Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
notiziarioLa Provincia

Chiusura punto nascite Pavullo: gli ultimi due parti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Accorsi (Commissione Nascita Regione Emilia Romagna): “Nell’emergenza come nei parti a basso rischio tutto dev’essere perfetto. Noi lavoriamo per la salute di madri e bambini'


Chiusura punto nascite Pavullo: gli ultimi due parti

“Non ci sono dubbi che la chiusura di un piccolo punto nascita rappresenti un momento ad impatto emotivo per la popolazione del territorio; quando si parla di salute, occorre però riuscire ad andare oltre al legame affettivo”. Ad affermarlo è il dottor Paolo Accorsi, ginecologo e componente della Commissione Nascita regionale, che si è espressa unanimemente a favore della chiusura di alcuni punti nascita in Emilia Romagna, fra i quali quello di Pavullo.

“L’OMS – chiarisce – sottolinea l’importanza di partorire il più possibile vicino a casa, ma a condizione che siano garantiti i criteri di sicurezza per la mamma ed il neonato. L’emergenza in sala parto è rara, ma si può sempre verificare in modo del tutto imprevedibile anche nei cosiddetti parti a basso rischio. Ed anzi, proprio in questi casi la percezione - errata - di prevedibilità assoluta attraverso il meccanismo di selezione, diventa particolarmente pericolosa, perché l’emergenza, quando si manifesta, coglie ancor più impreparati. Nel parto in ospedale le donne pretendono – ne hanno diritto – la massima qualità assistenziale per il massimo della sicurezza. E nell’emergenza tutto deve essere perfetto: scelte giuste e sinergie perfette tra gli operatori. Non stiamo parlando solo di un bravo ginecologo o un altrettanto bravo pediatra: parliamo di un team che comprende ostetriche, infermiere, chirurghi, personale di sala operatoria, laboratorio, trasfusionale, anestesisti, neonatologi. È il personale che deve essere tutto presente immediatamente, non c’è tempo per spiegare o chiedere cosa fare. Non basta far ruotare nei piccoli punti nascita operatori che lavorano di routine in grandi ospedali, perché questi operatori non sarebbero in grado di operare in perfetta sintonia: occorre tanto allenamento fatto assieme. L'intero ospedale non risulta sempre all'altezza per affrontare situazioni ostetriche e neonatologiche critiche, e non a caso molti dei criteri di esclusione al parto sono su categorica indicazione anestesiologica. Le società scientifiche si esprimono concordi contro la permanenza in attività dei punti nascita sotto i 500 parti l’anno. Mi auguro che anche la società civile ne comprenda i motivi e divenga presto consapevole che i professionisti si esprimono e lavorano tutti i giorni per la salute e non per altri obiettivi”.

PAVULLO

Sono ancora due le donne in imminenza di parto a cui è stata offerta la  possibilità di partorire a Pavullo, qualora le condizioni mediche non  presentino delle criticità. In seguito a una rivalutazione clinica delle  diverse situazioni, il numero totale di donne è dunque 6.

Tra sabato 7 ottobre e ieri infatti altri 3 bambini (su un totale di 6) sono nati a Pavullo. Si tratta dei neonati alle cui madri era stata garantita la possibilità di portare a compimento il parto in quell’Ospedale, nonostante la decisione della Regione di sospendere le attività del punto nascita. D'ora in poi le mamme saranno accompagnate secondo un percorso personalizzato nella scelta del luogo più idoneo per il parto, l’Ospedale di Sassuolo per competenza territoriale o il Policlinico di Modena in caso di gravidanze complesse. A Pavullo continuerà ad essere garantita, anzi potenziata, l’assistenza nelle fasi pre e post-parto previste dal Percorso Nascita dell’Azienda USL di Modena.

“Abbiamo predisposto piani di protezione e accompagnamento per le donne, personalizzando il loro percorso nascita sin dalla fase pre-concezionale, quando possibile, e lungo tutta la gravidanza, utilizzando strumenti di geolocalizzazione per garantire la massima sicurezza” spiega Silvana Borsari, direttore dei Consultori familiari dell’Azienda USL di Modena e membro della Commissione nascita regionale. Creazione di una vera e propria anagrafe delle gestanti, contatti telefonici di trimestre in trimestre e visite in ambulatorio, accompagnamento al parto con una nuova procedura ad hoc, ma non solo: “Ci saremo fino al puerperio, rendendo disponibile il sostegno dell’ostetrica che assisterà mamma e bimbo nelle prime settimane dopo il parto”. Dimissioni con presenza dell’ostetrica e dimissioni protette nelle gravidanze multiproblematiche, appuntamento già fissato con il pediatra per la prima visita, e assistenza ambulatoriale e domiciliare a tutte le puerpere del Distretto, con consulenze e incontri non solo pre ma anche post-parto. “Tutto questo – conclude – in un’ottica di una sempre maggiore integrazione tra ospedale e rete territoriale, personalizzazione e, sopra ogni cosa, massima sicurezza per mamme e bimbi”.

 

 

 



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:182909
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda ..
La Provincia
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:175170
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:109110
Ex primario Pronto soccorso Modena: 'Alle persone sane sconsiglio il ..
Politica
19 Giugno 2021 - 16:44- Visite:76309
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:70555
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:64331

La Provincia - Articoli Recenti
Coronavirus, 25 contagi a Modena e un..
I sintomatici sono 13, gli asintomatici 12. Una persona risulta ricoverata in Reparto
09 Ottobre 2021 - 17:11- Visite:1382
Mirandola torna 'A Riveder Le Stelle'
Negli allestimenti in centro storico rivive il viaggio di Dante. In uno spazio urbano che ..
09 Ottobre 2021 - 11:03- Visite:352
Associazione religiosa sfrattata: ..
La loro intenzione è sempre stata quella di mandare la Missione fuori dallo stabile
09 Ottobre 2021 - 00:29- Visite:353
Covid Modena, 32 contagi. Muore una ..
Una persona è stata ricoverata. I sintomatici sono 23, gli asintomatici 9. Si aggiungono 87..
08 Ottobre 2021 - 16:14- Visite:2123
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:175170
Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:161008
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:43523
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:39131