https://www.lapressa.it/notiziario/la_provincia/castelnuovo-raccolta-rifiuti-porta-a-porta-cos-non-vahttps://www.lapressa.it/notiziario/la_provincia/castelnuovo-raccolta-rifiuti-porta-a-porta-cos-non-vaprc 'Castelnuovo, raccolta rifiuti porta a porta: così non va'
Scelgo Goldoni Elezioni comunali San Felice sul Panaro
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Scelgo Goldoni Elezioni comunali San Felice sul Panaro
notiziarioLa Provincia

'Castelnuovo, raccolta rifiuti porta a porta: così non va'

La Pressa
Logo LaPressa.it

A parlare è Monica Secchi, la portavoce di un gruppo di circa 450 famiglie che abitano a Castelnuovo e frazioni


'Castelnuovo, raccolta rifiuti porta a porta: così non va'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Raccolta rifiuti: così non va e lo dimostra il fatto che il nostro gruppo è cresciuto in queste ultime settimane e siamo costantemente contattati da persone confuse e arrabbiate. Iniziamo parlando della gestione delle case Smeraldo dove vengo distribuiti i kit. Nonostante gli appuntamenti fissati, i cittadini si trovano spesso davanti lunghe file e ben prima dell’orario vengono invitati a ritornare successivamente per poter rispettare tassativamente l’orario di chiusura del servizio, dimostrando ben poco rispetto di chi ha speso il proprio (poco) tempo libero inutilmente'.
A parlare è Monica Secchi, la portavoce di un gruppo di circa 450 famiglie che abitano a Castelnuovo e frazioni, il gruppo è nato a settembre scorso per cercare di dialogare con l'amministrazione comunale per modificare il progetto di porta a porta integrale messo in piedi dal Comune.

In questi mesi il gruppo ha avuto due incontri e diversi scambi di richieste e risposte, senza alcun successo.

'Anche una volta arrivati davanti all’addetto, la situazione non migliora: le risposte sono spesso diverse, praticamente mai esaurienti e quando vengono chieste informazioni sui documenti da sottoscrivere difficilmente si ottengono, anzi la modalità di raccolta delle firme e i moduli stessi sono stati ripetutamente cambiati nel giro di pochissimi giorni, ottenendo così situazioni molto differenti: chi ha ritirato il kit senza apporre nessuna firma, chi ha fatto due firme, chi ne ha fatta una soltanto, chi si è ritrovato gli addetti a casa perché il tablet non aveva raccolto la firma … non proprio un esempio di trasparenza, a nostro avviso - si legge nell'ultima lettera inviata qualche giorno fa al sindaco di Castelnuovo, Massimo Paradisi -.

E nonostante quanto lei afferma nella sua ultima lettera, chi ha chiesto il regolamento delle sanzioni presso le case smeraldo non lo ha trovato e si è sentito rispondere di non preoccuparsi e di fare tutto secondo le regole e non ci sarebbero state sanzioni, ci chiediamo come sia possibile evitare le sanzioni se non si conoscono i comportamenti sanzionati'.

'Veniamo ora alle modalità di raccolta, modalità delle quali abbiamo ripetutamente parlato, ma nonostante questo ci sembra siano stati fatti dei passi indietro rispetto al nostro ultimo incontro di dicembre. Per quanto riguarda le isole ecologiche, abbiamo già convenuto, che nonostante la loro riqualificazione fosse prevista dal vostro programma elettorale prima dell’avvio della raccolta porta a porta, saranno invece riqualificate non prima di qualche mese. A questo però si deve aggiungere, come apprendiamo dalla sua ultima lettera, che anche l’ampliamento dell’orario di apertura, che invece avrebbe potuto essere fatto da subito, slitta a marzo e speriamo non oltre. Insomma, il servizio che avrebbe potuto aiutare il cittadino in questa prima fase di raccolta porta a porta integrale, viene rinviato a marzo. Ancor più rilevante era per noi la promessa di una coesistenza del sistema stradale e porta a porta per un tempo ampio, invece ancor prima che tutti i cittadini abbiano ritirato il kit compaiono cartelli che indicano la rimozione dei cassonetti, poi alcune parziali smentite e retromarce, che generano, se possibile, ancora più confusione. Poi le batterie H24, metodo di raccolta del quale il nostro comune si vanta essendo uno dei pochi ad adottarlo, ma, mentre non si capisce se e quando verranno tolti i cassonetti, abbiamo la certezza, da quanto ci ha scritto lei pochi giorni fa, che le uniche due batterie che saranno installate al momento (2 per 15000 abitanti!) saranno in funzione solo a metà febbraio e che per le altre dobbiamo attendere un periodo di sperimentazione (la cui durata non è nota ai cittadini), mentre a dicembre ci eravamo accordati per rivederci poco dopo la pausa natalizia per un incontro tecnico volto a condividere il numero ed il posizionamento delle batterie'.

'Inoltre, una delle nostre richieste, avere cioè la possibilità di usare sacchetti non codificati per carta e plastica, viene liquidata con una risposta negativa, senza alcuna motivazione, mentre nei comuni limitrofi questa modalità è prassi, pur avendo lo stesso gestore. Ci chiediamo quindi, come mai ai castelnovesi venga imposta questa modalità, che li obbliga al costante ritiro dei sacchetti presso la casa smeraldo e li sottopone ad un controllo che i cittadini di altri comuni, evidentemente, non hanno. Ultima, ma non certo per importanza, la liberatoria. Abbiamo letto le lettere del Comune e di Hera apparse sul vostro sito, ma sono ben lontane da quanto da noi ripetutamente richiesto nel corso dei mesi passati e, quanto dichiarato dal gestore, non tranquillizza affatto i cittadini che sono costretti a lasciare i loro rifiuti sul suolo pubblico, esposti al maltempo, alla presenza di animali nelle zone del forese, a disposizione di vandali e soprattutto in strade strette e spesso prive di marciapiede, con il rischio che pedoni e ciclisti possano urtarli e ferirsi. Ecco, adesso che siamo all’avvio di questo progetto di porta a porta integrale, che tanti cittadini di Castelnuovo non vogliono, lo ribadiamo: così non va. Dalla sua ultima lettera ci appare chiaro che la disponibilità che ci era stata dimostrata nei mesi passati si è, via via, trasformata in richieste di incontri con l’ufficio tecnico, di valutazioni dopo indeterminati periodi di sperimentazione e di informazioni date, se richieste. Non nascondiamo la nostra delusione per avere visto le aperture fatte dalla nostra amministrazione nel corso degli incontri, scontrarsi contro la realtà di un progetto che a noi continua ad apparire lontano dalla vita dei cittadini di Castelnuovo. Ci auguriamo ci sia modo di trovare soluzioni e correttivi alle tante criticità che stanno venendo fuori ogni giorno, da parte nostra rimane invariata la disponibilità al dialogo ma chiediamo altrettanta disponibilità a fornire date, numeri e informazioni precise, che ormai non sono più rinviabili'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
La Provincia - Articoli Recenti
San Prospero, il Consiglio di Stato commissaria il Comune: niente voto
Entrambe le liste di Sauro Borghi e Bruno Fontana non potranno correre a causa del grave ..
22 Maggio 2024 - 17:41
Serramazzoni, Società patrimoniale con un buco da quattro milioni
L’amministrazione ha avviato il processo di reinternalizzazione integrale dei servizi. ..
22 Maggio 2024 - 10:28
Lions Young Ambassador European Award: c'è un ragazzo di Serramazzoni
Niccolò Bartolacelli ha pensato una App per aiutare le persone con difficoltà nella ..
22 Maggio 2024 - 10:07
'Mirandola, esponente Giovani democratici evoca le Br contro la Budri'
La Lega: 'Atti intimidatori e squadristi di gravità inaudita a mezzo social che non ..
21 Maggio 2024 - 15:23
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48