Ferragosto in Appennino: una occasione sprecata
Scelgo Goldoni Elezioni comunali San Felice sul Panaro
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Scelgo Goldoni Elezioni comunali San Felice sul Panaro
notiziarioLa Provincia

Ferragosto in Appennino: una occasione sprecata

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nessuno che abbia pensato a tour tra castelli e borghi antichi, nessuno, come al solito, che abbia pensato di fare veramente sistema


Ferragosto in Appennino: una occasione sprecata
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Boom di presenze in Appennino, ed effettivamente non vedevamo così tanto afflusso da anni. Eppure la sensazione è quella di aver perso comunque un treno che, volente o nolente, la pandemia da Covid-19 ha offerto.

Perché se la quarantena e il confinamento hanno portato al bisogno del ripensamento degli spazi abitativi, allora occorre fare un ragionamento che non riguardi solo lofferta turistica, ma che punti a strutturare un Appennino a misura di montanaro e non solo per il turista. Perché una cosa che ho notato da molti anni a questa parte, è che non si può avere la pretesa di offrire al turista chissà quali cose, se poi non sei in grado di offrire nulla a chi il territorio lo vive ogni giorno.

Ed è vero che le amministrazioni si sono chi più chi meno reinventate gli eventi estivi, è vero che c’è stato un boom di dehors per i ristoratori beneficiati dal caldo e dal bel tempo (altrimenti era un bagno di sangue), ma è anche vero che gli operatori del settore non sono andati oltre al salto indietro di trentanni fa, quando il turismo era prevalentemente residenziale e poco più.

UnAppennino mai così pieno come questanno ha visto sagre annullate, iniziative culturali ridotte al lumicino, poca propensione a fare di necessità virtù, come se la logica fosse quella del passata la paura prendiamo quel che viene.

E forse è proprio questo il punto, la paura. Il giornale unico del virus non fa altro che alimentare la paura e allora stretta sulle discoteche per via dellaumento dei contagi (o meglio dei positivi, ma non dei malati, le terapie intensive sono vuote), però a fine agosto partirà la solita festa dellUnità, coi menestrelli di regime e lì vedremo se ci sarà qualcuno che griderà agli assembramenti.

La paura ha paralizzato ogni cosa, e dire che oggi come oggi, che il mostro lo conosciamo, dovremmo avere gli strumenti per prevenire e curare, senza girare con mascherine con 30° allombra, distanziamenti sociali che fanno scappare da ridere, e balli guancia a guancia solo tra congiunti.

Lo scorso anno di questo periodo uno studio Lapam denunciava la scomparsa di 600 imprese in dieci anni in Appennino; si dice che a settembre inizieranno le vere rese dei conti tra chi non alzerà più la saracinesca e chi proverà a sopravvivere. Nel frattempo, la tipica inventiva italiana, quella qualità di rialzarsi anche quando tutto appare improbabile e impossibile, è spezzata come una spiga di grano sotto la grandine, e in Appennino ce ne siamo accorti tutti. Qualche lampo di qualche esercente, Pro loco timide, parrocchie impaurite, piazze piene di gente ma senza niente da fare se non un podi shopping, qualche mangiata, un giro in bicicletta o le escursioni.

Nessuno che abbia pensato a tour tra castelli e borghi antichi, nessuno, come al solito, che abbia pensato di fare veramente sistema anziché riempirsi solo la bocca di belle parole.

Io non faccio testo, il mio lavoro è un altro, ma tra le cose che faccio, c’è quella di osservare. E osservo che cera loccasione per rifondare, ma è stata persa. Peccato.

Stefano Bonacorsi 


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

MIRANDOLA CARLO BASSOLI SINDACO
La Provincia - Articoli Recenti
San Prospero, il Consiglio di Stato commissaria il Comune: niente voto
Entrambe le liste di Sauro Borghi e Bruno Fontana non potranno correre a causa del grave ..
22 Maggio 2024 - 17:41
Serramazzoni, Società patrimoniale con un buco da quattro milioni
L’amministrazione ha avviato il processo di reinternalizzazione integrale dei servizi. ..
22 Maggio 2024 - 10:28
Lions Young Ambassador European Award: c'è un ragazzo di Serramazzoni
Niccolò Bartolacelli ha pensato una App per aiutare le persone con difficoltà nella ..
22 Maggio 2024 - 10:07
'Mirandola, esponente Giovani democratici evoca le Br contro la Budri'
La Lega: 'Atti intimidatori e squadristi di gravità inaudita a mezzo social che non ..
21 Maggio 2024 - 15:23
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48