Finale Emilia, i commercianti chiudono e consegnano le chiavi al sindaco: 'Sblocchi i lavori della piazza'
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Finale Emilia, i commercianti chiudono e consegnano le chiavi al sindaco: 'Sblocchi i lavori della piazza'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Adesione pressoché totale alla protesta contro il cantiere aperto e abbandonato di piazza Garibaldi: 'Chiudiamo oggi per non chiudere per sempre'. Corteo dalle 10 alle 13 dalla piazza al municipio dove il sindaco scende in strada e annuncia un possibile sblocco del contenzioso tra le ditte che da mesi ferma il cantiere. 'Entro il 15 marzo il collaudo che potrebbe ridare la possibilità alla ditta di operare'


Finale Emilia, i commercianti chiudono e consegnano le chiavi al sindaco: 'Sblocchi i lavori della piazza'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Dai negozi di parrucchiere ai forni, dai fiorai ai tabaccai, fino alle farmacie. Oggi, dalle 10 alle 13 era difficile, se non impossibile, vedere, a Finale Emilia, un negozio aperto. Pur in un martedì mattina. Tutti chiusi. Con un cartello affisso in bella vista in vetrina o sulla serranda abbassata con una frase; 'Chiudiamo oggi per non chiudere per sempre' Adesione pressoché totale per una serrata imponente e senza precedenti, organizzata autonomamente dai commercianti del centro storico (e non solo) di Finale Emilia. La ragione, protestare contro lo stop dei lavori alla piazza Garibaldi, piazza centrale, cuore del centro storico e della vita commerciale del comune. Oggetto di un cantiere di ristrutturazione aperto, bloccato da anni, e che sembra non avere fine, consistente soprattutto nei lavori di ripavimenazione che a tre anni dall'inizio non trovano sbocco, prospettive e, soprattutto, affermano i commercianti, risposte dalle istituzioni, in primis quella più vicina, il Comune.

Con un sindaco schiacciato da un lato dalle difficoltà di non potere agire al di fuori dei lunghi passaggi burocratici che servono per affrontare un contenzioso tra e con le ditte committenti e dall'altro la pressione dei concittadini che chiedono risposte e, soprattutto, presenza, vicinanza, dal proprio sindaco. E che gli contestano di non avere garantito, se non nelle ultime settimane, quando era già chiaro che la protesta sarebbe montata e sarebbe esplosa. Così è stato.



'Siamo all'esasperazione e la partecipazione di tanti commercianti lo conferma. Tante attività hanno già chiuso, altre rischiano di farlo a breve. Anche i clienti affezionati riducono le loro visite e i loro acquisti.

La piazza è inaccessibile, si vive in un cantiere aperto da anni, che chiude tutto, se non l'accesso ai marciapiedi, e non ci sono parcheggi'- afferma Raffaele Magagnoli, titolare dell'omonimo Hotel in piazza Garibaldi, con le stanze degli ospiti e l'accesso affacciato su un cantiere che sembra un cratere. E dove alle 10 della mattina di oggi i commercianti si sono trovati, chiamati alla serrata e alla protesta di piazza lanciata anche dallo stesso Magagnoli referente di un gruppo sempre più ampio di commercianti formato in un poco meno di un mese, chiamato Negozianti Uniti. Anche se qui, i commercianti, sono già tutti uniti, da una battaglia comune che comprende anche chi compone e rappresenta il Comitato dei commercianti, riconosciuto anche ai tavoli istituzionali. Con l'amministrazione e le associazioni di categoria. Presieduto da Massimo Magni, che anche ieri pomeriggio ha partecipato all'incontro organizzato in Comune nel quale il sindaco ha annunciato un possibile sblocco. Quello riportato anche nell'elenco delle rivendicazioni. Insieme alla richiesta di prospettive e tempi certi. Perché non c'è di peggio che all'assenza di prospettiva, di questa lenta agonia, che uccide il. Commercio'

E con queste rivendicazioni il lungo corteo dei commercianti sfila da piazza Garibaldi per le vie del centro dove i segni del terremoto sono ancora evidenti, in una immagine senza precedenti. L'atmosfera si scalda e le invettive contro la pubblica amministrazione aumentano una volta giunto davanti al Municipio. Qui i commercianti consegnano al sindaco un bauletto con decine di chiavi di altrettante attività commerciali. 'Le riprenderemo quando sarà tutto finito' - affermano

Il sindaco ci mette la faccia, e scende in strada, stempera l'atmosfera, o almeno ci prova, chiamando volti conosciuti per nome o per soprannome. Parlano i commercianti ed i loro rappresentanti. Da Magagnoli, a Magni, titolare della pizzeria in piazza Garibaldi che in assenza di risposte e sblocco dei lavori, chiede indennizi adeguati 'per permettere di sopravvivere', ma anche tanti cittadini comuni che chiedono risposte celeri per lo sblocco dei lavori e contestano al sindaco di essere stato e di essere poco presente.

Il sindaco prende il microfono, viene contestato quando inizia ad elencare ciò che ha fatto in questi ultimi anni senza parlare della piazza, e viene incalzato quando ne parla. 'Vogliamo tempi certi, un cronoprogramma' - chiedono alcuni. Tempi certi non ce ne possono essere, almeno prima dello sblocco, che - afferma il sindaco - 'potrebbe arrivare a seguito del collaudo della parte dei lavori effettuati e dal cui esito può derivare la possibilità della società ora ferma, di riprendere i lavori'.
L'obiettivo è quello di proseguire ad una mediazione senza scontro con le ditte incaricate. 'Tempi? Intorno a metà marzo il collaudo. In caso di esito positivo i lavori potrebbero iniziare e concludersi in sei mesi. Il 20 marzo ci aggiorneremo' - promette il sindaco. Che a domanda annuncia anche un piano B ma forse da evitare trattandosi di una causa legale che porterebbe le carte e le vite in tribunale per una vicenda e per lo blocco che forse si potrebbe prorogare per altri anni. Claudio Poletti, il sindaco, viene mpestato di richieste non solo per la piazza. Finale soffre di troppe carenze. Ieri, in piazza, per le loro aule inagibili, c'erano anche gli studenti del liceo Morandi. Una mamma di due adolescenti prende il microfono e denuncia lo stato della palestra utilizzata dai ragazzi del basket, con le infiltrazioni d'acqua e con il sindaco che, la scorsa settimana, era stato indotto a chiuderla in via precauzionale, al centro sportivo, al ponte sul Panaro, chiuso da tempo per ristrutturazione, alla carenza di servizi pubblici e di cui il sindaco promette l'apertura a maggio. Ma ci sarà tempo per discuterne. 

Gi.Ga.

Le nostre dirette

Piazza Garibaldi desolante devastata da un cantiere fermo. Da qui parte il corteo




L'arrivo del corteo in Municipio e l'incontro con il sindaco


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

e-work Spa
La Provincia - Articoli Recenti
Record di affluenza a Fiumalbo per il candidato unico Alessio Nizzi
Eletto per la prima volta nel 2019, sostenuto in primis dalla Lega, Nizzi ha ottenuto così ..
10 Giugno 2024 - 08:08
Europee a Carpi: vola il Pd, doppiata Fdi. Righi punta a vincere al primo turno
Con questi numeri Riccardo Righi vede la vittoria al primo turno, ma molto dipenderà dai ..
10 Giugno 2024 - 08:02
Europee a Sassuolo, testa a testa tra Pd e Fdi. Menani trema
Con questi numeri non è scontata la conferma al primo turno di Francesco Menani, sostenuto ..
10 Giugno 2024 - 07:49
Europee a Mirandola, Pd nettamente primo partito: probabile ballottaggio
Con questi numeri è probabile immaginare un ballottaggio tra Letizia Budri e Carlo Bassoli,..
10 Giugno 2024 - 07:21
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48