Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
notiziarioLa Provincia

Chiusura filiali Bpm in montagna, ultimo tassello di una debacle

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una banca che chiude una filiale è l’ennesimo sintomo di un Appennino che ha campato di rendita fino ad oggi


Chiusura filiali Bpm in montagna, ultimo tassello di una debacle
Sono comprensibili lo sgomento e l’amarezza da parte di Fabio Braglia, sindaco di Palagano (nella foto una veduta del Comune) e di Giandomenico Tomei, sindaco di Polinago e presidente della Provincia di Modena, per la decisione del Banco BPM di chiudere la filiale del capoluogo. Tomei ha promesso di far pressione sulle Poste per aprire due sportelli automatici Bancoposta, mentre Braglia ha lanciato anche una raccolta firme per dimostrare, indipendentemente dalla decisione definitiva della dirigenza della banca, che «dietro ai loro conti c’è una comunità».

Eppure, guardando dal punto di vista dell’azienda banca, non hanno tutti i torti quando affermano «in montagna questi sportelli sono in perdita e costa troppo mantenerli», con buona pace degli utenti più anziani, non dediti a home banking e conti smart, ma abituati al rapporto allo sportello. Un istituto bancario in fondo non ha fini assistenziali e pazienza per ciò che riguarda anche la storia di certi istituti di credito che da locali, sono diventati enormi gruppi bancari, curatori di numeri e non degli interessi dei risparmiatori o degli investitori.

Tuttavia la questione della chiusura degli sportelli bancari nei territori montani (oltre a Palagano e Polinago il problema riguarda anche Montecreto e ci sono altre realtà anche in pedemontana interessate da queste dismissioni), dovrebbe far porgere un interrogativo: cos’ha fatto la montagna per mantenere queste attività sul territorio?

A fronte infatti della chiusura delle attività e dello spopolamento delle aree appenniniche, è una conseguenza abbastanza naturale che vengano meno conti correnti e, conseguentemente, l’interesse a mantenere una struttura di riferimento sul territorio.
A rigor di onestà, da un lato fanno bene i sindaci d’Appennino a denunciare il disagio soprattutto per i cittadini più anziani e per le attività economiche locali, ma occorre dire che questi sono gli effetti di politiche miopi, di corto raggio, che non hanno creato opportunità sul territorio.

Il mancato rinnovo del comparto turistico, l’oramai patologica carenza infrastrutturale in termini di reti stradali, la lentezza nello sviluppare infrastrutture tecnologiche come le reti internet veloci e soprattutto, il disgregarsi delle realtà piccolo imprenditoriali; ha fatto sì che i territori montani si siano sempre più impoveriti. Che interesse ha quindi un istituto di credito a mantenere un presidio sul territorio, se viene a mancare ciò che lo tiene in vita?

Purtroppo oggi non è più possibile fare i romantici, vero è che i territori hanno dato alle banche e viceversa, ma è altrettanto vero che i freddi numeri non perdonano. In generale, se un attività economica chiude o delocalizza, sono diverse le ragioni che portano a quel tipo di scelta. Tolte le colpe che può avere il Banco BPM nella gestione delle sue attività, e che quindi per loro rendono sacrificabili le filiali di montagna; occorre guardarsi allo specchio e chiedersi se si è fatto abbastanza per tutelare il proprio territorio e per farlo crescere, o se, una banca che chiude una filiale, è l’ennesimo sintomo di un Appennino che ha campato di rendita fino ad oggi.

Stefano Bonacorsi

Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
Bper, la Borsa punisce il nuovo corso. 'Addio banca del territorio'
Economia
22 Marzo 2021 - 11:58- Visite:30866
La mappa dei contagi nel modenese: 9 casi in città, 3 casi a Polinago
La Provincia
17 Aprile 2020 - 18:18- Visite:24427
Banco BPM, 1500 pensionamenti volontari e 300 filiali chiuse
Economia
30 Dicembre 2020 - 14:08- Visite:22662
Festa a Palagano, il sindaco si sposa con la sua Laura: celebra Matteo..
La Provincia
27 Agosto 2017 - 15:54- Visite:13434
Coronavirus, la mappa dei nuovi casi: 12 a Modena, 11 a Carpi
Societa'
15 Marzo 2020 - 17:37- Visite:13420
'Nessun favoritismo per il mio matrimonio: allusioni offensive'
Lettere al Direttore
30 Agosto 2017 - 17:35- Visite:11701
La Provincia - Articoli Recenti
'Amianto, l'amministrazione di San ..
Zanoli: 'La promessa mappatura dell'amianto è rimasta sinora lettera morta'
08 Aprile 2021 - 18:05- Visite:265
Covid, 80 contagi a Modena e tre ..
I sintomatici sono 35, gli asintomatici 45. Cinque le persone ricoverate in Reparto, una in ..
08 Aprile 2021 - 17:17- Visite:2777
Sassuolo: in auto con cocaina e ..
Un 40enne marocchino bloccato dai militari nel corso di un controllo alle ore 22. Per lui ..
08 Aprile 2021 - 10:17- Visite:524

CafItalia

La Provincia - Articoli più letti


Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:159225
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:41781
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:37413
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta ..
Trincia: 'Arrestato Claudio Foti, responsabile del Centro Hansel e Gretel, lo stesso da cui ..
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:34930