Emergenza neve in Appennino, ipotesi utilizzo fondi Covid
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Emergenza neve in Appennino, ipotesi utilizzo fondi Covid

La Pressa
Logo LaPressa.it

Magnani: 'Il ministro ha dimostrato di aver compreso le esigenze dell’Appennino mostrando anche un certo pragmatismo'


Emergenza neve in Appennino, ipotesi utilizzo fondi Covid
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Prima un tavolo, che diventerà permanente, per affrontare l’emergenza “Appennini senza neve” poi i ristori. Questi i primi risultati dell’incontro che si è svolto ieri tra i presidenti di Regione di Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo e Molise, i rappresentanti degli albergatori, maestri di sci e impianti di risalita con Daniela Santanchè, ministro del Turismo, per affrontare le conseguenze dell’assenza di neve nei comprensori, la quale unita al caldo anomalo finora ha stoppato l’attività dei comprensori appenninici causando agli operatori danni diretti per almeno 50 milioni «ma potrebbero addirittura triplicare se verranno considerati anche i danni indiretti» aggiunge Eugenio Giani, presidente della Toscana.

Quattro le misure previste. «Abbiamo un fondo del Ministero per poter finanziare gli investimenti per gli impianti di risalita e sull’innevamento e abbiamo deciso che possiamo ristornare gli investimenti che molte di queste località danneggiate hanno fatto nel 2022 e quindi poter dare subito loro questi denari che sono stati investiti in modo da dare risorse fresche e non peggiorare la loro situazione» dice il ministro.

Si punta a un coinvolgimento del ministero del Lavoro sul tema degli ammortizzatori sociali perché gli stagionali (per esempio i maestri di sci) non possono avere la cassa in deroga. «Lavoriamo anche su una misura del governo Monti, su suggerimento del presidente Giani che ho accolto, relativa al fatto che il 50% della riscossione dei comuni doveva essere stornato per le zone disagiate, e invece in questo momento emergenziale sarebbe opportuno che queste risorse potessero rimanere sul territorio».

«Le aziende turistiche della montagna chiedono» aggiunge Antonio Barreca, dg di Federturismo-Confindustria, «la moratoria sui mutui e per le imposte di almeno sei mesi, la Cig straordinaria per gli addetti e il credit o d’imposta sugli F24 pagati a dicembre».
Si punta inoltre a liberare i fondi Covid che alcune Regioni hanno in pancia, ma che non possono essere utilizzati per altre finalità e crediamo di poterlo fare rapidamente.

«L’Emilia Romagna potrebbe mettere a disposizione già 3,2 milioni» afferma il presidente Stefano Bonaccini con l’assessore al Turismo, Andrea Corsini «Come Regione ci siamo fatti capofila di alcune proposte, a partire dallo svincolo dei residui non assegnati dei bandi Covid, che sarebbero immediatamente utili per le imprese coinvolte, anche se di certo non risolutivi». Fa eco Igor Taruffi, assessore regionale alla montagna: «Bisogna intervenire in tempo, con risposte concrete: a pagare lo scotto non sono soltanto gli impianti sciistici, ma anche tutte le attività che ruotano intorno, dai ristoranti agli alberghi. E che generano indotto».

«Il ministro ha dimostrato di aver compreso le esigenze dell’Appennino mostrando anche un certo pragmatismo» ha dichiarato il presidente del Consorzio del Monte Cimone Luciano Magnani «ci auguriamo che alle parole seguano al più presto i fatti»; mentre Amedeo Faenza, presidente provinciale di Federalberghi-Confcommercio ha aggiunto «Oltre agli aiuti in questa fase di emergenza - come moratoria sui mutui, agevolazioni fiscali, cassa integrazione per gli stagionali, sblocco delle risorse rimaste dai bandi covid - credo siano importanti anche provvedimenti indiretti, deve essere elaborato un nuovo progetto per la montagna, un piano a lungo termine per renderla fruibile sempre, anche senza neve. Se il futuro è questo, ovvero inverni con temperature così alte, sopravvivere per le aziende della montagna diventa difficile. La maggior parte degli alberghi è chiusa, non c’è domanda e conviene chiudere, ma paghiamo l’Imu e le bollette. Dobbiamo ripensare il turismo in Appennino arricchendo l’offerta sciisitica con altre opportunità».
Stefano Bonacorsi

Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Mivebo

e-work Spa
La Provincia - Articoli Recenti
Voto a Carpi: centrodestra perde 32% a 58%, ma per la Arletti è 'risultato storico'
E' vero che il centrodestra cinque anni fa si fermò al 27,3%, ma è anche vero che grazie ..
12 Giugno 2024 - 09:03
Ballottaggio a Mirandola, il Pd ottimista: 'Siamo la prima lista'
'Abbiamo fatto una operazione straordinaria: ora ci attende il secondo tempo di una partita ..
12 Giugno 2024 - 08:36
Tragedia a Guiglia, 78enne muore schiacciato dal trattore
Marino Lelli, 78enne residente a Guiglia, è morto schiacciato da un trattore mentre si ..
12 Giugno 2024 - 08:12
Fiorano, i viaggi in solitaria in mountain-bike di Gino Ferri
Santiago de Compostela, Bolivia, India, Giordania, e l'ultima propria e vera, lasciatemelo ..
11 Giugno 2024 - 15:52
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48