In appennino raccolta differenziata più che raddoppiata senza porta a porta e lasciando i cassonetti
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

In appennino raccolta differenziata più che raddoppiata senza porta a porta e lasciando i cassonetti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nei comuni di Frassinoro, Montefiorino e Palagano, è bastato soltanto sostituire i cassonetti dell'indifferenziata con quelli apribili solo con Carta Smerando, lasciando i contenitori della differenziata, per passare dal 30 al 70% di differenziata


In appennino raccolta differenziata più che raddoppiata senza porta a porta e lasciando i cassonetti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

In montagna la raccolta dei rifiuti è stradale: i cassonetti per la raccolta differenziata sono ad accesso libero e dotati di feritoie/oblò per limitare i conferimenti di materiale non conforme. Solo il cassonetto dell’indifferenziato, da alcuni mesi (da pochi giorni anche a Pavullo), si apre con la Carta Smeraldo, utile anche per accedere alla stazione ecologica. Di fatto, nessun porta a porta. Ma è bastato sostituire i soli cassonetti della raccolta indifferenziata con quelli ad apertura consentita solo con Carta Smeraldo per ottenere risultati straordinari. Al netto che la montagna ha sempre avuto percentuali minori di raccolta differenziata, e ben al di sotto degli obiettivi previsti anche dal piano rifiuti, il balzo in avanti è notevole. La raccolta differenziata nei comuni di Frassinoro, Montefiorino e Palagano è più che raddoppiata.


Da quando è stata avviata, nell’estate scorsa, la riorganizzazione dei servizi ambientali nella zona “montagna ovest”, la percentuale di differenziata nei tre territori serviti dal Gruppo Hera ha raggiunto il 71,7% a Frassinoro, il 71,9% a Montefiorino e il 76% a Palagano (dati relativi al mese di novembre 2023), ben oltre la soglia del 67% posta dalla Regione Emilia Romagna per i comuni montani. Fino a pochi mesi fa in questi territori la quota di differenziata si attestava in media poco oltre il 30%.

Con questo balzo in avanti non si è ancora a livello dei comuni virtuosi e soprannominati 'ricicloni', diffusi soprattutto nel bacino gestito da Aimag (con percentuali superiori all'80% di raccolta differenziata ed una ridotta quantità di rifiuti indifferenziati prodotti), ma i tre comuni montani hanno comunque già raggiunto il traguardo posto dalla Regione.

Il tutto con un sistema di fatto senza porta a porta e senza l'eliminazione dei cassonetti. E in tale contesto i miglioramenti sono più che possibili. 

Nei giorni scorsi i tre sindaci hanno incontrato personale della multiutility per fare il punto della situazione, affrontare insieme alcune criticità e migliorare gli aspetti segnalati da cittadini e imprenditori. In particolare:

- Incrementare, ove necessario, la frequenza di svuotamento dei cassonetti, soprattutto quelli della raccolta differenziata (carta, plastica e vetro).
- Verificare il corretto funzionamento del dispositivo di apertura a tessera del cassonetto dell’indifferenziata e ancorare in alcuni punti i bidoni dell’organico.
- Sollecitare il ritiro delle tessere ancora in giacenza e potenziare la comunicazione sul corretto
conferimento dei rifiuti.
- Valutare con i comuni eventuali servizi integrativi in base alle esigenze delle attività produttive.
- Incrementare i punti di raccolta nelle zone rurali e, contestualmente, verificare le dotazioni delle singole batterie per razionalizzare il numero dei cassonetti, con particolare riferimento a quelli degli sfalci, utilizzati impropriamente per conferire il rifiuto indifferenziato.
Terminata la fase di messa a punto del servizio di raccolta si affronterà infine la riqualificazione delle piazzole per migliorare il decoro urbano.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Onoranze funebri Gibellini
La Provincia - Articoli Recenti
Mirandola, al via un Day Service di Medicina Interna
Prenderà in carico casi clinici complessi. Da oggi, lunedì 8 luglio, nuovo servizio ..
08 Luglio 2024 - 18:35
Finale, finalmente gli ultimi lavori di rinforzo di Ponte Vecchio
Al termine, dopo le prove di collaudo, si potrà riaprire la struttura al transito veicolare..
08 Luglio 2024 - 17:33
Finale Emilia, in arrivo 500 nuovi punti luce a led
Quest’ultimo intervento, insieme a quelli già eseguiti nel 2023 e nella prima parte del ..
08 Luglio 2024 - 12:39
Mirandola, controlli polizia locale: 38 sanzioni
Donnarumma (assessore alla Sicurezza): 'Abbiamo implementato i controlli su Mirandola e ..
08 Luglio 2024 - 12:30
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48