Carpi: pugno al professore che interviene per sedare rissa
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Carpi: pugno al professore che interviene per sedare rissa

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il docente al Pronto Soccorso. E' successo durante l'intervallo nel cortile dell'istituto professionale Vallauri. La segnalazione e la condanna del segretario UIL scuola Modena: 'Fatto inconcepibile. Prevenire con investimenti sulla scuola pubblica'. Il sindaco Bellelli: 'Rimane il dubbio di come possa accadere che estranei alla scuola, magari provenienti addirittura da fuori città, possano entrare nella scuola stessa liberamente'. ll PD di Carpi: 'Serve risposta del territorio'


Carpi: pugno al professore che interviene per sedare rissa
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

E' stato portato al Pronto Soccorso per accertamento a seguito delle contusioni riportate, il docente che questa mattina è stato aggredito nel momento in cui tentava di sedare una rissa generata nel cortile interno dell'istituto professionale Vallauri di Carpi. A darne notizia la segreteria UIL scuola Modena. 
Il fatto, stando alle prime informazioni, si è verificato nell'ora dell'intervallo. Il docente di sostegno, vista la rissa e nel tentativo di sedarla, è rimasto coinvolto duramente, ricevendo un pugno in faccia. 

'Quello che è successo è terribile – dichiara Dario Catapano, segretario della UIL Scuola di Modena - e stiamo ancora cercando di capire come si sono svolti effettivamente i fatti. Per l’ennesima volta a farne le spese un lavoratore della scuola che cercava solo di ristabilire l’ordine. Questa è l’ennesima dimostrazione di quanto si paghi, soprattutto in termini di sicurezza, non investire sulla scuola pubblica .

Non è possibile che degli esterni possano entrare indisturbati in un Istituto scolastico e compiere un vero e proprio raid punitivo. Al docente va tutta la nostra solidarietà e lo tuteleremo in ogni sede possibile. Cose del genere non devono più capitare'  – ha concluso Dario Catapano.

'L’episodio avvenuto stamane al “Vallauri” preoccupa tutta la comunità scolastica locale e l’intera comunità carpigiana, perché lede innanzitutto il diritto di andare a scuola in sicurezza: sicurezza che il “Vallauri” ha sempre garantito e che, sappiamo, si impegna a garantire - fa sapere il sindaco di Carpi Alberto Bellelli -. Nei giorni scorsi, con una delegazione, avevamo incontrato la preside discutendo di diverse necessità che la scuola aveva, alcune delle quali erano già state messe in campo da diversi mesi – e fra queste il presidio di tutto il polo scolastico nelle ore d’ingresso e uscita.

Infatti sono presenti le forze dell'ordine e la Polizia Locale a vigilare su questi momenti di maggiore interscambio fra studenti: non a caso l’episodio non si è verificato in questa fascia oraria. Rimane il dubbio di come possa accadere che estranei alla scuola, magari provenienti addirittura da fuori città, possano entrare nella scuola stessa liberamente'.

'Ovviamente attendiamo la ricostruzione esatta dalle indagini in corso: intanto, la nostra solidarietà va agli aggrediti e a tutta quella comunità scolastica. Ricordiamo che in questi anni abbiamo anche montato videocamere su tutto il perimetro dei plessi, ma non possiamo certo credere che tutto questo si possa risolvere soltanto con la sorveglianza. Pensiamo sia il momento di chiedere agli operatori delle scuole, partendo dai dirigenti dei nostri istituti superiori, di fare una riflessione rispetto al modello organizzativo della ricreazione, e alla capacità di creare uno spazio temporale, una “intercapedine” che non permetta commistioni con estranei, cioè che permetta di rilevarne l'eventuale presenza all'interno del perimetro scolastico, eventualmente anche utilizzando altre forme di riconoscimento personale come tesserini magnetici o altri strumenti di questo tipo. La dirigente De Vitis nell’incontro di qualche settimana fa aveva dato ampia disponibilità a fare questo tipo di valutazione insieme al Consiglio d'istituto, e a loro volta le forze dell'ordine hanno detto di essere disponibili a fare questa riflessione. Dallo stesso incontro era venuta anche la richiesta, condivisa dai sindaci dell'Unione Terre d'Argine, di un incontro del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, con particolare attenzione al tema delle scuole, istanza peraltro già inviata' - chiude Bellelli. 

“Condanniamo senza appello l’aggressione avvenuta ai danni di alcuni studenti e a un docente dell’Istituto Vallauri. Un fatto grave, sul quale le autorità preposte stanno indagando e che ci auguriamo porti all’individuazione dei responsabili. Ciò detto, la risposta a un problema complesso come questo non può che essere, appunto, articolata e collettiva. Se da un lato l’aspetto della tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico sono fondamentali, occorre anche lavorare, parallelamente, sulla prevenzione di questi fenomeni”: a commentare l’accaduto nella scuola superiore carpigiana è la Segretaria del Partito Democratico di Carpi, Daniela Depietri.

Depietri continua sottolineando come l’Amministrazione si sia attivata da tempo: “Dopo il primo episodio avvenuto al Liceo Fanti, le forze dell'ordine hanno intensificato i passaggi e il presidio di tutta l'area. Un’area che, accogliendo cinquemila ragazzi in poche centinaia di metri, dà vita anche a situazioni complesse.

Bene hanno fatto il Sindaco Bellelli e gli assessori a Istruzione e Sicurezza Dalle Ave e Lugli a far visita all’istituto, e a chiedere al Prefetto un incontro specifico sul tema.”

Nella foto, l'istituto Valluri di Carpi

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

e-work Spa
La Provincia - Articoli Recenti
Choc a Mirandola, la Bellco conferma ufficialmente i 300 esuberi
'Dei 500 lavoratori attualmente impiegati, circa 300 saranno in esubero. Bellco ha informato..
12 Giugno 2024 - 17:43
Formigine, tenta rapina in un supermercato: arrestato 54enne
Disposto nei confronti della persona la misura cautelare dell’obbligo di firma per tre ..
12 Giugno 2024 - 17:28
Sindaco Fiorano, il passaggio di testimone tra Tosi e Biagini
'Vicesindaco, durante il primo mandato Tosi, Marco Biagini ha 38 anni, è sposato e papà di..
12 Giugno 2024 - 17:25
Castelvetro, festa per 100 anni di Elisa Manfredini
E' la madre di Lorenzo Fiorentini, uno dei due competitor di Poppi alla carica di sindaco ..
12 Giugno 2024 - 15:01
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48