elettorale. La stampa ha ripreso le sue critiche e apriti cielo: sempre a mezzo stampa è partito il fuoco (amico) di sbarramento dei colleghi di partito: con Marco Reggiani, ex segretario del PD mai promosso assessore, a definire Taurasi uomo di destra; Mauro D’Orazi, Presidente del Consiglio, a dire che le uscite di Taurasi sarebbero dovuto al nervosismo per il fallimento dei suoi incontri, a suo dire poco partecipati; il sindaco Alberto Bellelli pronto a “convocare i dirigenti del partito” perché “Taurasi si pone in opposizione alla sua Giunta”.

E Righi? Zitto. A godere, nella testa del partito e forse anche nella sua, del vantaggio mediatico e politico ottenuto da questa mitragliata all’avversario diretto.

Ma è veramente un vantaggio?

Evidentemente no. Perché i dirigenti della cordata di Righi hanno dimostrato che le primarie, nella loro testa, sono farlocche e già vinte. Sarebbe altrimenti assurdo definire inadatto il candidato avversario, per poi ritrovarselo come “capo” della coalizione. Lo scopo è quello di spaventare i potenziali elettori di Taurasi e forse far desistere lo stesso Taurasi. Il tutto nel perfetto solco della scuola PCI-PDS-DS che alle primarie del 2014 aveva puntato all’umiliazione dell’avversario Roberto Arletti, contro Bellelli, più che alla sconfitta onorevole. E andando anche oltre il classico mantra de “i nemici sono a destra” definendo lo stesso Taurasi di destra.

Ma come insegna la sconfitta inattesa di Bonaccini, il popolo del Pd - o dei dintorni del Pd – ragiona diversamente da come ragiona il vecchio PCI-PDS-DS. Righi, nelle prime uscite, sembrava essere il candidato nuovo, fresco, slegato dalle logiche di partito. Ma accettando questo comportamento del partito, dimostra che l’organico è lui e non Taurasi – che così diventa la Elly Schlein della situazione.

A questo va aggiunto che gli osservatori più attenti hanno notato che Taurasi, almeno, prova a costruire un programma attorno a punti chiave tutto sommato realisti e coerenti. Invitando interlocutori di livello. Mentre Righi, specie dopo queste sortite, non potrà che fare aperitivi e copia-incolla del programma non realizzato da Bellelli. Senza marcare alcuna differenza con il passato e il presente. Un brutto scivolone per l’architetto che avrà sì il supporto dei capi, ma da oggi, nell’opinione pubblica, deve faticosamente risalire la china.
Eli Gold

Eli Gold
Eli Gold

Dietro allo pseudonimo 'Eli Gold' un noto personaggio modenese che racconterà una Modena senza filtri. La responsabilità di quanto pubblicato da 'Eli' ricade solo sul dirett..   Continua >>



Mivebo

Onoranze funebri Gibellini
La Provincia - Articoli Recenti
'Carpi, pubblicità onoranze funebri davanti all'ospedale: spostatele'
Una anomalia rilevata da diversi cittadini secondo i quali l'ingresso delle camere ardenti ..
09 Luglio 2024 - 19:35
'Un paese ci vuole': a Montese torna il Festival, apertura in ricordo di Riccardo
Da giovedì 11 a domenica 14 luglio 2024, si alterneranno gli ospiti nelle piazze e negli ..
09 Luglio 2024 - 19:35
Ubersetto, la strada è diventata una discarica a cielo aperto
'Noi cittadini di Ubersetto da 3 anni stiamo continuamente segnalando all'amministrazione di..
09 Luglio 2024 - 17:01
Ponte di Concordia, al via intervento strutturale: cantiere di 8 mesi
Fu realizzato dalla Provincia nel 1884 insieme ai ponti Motta e di Navicello; è lungo 68 ..
09 Luglio 2024 - 13:56
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48