Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
notiziarioLa Provincia

Così il Covid neutralizza la montagna

La Pressa
Logo LaPressa.it

Le emergenze spingono a reinventarsi, l’impressione invece è che qualcuno spinga a rassegnarsi


Così il Covid neutralizza la montagna

Il criterio prudenziale va per la maggiore in un Appennino che rinuncia in gran parte ai suoi eventi autunnali, con tutte le ricadute che ci saranno sull’economia locale. Niente Festa della Castagna a Montecreto (sarebbe stata la trentacinquesima), niente Festa delle Tre Farine a Pievepelago e niente “Ste Sroden” a Fanano. In forse la mostra mercato del Tartufo a Montefiornino mentre resistono la Sagra della Castagna e quella del Marrone rispettivamente a Zocca e Roccamalatina.

Rinunce preventive per garantire il contenimento dei contagi, non fosse che a oggi, dati riportati dal Sole 24 Ore, risultano 8.804 positivi su 162.932 test, ossia il 5% sui tamponi fatti; e se a questo si aggiunge che di questa percentuale il 94% sono asintomatici il dato che emerge è che ci sono 440 positivi nuovi in relazione ai sessanta milioni di abitanti che popolano la Repubblica Italiana. E’ strano che quando si parla di dati elettorali vengono sbandierate le percentuali e non i voti reali, laddove da quando c’è l’emergenza Covid-19 solo di questi si tiene conto.

Eppure in Emilia Romagna siamo attrezzati, piaccia o meno il presidente Bonaccini, in regione abbiamo l’Hub nazionale della terapia intensiva che vede coinvolti tra gli atri il policlinico e l’ospedale civile di Baggiovara, oltre a tutte le disposizioni di prevenzione che sono state prese per fronteggiare la pandemia.

Ed è oltremodo curioso che ai locali sia stato imposto un’orario “Cenerentola” come se il virus puntasse alle persone che stanno in piedi (per i locali che non fanno servizio al tavolo) o agisse col favore delle tenebre, un po’ come il governo quando decide di agire con Dpcm in palese contrasto con la Costiuzione “la più bella del mondo” ma che va difesa solo quando ci sono Salvini chiede “pieni poteri” tramite elezioni e non con stati d’emergenza prorogati ad libitum.

In tutto questo la montagna modenese prosegue nella sua agonia, con un turismo che ha vissuto di riapertura di seconde case, e di riscoperta della prossimità, ma che ha visto ridurre drasticamente l’offerta sul territorio. Pochi eventi, la cultura lasciata ai margini, coraggiosi imprenditori che riaprono bar e ristoranti a fronte di chiusure e restrizioni, edilizia che prova a salire sul carro del superbonus e poco altro.

Se l’emergenza ormai è l’alibi dietro cui si trincera il governo, non sono da meno gli amministratori locali, stretti loro malgrado tra disposizioni nazionali che potrebbero essere tranquillamente smantellate con un ricorso al Tar, terrorismo mediatico e cronica rendita di posizione.

Gli eventi autunnali erano un’occasione per ripartire, per dimostrare soprattutto responsabilità sia come amministratori, sia per testare quella degli avventori. Un’esempio? Due settimane fa a Spezzano, la LVF di Fiorano, ha fatto la sua festa, una tre giorni fatta di concerti e spettacoli, in piazza. Sedie posizionate col distanziamento, stand gastronomico con menù limitato e percorso obbligato e, per l’occasione, il presidente dei volontari si è complimentato con tutti i partecipanti per il rispetto delle regole. Un sasso nello stagno, eppure è stato possibile.

I sette contagiati che risultano a Pievepelago, che era un comune “Covid Free” nel pieno dell’emergenza, per stessa ammissione del sindaco Ferroni, non devono allarmare, sono confinati in via precauzionale, ma perché impedire alle comunità di provare a riprendersi con eventi che possono essere tranquillamente gestiti? In fondo non stiamo parlando di rave party, ma nella maggior parte dei casi si tratta di stand gastronomici, bancarelle e negozi aperti che, in un paio di giorni, farebbero quello che fanno in una settimana. Il tutto rispettando le regole, perché le persone non sono così negligenti come i media li dipingono.

Il tracciamento non è fuori controllo come grida un allarmato Crisanti, che con la sua idea di lockdown natalizio farebbe fallire tutti i consorzi sciistici in un solo inverno. La realtà è che gli unici a non fare prevenzione, sono stati proprio queli amministratori che si fanno belli facendo prevalere un criterio apparentemente prudenziale, ma che in realtà non sono in grado di creare opportunità sul loro territorio.

Le emergenze spingono a reinventarsi, l’impressione invece è che qualcuno spinga a rassegnarsi.

Stefano Bonacorsi



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
'Altro che Tachipirina, ecco come bisogna curare a casa il Covid'
Parola d'Autore
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:220550
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:164639
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:135547
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:107554
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:69314
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:62719

Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Provincia - Articoli Recenti
Covid, 16 contagi a Modena e un ..
I sintomatici sono 10, gli asintomatici 6. Si aggiungono 26 nuovi guariti. Ad oggi i guariti..
14 Giugno 2021 - 17:00- Visite:1660
Al via a Limidi l’Hub vaccinale ..
Si trova nella palestra Pederzoli, messa a disposizione dal Comune di Soliera
14 Giugno 2021 - 14:02- Visite:275
Schianto sulla Estense a Pavullo: ..
Alle 11 all'altezza di Madonna dei Baldaccini sulla Nuova Estense un camion e una moto si ..
14 Giugno 2021 - 12:22- Visite:5430
Covid a Modena: 7 contagi, tutti ..
I nuovi casi a Castelnuovo, Fanano, Fiorano, Maranello, Modena (2) e San Prospero
13 Giugno 2021 - 16:29- Visite:1910
La Provincia - Articoli più letti
Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:159931
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:42362
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:37978
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta ..
Trincia: 'Arrestato Claudio Foti, responsabile del Centro Hansel e Gretel, lo stesso da cui ..
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:35567