La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliEconomia

Il Frignano sospeso. Pavullo: 'Commercio, intero settore in agonia'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Stefania Cargioli, gestisce Benetton, 012, Sisley: 'Al momento abbiamo usufruito del provvedimento del governo e messo in cassa integrazione le dipendenti'


Il Frignano sospeso. Pavullo: 'Commercio, intero settore in agonia'

Stefania Cargioli, insieme alle sorelle Gabriella ed Emanuela gestisce tre negozi a Pavullo, BENETTON, 012 e SISLEY, dove hanno tre dipendenti. I loro negozi sono stati tra i primi a chiudere, prima ancora delle restrizioni che avevano reso l’Italia zona arancione.

“Seguivamo da tempo con apprensione l’epidemia del coronavirus in Cina, con il terrore che potesse capitare anche a noi, il primo caso di Codogno ci ha fatto preoccupare parecchio, ricordo che era venerdì pomeriggio e ci siamo trovati davanti ai negozi con altri colleghi a commentare con preoccupazione. Poi i numeri dei contagi sono aumentati, sono arrivate le prime raccomandazioni per tutelare la salute nostra, dei dipendenti e dei clienti, disinfettavamo ossessivamente porte, banconi , pavimenti e facevamo osservare la distanza di sicurezza.

Nel frattempo continuavano ad arrivare colli con la merce primavera/estate e guardavamo i corrieri con un po’ di apprensione, tenendoli a distanza. I saldi stavano finendo e noi avevamo già allestito negozi e vetrine con abiti colorati in attesa della primavera. Facevamo finta che andasse quasi tutto bene. Poi domenica sera 8 marzo c’è stata la conferenza stampa di Conte che ha inserito anche la provincia di Modena in zona rossa con ulteriori restrizioni. Lunedì 9 abbiamo aperto i negozi, ci siamo confrontati anche con il personale e abbiamo deciso di chiudere da subito i nostri negozi, anche se non era obbligatorio, siamo consapevoli di non vendere beni di prima necessità. Abbiamo negozi abbastanza grandi da permettere la distanza di sicurezza ma non avevamo lo spirito giusto per rapportarci ai nostri clienti e soprattutto pensavamo fosse necessario contribuire a fare stare a casa più gente possibile, per proteggere noi, i nostri clienti ma soprattutto per rispetto degli operatori sanitari che non potevano scegliere di stare a casa'.

'Al lunedì pomeriggio abbiamo chiuso i tre negozi. Pensiamo che sia prioritaria l’emergenza sanitaria di fronte a quella economica. Abbiamo anticipato di pochi giorni la decisione del Presidente del Consiglio di chiudere tutto quello che non era indispensabile. Le preoccupazioni ci sono, abbiamo in negozio già l’80% della merce primavera estate, già fatturata con pagamento a 30/60/90/120 giorni, quindi a fine marzo avevamo già una rata importante da pagare. Abbiamo gli affitti da pagare e faremo fatica a farlo. Sono già arrivate le fatture per l’energia elettrica di Hera con scadenza fine marzo. Al momento abbiamo usufruito del provvedimento del governo e abbiamo messo in cassa integrazione le tre dipendenti, così come abbiamo posticipato i pagamenti degli oneri previsti per il 16 marzo. Siamo in attesa di capire l’efficacia delle misure che il governo sta mettendo in campo ma a oggi ci paiono insufficienti di fronte ad incassi zero. Siamo consapevoli che è una situazione generalizzata ma in questo momento mal comune mezzo gaudio non ci consola. Non sappiamo quando finirà questa emergenza, ma sappiamo per certo che quando succederà l’economia sarà in ginocchio e i consumi non ripartiranno celermente. Tutti gli interventi messi in campo che di fatto posticipano i pagamenti ma non li annullano non credo sortiranno dei grandi effetti se non quello di prolungare l’agonia della nostra categoria già colpita pesantemente dalla crisi e dall’e commerce anche prima di questa emergenza. Noi piccoli commercianti teniamo chiuso volentieri per provare a dare un contributo all’attenuarsi di questa epidemia, speriamo che chi deve fare acquisti non indispensabili aspetti la fine di questo periodo e non faccia acquisti su Amazon o altri siti simili, mettendo a rischio i corrieri e soprattutto pensando che questi grandi gruppi non pagano tasse in Italia e quindi non contribuiscono al sostegno del nostro sistema sanitario'.

Stefano Bonacorsi


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:120095
Modena in zona rossa: cosa prevede la bozza del decreto
Societa'
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:67088
La pandemia globale di Coronavirus? Simulata nel 2019
Oltre Modena
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:64152
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:50599
Coronavirus, scuole tutte chiuse in Emilia Romagna per altri 8 giorni
Societa'
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:47426
Coronavirus, Venturi: basta cazzeggio o state a casa o vi fermiamo noi
Societa'
16 Marzo 2020 - 18:32- Visite:43751
Economia - Articoli Recenti
Tnt-Fedex Modena, l'allarme della ..
'Disorganizzazione e una mala gestione unita ad una non capacità di controllo della filiera..
03 Agosto 2020 - 14:11- Visite:511
Sos Coldiretti Modena: 'Dopo il ..
In particolare nel carpigiano, tra Campogalliano, Soliera e Limidi, e nelle zona tra ..
03 Agosto 2020 - 14:05- Visite:520
Anche Ferrari piegata dal Covid: -42%..
L’utile netto per il periodo è stato pari a 9 milioni, rispetto a 184 milioni nel secondo..
03 Agosto 2020 - 13:51- Visite:387
Unico, la farmacia dei farmacisti: da..
La gestione del debito attraverso il reverse factoring potrà consentire di impiegare le ..
03 Agosto 2020 - 12:35- Visite:355


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61233
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:54427
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31362
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:31258